OGGI È  
Donne, moda e tendenze capelli . Il sito delle donne online

Home | Viaggi e vacanze | Rodi

Rodi: spiagge & cultura

Dall'isola di Kos partiamo con l'aliscafo in direzione Rodi. Ora di partenza: le otto del mattino. Il sole è già forte. Scegliamo un posto in prima fila, con vista stupenda. Non l'avessimo mai fatto. L'aliscafo non ha l'aria condizionata e fa tremendamente caldo all'interno della cabina di plastica. Ma la vista vale assolutamente la pena.

Prima costeggiamo la costa di Kos. Appena adesso iniziamo ad avere un'idea delle dimensioni di questa stupenda isola. Man mano che avanziamo gli alberghi e le case diventano sempre più radi e la costa si fa più rocciosa.

Poi ci dirigiamo verso la Turchia. Anche lì vediamo coste rocciose, biaiette nascoste, e qua e là un una postazione militare. Nonostante l'ora ci sono già parecchie barche in mare. Su molte sventola la bandiera turca.

Quando entriamo in mare aperto le onde si fanno più alte e l'aliscafo sbatte sulla superficie dell'acqua. Dopo un mezz'ora si distingue in lontananza la dolce silhouette dell'isola di Rodi. Avvicinandoci sempre di più riconosciamo subito il Grand Hotel, dove alloggeremo nei prossimi giorni. L'albergo è facile da individuare per la sua forma triangolare.

Appena girati intorno alla punta più nord dell'isola, ci aspetta una vista spettacolare. È una grande emozione vedere Rodi quando ci si avvicina dal mare. La città medievale si innalza dal porto e verso l'interno si scorgono le cupole e i minareti delle moschee. L'aliscafo entra nel porto passando in mezzo alle due colonne sulle quali si sarebbe eretto, intorno all'anno 300 a.C., il grande 'Colosso di Rodi'. Adesso si erge su una delle colonne una cerbiatta in bronzo, l'altra colonna è in restaurazione.

Anche se è la città medievale con la sua straordinaria bellezza a monopolizzare subito la nostra attenzione, anche il lungomare merita di essere ammirato. Gli stili degli edifici imponenti che sovrastano il mare variano da quello orientale con influenze turche ad uno stile decisamente del periodo fascista. Rodi si trova in una posizione particolare: l'incrocio tra tre continenti - Europa, Asia e Africa.

Secondo uno dei tanti miti su Rodi la nascita dell'isola sarebbe stata frutto dell'amore di Apollo con la ninfa Rodi, figlia di Poseidone, re del mare. Quando Apollo vide Rodi, si innamorò della sua bellezza al punto di prenderla in moglie. Da questa unione nacquero otto figli: sette maschi e una femmina. Uno dei figli, Kèrcafo, ebbe a sua volta tre figli: Kámiros, Iálissos e Lindos, i quali costruirono le tre città più importanti dell'isola.

Alcuni studiosi sostengono invece che il nome 'Rodi' non deriva dalla bellissima ninfa, ma da un fiore. Anticamente l'isola era coperta di rose ed era così bella che poteva essere paragonata soltanto a questo fiore dell'amore.

Rodi: trendy, magica & romantica

In esclusiva per le lettrici di Margherita.net gli indirizzi più segreti e interessanti per chi vuole scoprire una Rodi unica, romantica, lontana dalle rotte turistiche. Indirizzi provati da Margherita.net e caldamente raccomandati.
Cliccate qui

Cliccate qui per andare alla prossima pagina

Guida di Rodi

La città di Rodi
Shopping & Spiagge
La cucina

 

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Teniamoci in contatto!
Iscriviti gratis alla newsletter di Margherita.net. Ricevi i nostri aggiornamenti settimanali direttamente nella tua mailbox

ADVERSUS
Moda uomo, modelle, stile e tendenze capelli uomo. Fai click qui, leggi ADVERSUS
Fai di Margherita.net la tua homepage. Basta fare click qui

Teniamoci in contatto! :-)
Iscriviti gratis alla newsletter di Margherita.net.
Ricevi i nostri aggiornamenti settimanali direttamente nella tua mailbox