Mamme e lavoro: il brutto di lavorare da casa


Il tema è di quelli che ogni volta che ne parli scateni l’inferno, gli schieramenti spesso sono netti: da un lato le mamme che lavorano e dall’altra le mamme che ‘non lavorano’ (controsenso, lo sappiamo, ma così vengono classificate).

Ognuna delle singole scelte, fintantoché si parla di scelta, ha le sue buone ragioni:

– Chi continua senza interruzione (a parte la maternità) la professione nonostante la maternità, e quindi ricorrendo ad aiuti che possono essere nonni/tate/asili;

– Chi sceglie di lasciare il lavoro perché fatti due conti con il portafogli e la propria indole, preferisce seguire i propri figli in attesa di giorni migliori.Che la seconda scelta sia un’arma a doppio taglio per ovvi motivi di indipendenza presente e futura, almeno qui in Italia, lo si può immaginare senza troppi sforzi, ma in questo dibattito spesso si dimentica una ‘terza categoria’, le mamme che lavorano da casa.

E cioè quella sempre più nutrita schiera di mamme lavoratrici, che per lavorare non si deve recare tutti i giorni in un ufficio, ma lavora da casa via internet. Pare la soluzione a tutti i mali del mondo del lavoro? Tutt’altro, i lati negativi ci sono anche in questa ‘comoda’ scelta e troppo spesso li si dimenticano, presi dalla foga dei media che decantano le mirabolanti imprese di mamme blogger, o imprenditrici che comodamente sedute in salotto lavorano e si realizzano nella loro professione.

Prima di farvi incantare dai titoli di giornali e magazine, vi vogliamo elencare anche il rovescio della medaglia, non per demoralizzarvi, ma per capire bene cosa voglia dire ‘lavorare da casa’:- di solito chi lavora da casa è un lavoratore autonomo (perché il lavoro dipendente a casa è una chimera in Italia), il che presuppone il guadagno grazie a collaborazioni occasionali, consulenze o progetti personali. Dal lato fiscale non c’è bisogno di ricordarlo, la comodità si paga eccome, i lavori spesso sono sottopagati e la pressione fiscale ne mina il vantaggio, anche perché troppi sono disposti a essere pagati poco.

Il risultato è di lavorare 24h senza avere più tempo per sé, i figli e la vita in genere;- Lavorare da casa per la maggior parte delle persone vicine significa semplicemente ‘stare a casa’, in poche parole ‘Sei a casa quindi ti posso telefonare/citofonare/messaggiare a qualsiasi ora, tanto sei lì disponibile;

– Il tempo: la cosa più preziosa che c’è, per una mamma che lavora da casa è ancora più prezioso, minato dall’orario e dal calendario scolastico e dalle malattie infantili che mandano spesso all’aria i programmi precedentemente fatti; se si ha dei bambini molto piccoli, il lavoro va conciliato con le ore di sonno che via via che i bambini crescono diminuiscono sempre di più.

– I costi fissi sono sicuramente più bassi, non ci sono quelli di trasporto, ma ci sono quelli di computer/connessione/software tutti a carico della lavoratrice. E se hai problemi devi pagarti da sola l’assistenza o vedertela da sola, se ne sei capace.

Figli, diciamolo chiaramente: se i bambini sono a casa perché piccoli e voi pensate di poter lavorare… scordatevelo, lo potrete fare solo quando loro dormono o molto meglio quando saranno all’asilo/scuola;

– E poi c’è il lato psicologico, che non è trascurabile. Non tutti sono disposti a stare in casa, la vedono come una rinuncia alle battaglie per ottenere l’indipendenza e l’uscita da casa, conquista sudata nei decenni passati. E poi c’è la perdita di una vita sociale che non siano le quattro chiacchiere su facebook con le amiche.

Che ne dite, siete d’accordo o vi sembriamo troppo pessimiste? Ma poi ci sono anche i lati positivi, molti di più secondo noi. Ma quelli ve li raccontiamo nella prossima puntata!

Se ti piace leggere Margherita.net, abbonati gratuitamente alla nostra newsletter settimanale, ogni settimana nella tua mail. Fai click qui per saperne di piu.

3 Comments

  • Diciamo che avete rin parte reso l’idea, anche se si, siete un pò troppo pessimiste 😀
    Io lavoro da casa e per ora va bene così. Sono felice di non dover rendere conto a nessuno se non lavoro perchè mio figlio ha la febbre, o se decido di rimandare il lavoro a dopo cena perchè è uscito il sole e voglio portare mio figlio al parco.
    A casa a volte ci si annoia perchè si sta soli, in ufficio magari si sclera perchè non si sopportano più i colleghi 😀 Il lavoro è lavoro, a casa o in un ufficio ci sono sempre i pro e i contro.

    • Cara Vale,

      grazie per aver detto la tua, infatti la libertà di non doversi giustificare quando un figlio è ammalato è impagabile…. ma questo fa parte dei molti lati positivi, domani li mettiamo. se vorrai dire la tua ti aspettiamo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.