Laparoscopia

Ginecologia
Ginecologia

Per diagnosticare alcune situazioni, un medico ha bisogno di vedere direttamente nell’addome e di esaminare gli organi genitali; questo può essere effettuato con la laparoscopia. La parola deriva dalle parole greche che significano ‘guardare nell’addome‘.

Il laparoscopio è un piccolo endoscopio che viene inserito nell’addome attraverso una piccola incisione; questo strumento illumina la cavità addominale in modo che il medico possa vedere all’interno.
La laparoscopia solitamente viene eseguita in regime ambulatoriale e utilizzata per diagnosticare la causa di un dolore addominale.
In passato la maggior parte degli interventi chirurgici che riguardano gli organi riproduttivi erano eseguiti in laparotomia che consiste nell’apertura dell’addome per intervenire sugli organi.
Ora, molte di queste procedure vengono eseguite attraverso la laparoscopia.

la procedura
prima che il medico inizi ad eseguire la laparoscopia vengono somministrati dei farmaci per bloccare il dolore. Dopo la somministrazione dell’anestesia viene eseguito un piccolo taglio al di sotto o dentro l’ombelico.
Un gas, il diossido di carbonio o il protossido di azoto, viene insufflato nell’addome; questo gas distende l’addome in modo che gli organi riproduttivi della pelvi possano essere visualizzati con maggior chiarezza.
Il laparoscopio viene inserito attraverso il taglio. Solitamente il laparoscopio proietta le immagini dell’intervento chirurgico su un monitor; questo rende l’immagine più grande e più facile da visualizzare.
Possono essere inseriti altri strumenti chirurgici attraverso il laparoscopio o attraverso un altro piccolo taglio.
Dopo l’intervento chirurgico gli strumenti vengono estratti ed il gas viene fatto uscire. I tagli vengono suturati solitamente con punti che si riassorbono. Entro poche ore la donna viene dimessa.

complicanze
sebbene raramente insorgano dei problemi con la laparoscopia possono aversi delle complicanze.
I problemi più frequenti comprendono
– nausea – fastidio a livello della gola se la paziente viene incubata durante l’anestesia generale – crampi addominali – perdite di sangue (simil-mestruali) che persistono per alcuni giorni – gonfiore addominale – dolore a livello ombelicale – dolore alle spalle.
Occorre interpellare il medico se si sta perdendo sangue dalla incisione o se si ha febbre o non si riesce ad urinare.

Il tempo di convalescenza dalla laparoscopia è molto più corto rispetto a quello di un normale intervento chirurgico. Solitamente si può tornare a fare le normale attività entro pochi giorni. Per la ripresa dell’attività sessuale è bene sentire il medico.

Se ti piace leggere Margherita.net, abbonati gratuitamente alla nostra newsletter settimanale, ogni settimana nella tua mail. Fai click qui per saperne di piu.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.