La detersione e la pulizia della pelle

Ciò che è importante dal punto di vista dermatologico è che la detersione non costituisce più solo un azione di pulizia ma sempre più una di cura della cute.

La detersione e la pulizia della pelle
La detersione e la pulizia della pelle

La detersione rappresenta una operazione molto comune e spesso sottovalutata che invece va affrontata con molta attenzione senza disdegnare i consigli dello specialista in rapporto al tipo di cute e delle sue necessità.

Con la detersione si compie un atto molto importante che è quello di rimuovere l’eccesso di secrezioni, lo sporco ambientale, e inoltre si contiene la flora microbica e si allontanano le cellule dello strato corneo superficiale. Tuttavia questo atto ha anche risvolti negativi in quanto porta ad un danneggiamento della struttura lipidica dello strato corneo con successivo essicamento e perdita del potere tamponante con riduzione delle difese verso le aggressioni chimiche e batteriche.

La detersione tradizionale si basa sulla sostanza tensioattiva che costituisce la base del sapone tradizionale. Il tensioattivo (di cui quello più usato è il sodio laurilsolfato) è una sostanza in grado di legarsi sia all’acqua sia alla fase oleosa provocando la rimozione dello sporco.

Gli effetti negativi di questa azione sono ormai noti a tutti: alcanizzazione della cute, danno alla barriera cutanea, aumento della secchezza.

Per questo i saponi tradizionali tendono ad essere sempre più sostituiti dai syndet, detergenti sia solidi che liquidi ottenuti senza processo di saponificazione, che rispettano di più il ph cutaneo e a cui possono essere aggiunte sostanze con particolare azione protettiva.

Ciò che è importante dal punto di vista dermatologico è che la detersione non costituisce più solo un azione di pulizia ma sempre più una di cura della cute.

Quindi a seconda del tipo di cute e del problema dermatologico dovremo utilizzare detergenti diversi.

Nel caso di dermatiti atopiche o xerosi cutanea utilizzare oli da bagno possibilmente senza tensioattivi; nella couperose utilizzare detergenti privi di lipidi, nell’acne detergenti acidificanti o delicatissimi a seconda del trattamento eseguito, nella prevenzione delle micosi e delle follicoliti detergenti addizionati da apposite sostanze che dovranno essere lasciate agire per almeno cinque-dieci minuti. Nei soggetti allergici o intolleranti la pulizia dovrà avvenire con sostanze prive di qualsiasi conservante.

Lungi dal costituire un atto frettoloso e banale la detersione si conferma sempre di più un atto complesso e sofisticato, in grado non solo di svolgere il suo proprio ruolo, ma anche di costituire un vero e proprio atto terapeutico.

Margherita.net

Se ti è piaciuto questo articolo, non perdiamoci di vista. Aggiungi Margherita.net ai tuoi preferiti! :-)

Leggi ADVERSUS, tendenze moda uomo, tagli di capelli e modelle

Tagli di capelli e cura del corpo uomo 2022. Le nuove tendenze moda uomo 2022 su ADVERSUS. FAI CLICK QUI!

L'OROSCOPO DEL MESE DI MARGHERITA.NET
Ariete
Toro
Gemelli
Cancro
Leone
Vergine
Bilancia
Scorpione
Sagittario
Capricorno
Acquario
Pesci

LINKS SPONSORIZZATI
NOVITÀ SU MARGHERITA