L’acne e l’estate

È luogo comune, anche se più spesso smentito dai fatti, affermare che durante l’estate l’acne “migliori”. In realtà si conoscono anche da molto tempo gli effetti negativi della luce solare e in particolare sia delle radiazioni UVB che di quelle UVA…

L'acne e l'estate
L’acne e l’estate

È luogo comune, anche se più spesso smentito dai fatti, affermare che durante l’estate l’acne “migliori”. Ciò si deve alla osservazione frequente che durante il periodo estivo e la conseguente esposizione al sole la componente infiammatoria dell’acne diminuisce. E cio è è scientificamente provato in quanto sappiamo che le radiazioni UVB riducono la proliferazione del P.acnes e hanno inoltre potente azione antiinfiammatoria.

In realtà si conoscono anche da molto tempo gli effetti negativi della luce solare e in particolare sia delle radiazioni UVB che di quelle UVA.

La radiazione UVB è la principale responsabile della iperseborrea: infatti da una iniziale necrosi sei sebociti segue a distanza di 24-30 settimane un effetto rebound con iperplasia delle ghiandole sebacee e un aumento del numero degli stessi. Inoltre la perossidazione dei lipidi sebacei comporta la formazione di isomeri dello squalene, elemento fondamentale nel processo comedogenico.

Alla fine dell’estate è spesso facile constatare un aumento del numero dei macrocomedoni. Gli effetti delle radiazioni UVA sull’acne sono più indiretti e consistono nella interazione con i cromofori endogeni e formazione di radicali liberi. Inoltre l’aumentata produzione di MSH esplica da una parte un effetto antiinfiammatorio dall’altra anche un effetto lipogenico e comedogenico.

Da tutte queste premesse si comprende l’importanza della fotoprotezione estiva nel paziente acneico, fotoprotezione che dovrà essere di tipo medio alto con emulsioni fluide tipo olio-acqua o ancora meglio con gel leggeri e delicati.

I più innovativi fotoprotettori per pelli acneiche si basano su di un esclusivo sistema filtrante discriminante verso UVA e UVB mentre preferiscono lasciare filtrare la luce blu che da recenti studi sembra espletare una potente azione antibatterica sul P. acnes.

A tali filtri si è dimostrata favorevole l’aggiunta di composti con attività anti acne quali la nicotinamide (dotata di attività antiinfiammatoria), lo zinco gluconato (in grado di ridurre la chemiotassi neutrofila e la produzione di TNF) . Molto utile è anche l’aggiunta di sostanze antiossidanti come la vitamina E che inibisce la perossidazione lipidica di membrana e anche l’acido ferulico che potenzia gli effetti di altri antiossidanti come la vitamina C ed E.

Se ti è piaciuto questo articolo, non perdiamoci di vista. Aggiungi Margherita.net ai tuoi preferiti! :-)

Moda & capelli UOMO. ADVERSUS, il magazine per l'uomo. Fai click qui

L'OROSCOPO DEL MESE DI MARGHERITA.NET
Ariete
Toro
Gemelli
Cancro
Leone
Vergine
Bilancia
Scorpione
Sagittario
Capricorno
Acquario
Pesci

LINKS SPONSORIZZATI
NOVITÀ SU MARGHERITA