OGGI È  
Donne, moda e tendenze capelli . Il sito delle donne online
Margherita nei tuoi preferiti? Click!

Home | Viaggi e vacanze | phuket

phuket due mesi dopo lo tsunami
poco prima di partire per phuket, dove alcuni residenti ci aspettano per guidarci e mostrarci l'isola a qualche settimana dal tragico tsunami, comunichiamo a amici e parenti la nostra destinazione. le reazioni, pressochè identiche, di tutti: 'non vi invidio...' oppure: 'io non avrei il coraggio di andarci...' o ancora: 'buona fortuna...' boh? abbiamo pensato, speriamo vada tutto bene... le notizie che ci arrivavano dagli amici che risiedono sull'isola erano di tenore completamente diverso. improntate all'ottimismo, rassicuranti. le notizie che continuavamo a ricevere dalla televisione, invece, parlavano solo di morte, devastazione, distruzione... che per una volta la televisione stesse raccontando la verità?

come mai chi vive sul posto ci raccontava di una phuket provata sicuramente dalla catastrofe ma già di nuovo in piedi e pronta a ricominciare, mentre i telegiornali mostravano solo detriti e devastazione?

si parte da bangkok la mattina presto, a bordo di un boeing 747 della thai airways, e dopo circa un'ora si atterra all'aeroporto di phuket. cielo blu, sole che spacca le pietre, caldo. prima destinazione: patong beach, una delle zone colpite dallo tsunami, e luogo in cui alloggeremo per i due giorni della visita all'isola.

durante i tre quarti d'ora di taxi che ci separano dall'hotel, durante i quali si attraversa gran parte dell'interno dell'isola, cerchiamo di scorgere i segni della devastazione. inutilmente. la vita all'interno dell'isola si svolge regolarmente, come già ci avevano raccontato.

giunti a patong, sul lungomare, si scorgono invece i segni di quanto avvenuto la mattina del 26 dicembre 2004. la spiaggia è perfettamente agibile, pochi i bagnanti (chi conosce l'isola ci assicura che normalmente la spiaggia sarebbe stata al completo) e qualche ruspa qua e là intenta a sistemare gli ultimi cumuli di sabbia. il marciapiede è interrotto di tanto in tanto da qualche lastrone di cemento mancante, da cui si intuisce la potenza dell'onda che si è infranta sulla costa.

al di là della strada che costeggia la spiaggia invece molti negozi, bar e ristoranti sono già aperti. alcuni ancora in fase di ricostruzione, ma la sensazione generale è che la vita sia ripresa. ci dicono che i locali hanno lavorato ininterrottamente da due mesi a questa parte. e ci crediamo, conoscendo i thailandesi siamo certi che i lavori siano andati avanti letteralmente 24 ore su 24.

alcuni ristoranti hanno riaperto da poco, altri stanno per riaprire. stiamo parlando della zona immediatamente a ridosso della spiaggia. spingendosi pochi metri più all'interno è praticamente come se nulla fosse mai successo. lo tsunami ha colpito duramente la prima fila di edifici sulla costa, tutto il resto all'interno non è stato toccato. e funziona a pieno ritmo come sempre. nonostante la televisione parlasse di un'isola distrutta, in ginocchio.

sicuramente, tsunami a parte, un effetto devastante lo hanno avuto proprio i resoconti dei media, almeno a giudicare dalla scarsissima presenza di turisti. comprensibile se si pensa che l'informazione ufficiale parlava ancora fino a pochi giorni fa di epidemie, devastazione, inagibilità di hotel e spiagge. e il turismo non c'è più, almeno per il momento. nonostante hotel e locali siano nella grandissima maggioranza perfettamente agibili, operativi al 100%, ma drammaticamente vuoti.

girando tra i ristoranti, i bar, i negozi, ci chiediamo perché i media che hanno proposto immagini di morte e devastazione per varie settimane non ci hanno poi, smaltita la sbornia da devastazione, anche raccontato della vita che riprende, che va avanti? forse la vita che va avanti non fa notizia come la morte e la distruzione? forse non attira masse di spettatori di fronte alla televisione, forse non fa vendere i giornali, forse non incentiva gli investimenti pubblicitari... forse.

gionata, un amico che risiede a phuket, ci accompagna a visitare alcune spiagge, a fare un giro dell'isola. visitiamo karon, kata, chalong, rawai... sempre la stessa situazione: spiagge perfettamente agibili (i thailandesi hanno davvero fatto un lavoro incredibile a sentire quanto ci racconta chi ha vissuto sull'isola i giorni immediatamente successivi allo tsunami) e pochissimi turisti. ristoranti vuoti, alberghi largamente vuoti, negozi vuoti. eppure funziona tutto!

incontriamo jeff, olandese di rotterdam che da anni si è stabilito sull'isola dove vive e lavora. ci racconta scene apocalittiche, ci racconta la sua esperienza, ci fa venire la pelle d'oca. ma anche lui non riesce a spiegarsi perchè i media occidentali abbiano contribuito a drammatizzare ulteriormente una situazione di per sè già abbastanza drammatica. anche lui nota l'assenza di turismo in un'isola che adesso potrebbe accogliere tranquillamente la stessa quantità di turisti di prima, o quasi.

ci spostiamo all'interno dell'isola, e ci dirigiamo verso la città principale, phuket city. ad aspettarci salvatore, anche lui residente sull'isola, italiano. salvatore è il proprietario del più noto ristorante italiano a phuket. anche salvatore ci racconta di un'isola che funziona al 100%, che è perfettamente in grado di accogliere nuovamente i turisti, ma che di turisti ancora non ne vede molti.

al tavolo vicino al nostro siede una delegazione di svedesi, in visita all'isola. proprio gli svedesi, i più colpiti dallo tsunami tra gli stranieri, hanno appena ripreso a venire, un primo volo è atterrato un paio di giorni prima, e altri dovrebbero arrivare nei giorni successivi. la vita va avanti, ma i media sembrano non accorgersene più di tanto.

di una cosa si sono invece accorti (e ha indignato) praticamente tutti i residenti stranieri con cui abbiamo parlato (anche loro guardano la televisione): alcune televisioni si erano posizionate nel luogo in cui le ruspe ammassavano i detriti, a nord di patong dove comincia la spiaggia, e da lì hanno trasmesso nei giorni e nelle settimane successive allo tsunami. un modo per spettacolarizzare ulteriormente una situazione già di per sè drammatica, sempre in nome degli ascolti. almeno, altre spiegazioni in mente non ce ne sono venute...

phuket è pronta a ricominciare, e il modo migliore per aiutare le popolazioni locali così duramente colpite dallo tsunami è quello di andarci in vacanza. ridare ossigeno ad un'economia che basa gran parte delle proprie entrate proprio sul turismo. se siete già stati da quelle parti tornateci quanto prima. se non ci siete mai stati, ecco l'occasione per farlo.

Margherita.net


TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

SEGUI MARGHERITA.NET

Teniamoci in contatto!
Iscriviti gratis alla newsletter di Margherita.net. Ricevi i nostri aggiornamenti settimanali direttamente nella tua mailbox

ADVERSUS UOMINI
10 cose che le ragazze notano (eccome) in un uomo
Fai di Margherita.net la tua homepage. Basta fare click qui
Teniamoci in contatto! :-)
Iscriviti gratis alla newsletter di Margherita.net.
Ricevi i nostri aggiornamenti settimanali direttamente nella tua mailbox