Fare la modella. Quali le caratteristiche che le agenzie ricercano? Intervista ad Alessandro Piano, Model Scout.

Un’altra cosa che fa la differenza nelle modelle è la personalità. Non basta più essere solo belle, questa è una cosa che fa la differenza. Se piaci al booking quando entri in agenzia, si…

Fare la modella. Quali le caratteristiche che le agenzie ricercano? Intervista ad Alessandro Piano, Model Scout.
Fare la modella. Quali le caratteristiche che le agenzie ricercano? Intervista ad Alessandro Piano, Model Scout.

In collaborazione con ADVERSUS Che le modelle debbano essere belle (non sempre è vero, ma de gustibus…) è fuor di dubbio, la bellezza è strettamente legata al concetto e al lavoro di modella. Ma in un mondo che per definizione segue le mode e in cui le tendenze cambiano in continuazione anche i tipi di modella cambiano in continuazione. Quali sono le caratteristiche che in questo momento le agenzie di modelle ricercano per i loro clienti, e che gli scout di modelle ricercano nelle ragazze che stanno iniziando questa carriera? Lo abbiamo chiesto ad Alessandro Piano @alex_scouting, scouter di modelle, ecco le sue risposte.

 Tu come model scout devi fornire al mercato quello che il mercato richiede. Quale è il tipo di modella che in questo momento le agenzie ti chiedono di più?

In base alla mia esperienza, quello che le agenzie cercano in questo momento è la ragazza giovane, con un viso molto fresco. Ovviamente devono essere belle, avere le proporzioni giuste sia per quanto riguarda il viso che il fisico. Però la parola d’ordine è freschezza, bellezza, proporzioni.

Non sempre l’altezza è fondamentale. Io ad esempio ho appena scoperto una giovane modella – italiana – che ho appena inserito da Why Not Milano e Supreme Parigi, e lei è alta solo 171cm, ma vogliono già farla vedere a New York. Non è alta ma è molto bella, molto fresca, bellissimo fisico, bellissimo sorriso. È giovane, va ancora a scuola, ma sono convinto che avrà degli ottimi risultati. Quindi l’altezza non è così importante, se ci sono le altre caratteristiche.

Per completare la risposta, sia sulla donna che sull’uomo le agenzie adesso cercano la new face totale, quella che non si è mai vista. La novità assoluta è quello che cercano i anche i casting director, per le sfilate, per le esclusive.

Quindi c’è posto per tutte le ragazze che hanno le carte in regola, italiane comprese. E ci stai anche dicendo che l’altezza non è proprio cosi determinante come tutti pensano?

Esatto, pensa a modelle come Barbara Palvin, o Kate Moss e ad altre top models degli anni 80 e 90 che non erano alte ma hanno avuto un enorme successo. Avevano una bellezza particolare, il carattere giusto, e poi chiaramente un po’ di fortuna conta sempre, bisogna essere al posto giusto e al momento giusto. Se una modella non è tanto alta ma il casting director si innamora di lei, la fa lavorare addirittura in sfilata pur non essendo altissima. Lo stesso vale per le modelle italiane, ce ne sono, ma bisogna cercarle, e trovarle. E non sempre è molto facile.

Un’altra cosa che fa la differenza nelle modelle è la personalità. Non basta più essere solo belle, questa è una cosa che fa la differenza. Se piaci al booking quando entri in agenzia, si innamorano della ragazza perché capiscono che il cliente avrà la stessa reazione, come sempre nella vita se piaci alle persone puoi avere più successo, e così anche nel mondo delle modelle.

Le modelle che provengono da certi mercati (mi vengono in mente la Russia, l’Ukraina, adesso la Cina sta iniziando anche lei a fornire un buon numero di modelle…) costituiscono il nucleo più importante delle modelle in circolazione. Perché? Quali sono le caratteristiche che rendono le modelle provenienti da certi mercati più interessanti rispetto ad altre?

Diciamo innanzitutto che quello che in questo momento sta andando molto sono le modelle etniche. La ragazza di colore con i capelli riccioli sta andando molto. Le ragazze asiatiche, orientali, alte, sono un bel trend anche loro, funzionano bene. Per quanto riguarda gli altri mercati, parliamo ad esempio di Russia e Ucraina, il vantaggio che hanno queste nazioni è che hanno molte ragazze, molto belle. Sono magre, giovani, soprattutto sono molto motivate a viaggiare e a lavorare all’estero. La ragazza italiana è un po’ viziata, parliamoci chiaro. Vive in casa, va a scuola, ha tutto pagato, non ha grossi problemi economici, e quindi ha una motivazione diversa rispetto ad altre ragazze che provengono da altri paesi.

Tra Russia, Ucraina, Bielorussia, l’Asia dove ci sono modelle molto belle che funzionano molto bene, di modelle ce ne sono tante e quindi le agenzie di Milano, Parigi, Londra e new York attingono alle agenzie madri di quei paesi le modelle che poi vengono confermate per le varie fashion week, per le varie stagioni sui mercati primari della moda. Partiamo da New York, poi Londra, Milano e infine Parigi che chiude le settimane della moda.

Per quanto riguarda le altre ragazze di altri paesi europei ad esempio, sono tutte bellissime e possono lavorare senza problemi. Se una ragazza arriva dalla Spagna, dal Brasile, dall’Olanda, ed ha le caratteristiche giuste va benissimo, lavorano tutte senza problemi.

Ringraziamo Alessandro Piano – Head of Scouting
ICAN Model Management
Instagram @alex_scouting

ADVERSUS

Leggi ADVERSUS, il magazine per l'uomo. Fai click qui

Se ti è piaciuto questo articolo, non perdiamoci di vista. Aggiungi Margherita.net ai tuoi preferiti. Basta premere contemporaneamente i tasti CTRL e D sulla tua tastiera. Prova! :-)

LINKS SPONSORIZZATI
NOVITÀ SU MARGHERITA