Dove inizia il tradimento?

doveiniziatradimento300Ovvero, in quale momento si può iniziare a dire, o pensare, che si sta andando troppo oltre, e che – piaccia o no – il nostro comportamento può essere anche definito tradimento?

Sei rimasta a lavorare fino a tardi in ufficio. Tu e il tuo collega. Stanca, lui si offre di massaggiarti spalle e collo. Accetti. È un tradimento nei confronti del tuo partner? Forse, piccolo piccolo, sì…

Durante i momenti di intimità riesci a lasciarti andare solo se nelle tue fantasie appare un tuo ex da cui non sei mai riuscita a staccarti completamente. È tradimento? Dipende, bisognerebbe mettersi d’accordo una volta per tutte se tradire con il pensiero significa veramente tradire…

Sempre in tema di ex. Lo rivedi dopo tanto tempo, e ci vai a letto. Non conta perchè in fin dei conti ci eri già andata a letto così tante volte che una in più… oppure è un tradimento bello e buono nei confronti del tuo partner attuale? Forse è un tradimento bello e buono…

Un bacio che dalla guancia scivola sulle labbra… e lui non è il tuo lui… tradimento? Difficile dirlo…

Esci dicendo che stai andando a cena con le amiche, invece stai per incontrare un ragazzo che ti sta dietro da tempo. Non hai nessun programma, solo una cena e una curiosità da soddisfare. Tradimento? Mezzo? Quasi…?

Come è difficile capire dove inizia il tradimento, dove finisce il gioco, dove si sta per passare il punto di non ritorno. Facile parlare di tradimento nelle situazioni tradizionali come quella del marito che rientra presto e l’amante che si nasconde nell’armadio.

E tutte quelle miriadi di sfumature che nella vita quotidiana ci avvicinano ad un altro, ci fanno passare dei pensieri per la testa, ci fanno provare delle sensazioni diverse, nuove, particolari? Dove inizia il tradimento? Nella testa, nelle azioni, tra le lenzuola… voi cosa ne pensate? Volete esprimere le vostre opinioni in merito, o semplicemente raccontare un’esperienza vissuta? Scrivetele sul nostro blog.

***

Come negare che quest’argomento mi riguarda da vicino..molto da vicino..
Ho conosciuto il mio attuale ragazzo quest’estate, proprio mentre cercavo di dimenticare il mio ex.. uno di quei ex che “non si dimenticano”, tanto per essere chiare..
Sto molto bene con lui, mi da tutto quello che una donna desidererebbe dal suo uomo: senso di protezione, dolcezza, simpatia, intesa sessuale, sicurezza, attenzioni continue, e.. fedeltà.
Ma il pensiero del mio ex mi tormenta..è tradimento? per me è come se lo fosse. I sensi di colpa si moltiplicano giorno dopo giorno!
E’ tradimento non solo quello fisico; per me, è anche e soprattutto mentale. Perchè è terribile desiderare un’altra persona quando sei con un’altra.
Il mio ragazzo pensa che io sia perdutamente innamorata di lui, non sospetta minimamente che mentre facciamo l’amore io penso all’ “altro”. Questo è un tradimento terribile! E destinato a concretizzarsi..
E’ tradimento immaginare me e lui nelle situazioni in cui dovrei immaginarmi con il mio uomo attuale.
Forse mi sentirei meno in colpa se facessi l’amore con un uomo che non conosco, anche una notte soltanto, piuttosto che continuare a pensare al mio ex incessantemente, e VOLERLO, DESIDERARLO.
Più tradimento di cosi..

***

a dir la verità non so dove inizi il tradimento, ma ho sempre pensato che quello del pensiero sia un tradimento parziale indice di un problema nella coppia che probabilmente abbiamo solo noi. Quindi a noi la ricerca del problema (magari con l’aiuto del patner) e della soluzione…il tradimento vero e proprio credo però che sia quello fisico…insomma dove il pensiero è accompagnato da qualcosa di fisico, pratico dopo di cui non si può tornare indietro…solo fidatevi della mia esperienza…l’attrazione verso un altro ragazzo non è un giusto motivo per porre fine al nostro rapporto stabile. Io pensavo lo fosse e ho buttato la storia più bella della mia vita per il ragazzo “attraente” che però non capisce nulla di me…

Se ti piace Margherita.net abbonati gratis alla nostra newsletter settimanale!

7 Comments

  • credevo che considerarlo un bell’uomo, limitarmi a guardarlo passare e pensarlo fossero solo cose mentali e che mai avrei oltrepassato quel confine, quello tra la mente e il corpo. E invece tutto ha avuto inizio così, tre anni fa, da un semplice sguardo, come se l’avessi visto per la prima volta e mi è entrato dentro.
    Poi è successo tutto per caso ma, forse, io ho davvero voluto che accadesse,; da un buongiorno (lui è molto molto più grande di me!) a un ciao, da un come va…ad un primo appuntamento…abbiamo così vissuto una storia di un anno e mezzo circa, la più bella della mia vita, ma, adesso che è finita, sono sicura che un tradimento inizia sempre nella mente prima che nel corpo…mentre la sola parte che ne soffre è sempre il cuore…

  • Se il vostro è un rapporto reciproco e affiatato, quello che si può chiamare un amore che fa battere il cuore all’impazzata, che appena vicino al vostro partner fa apparizione un’altra e già sentite che la gelosia vi sbrana dentro e non vi dà pace, se all’altro non sfugge nessuna vostra espressione sul viso e vi legge come un libro senza ancora che aveste detto niente, potete essere sicuri che tra voi c’è grande affinità e amore! In un rapporto del genere c’è sicuramente una dedizione reciproca e voluta in cui si cerca in tutti i modi di non ferire l’altro e la sua fiducia, e quindi si evita di dare confidenza agli altri e di avere avvicinamenti confidenziali o fisici con l’altro sesso! Si chiama diplomazia e rispetto, fondamentali virtù da rispettare per mantenere un amore! Avere fantasie sessuali non è tradimento, anzi un incoraggiamento per migliorare la vita sessuale con il partner! Ma quando ci si mette in mezzo una persona in particolare mettete sulla bilancia ciò che già conoscete e ciò che ancora no e fate una valutazione personale su cosa sia più importante; per un piacere fugace è veramente saggio mettere a repentaglio una storia duratura? Le conseguenze di solito sono tutto l’opposto di quello che si sperava. E perché non provare a soddisfare i propri bisogni con il partner attuale semplicemente esponendoli le proprie esigenze e chiedergli di venirci incontro?
    Insomma- ogni allarme è un richiamo al cambiamento, ascoltate il vostro intuito. Pensare a un altro ogni volta che si fa l’amore con il proprio partner è segno che molto probabilmente non è la persona giusta per voi e potrebbe essere una ruota di scorta per dimenticare o solamente distrarsi, pensateci bene, non è una persona che vi soddisfi in tutto e per tutto che vorreste nel vostro letto e nella vostra vita? Credetemi quello ,,giusto” esiste!

  • Secondo voi può definirsi tradimento qualche sms da un’amica ritrovata dopo trent’anni con cuoricini smile bacini e anche qualche telefonata lunga dieci minuti. Io mi sento tradita e lui alla mia domanda cosa vi siete detti e scritti mi risponde ma niente e solo cazzate.

  • Un tradimento inizia quando in una coppia vengono a mancare il dialogo e l’intesa. È difficile – per non dire impossibile – che una donna, più che un uomo, si lasci trascinare allorquando vive d’intesa con il proprio partner ed è appagata. Diversamente, quando mancano queste imprescindibili componenti, diventa facile abboccato all’amore di qualche pescatrice. La ragione di ciò? La fame! Si ha fame di desideri, di passione, di complicità, di comprensione. E, pur di saziarsene momentaneamente, si mette a repentaglio – per non dire distruggere – anche quello che apparentemente potrebbe sembrare un solido rapporto. Per questa ragione, meglio fare chiarezza dentro se stessi ed essere sinceri, prima con sé stessi e poi con il partner. Chi sta bene in coppia non tradisce…neppure gli animali lo fanno! Se ciò accade, è solo il culmine di una situazione di disagio che viene covata per anni, anche senza accorgersene, dove il tradimento rappresenta solo la punta visibile di un iceberg.

    • I nostri ricordi mi distruggono.
      L’ho amato davvero,non avevo mai amato nessuno come ho amato lui.
      Ma ora c’è un altro ragazzo che mi sta facendo impazzire.
      Qualche mese fa il mio attuale ragazzo non mi pensava più,niente SMS o telefonate. Anche quando eravamo insieme lui pensava ad altro. Mentre facevamo l’amore lui era assente,guardava nel vuoto.
      Poi ha cominciato ad amarmi pazzamente di nuovo.
      Ma in quel periodo,in cui lui ora afferma di essersi comportato così perché aveva dei ripensamenti,anche io ho avuto dei ripensamenti.
      Ho cominciato a pensare a come sarebbe se lui non ci fosse,sembravamo single anche se scopavamo come cani,per soddisfarci,credo, ed ho conosciuto nuove persone.
      Il ragazzo che ho conosciuto é meraviglioso,e piú grande di me e ha un sorriso irresistibile.
      È per questo che mi piace forse? Ma devo lasciare il mio ragazzo?
      Più ci penso e più non so cosa fare,amo ancora il mio ragazzo o sono solo i ricordi che mi legano a lui?
      Perché penso sempre all’altro ragazzo? Sarei felice o soffrirei se la nostra storia finisse?
      L’interrogativo più importante:
      Se PENSO ad un altro è un tradimento??
      Ho bisogno di risposte che nessuno mi sa dare.
      E sto male e mi ritrovo su questi stupidi forum a cercarle.
      Nessuno mi ascolta e io ho bisogno d’amore..

  • Mi ci trovo dentro fino al collo.
    Non voglio chiamarlo tradimento, anche se i connotati ci sarebbero.
    Sono incredula soprattutto per i dettagli della storia.
    Lui è impazzito dal primo giorno che mi ha vista. Ha 21 anni. Contro i miei 43. Metti dinanzi un 21 enne che ne dimostra 28 e un’ultraquarantenne col visetto di adolescente e il fisico asciutto, che gliene daresti 30 scarsi…
    La colpa è stata tutta di una forte affinità mentale, e del fatto che siamo bravi con la penna. Aver scoperto che anche lui scrive, e avere letto qualche passaggio di cosa è capace di scrivere, ha dato il colpo di grazia alle mie resistenze. Ci sono voluti tre mesi per tutto questo.
    Non siamo finiti a letto, ma la faccenda è ugualmente pericolosa. Gli ho chiesto un patto: di farla finire pian piano, in modo che lui ci soffra meno e io mi abitui alla progressiva mancanza. Ha detto che lo farà. Se non ci riuscirà, dovrò decidere di non recarmi più al locale di latini che avevo preso a frequentare, e dove lui fa l’animatore.
    Questa promessa è la sola cosa che mi fa sentire di non avere ancora reso del tutto cornuto mio marito. Nonostante, a volte, lui da un angolo osservi col desiderio negli occhi le mie agili evoluzioni da ballerina di consumata esperienza. E nonostante ci siamo baciati alcune volte. Perché non riesco a distanziarlo, quando lentamente passa un pollice sulle mie labbra guardandomi con quegli occhi. Non ero mai stata baciata così e andrebbe avanti delle ore. Finirà. Se non lo farà lui toccherà a me. Perché i 21 anni che sono insieme a mio marito sono più importanti.

  • secondo me il tradimento inizia nella mente, gia solo al primo pensiero, la dove prende vita… ora nn capitemi male, xche di pensieri passionali si vive ma se si inizia a ferire con la mente si e pronti anche ad andare oltre.. questa e una mia opinione….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.