Suggerisci un argomento. Scrivi a Margherita.net

Usa l’indirizzo qui sotto per suggerire un tema di discussione, un approfondimento, un argomento interessante di cui discutere con le altre lettrici di Margherita.net. Tutte le vostre idee e suggerimenti verranno tenute in considerazione nella preparazione dei prossimi argomenti di discussione. Grazie a tutte le amiche di Margherita.net che vorranno contribuire con nuove idee ed argomenti di discussione 🙂

Per comunicare con Margherita.net, per darci dei suggerimenti, per delle richieste, per qualsiasi cosa (carina) vi passi per la testa e vogliate dirci, potete utilizzare l’indirizzo email qui sotto.

scrivici(at)margherita.net – Sostituire (at) con @

 

Se ti è piaciuto questo articolo, non perdiamoci di vista. Aggiungi Margherita.net ai tuoi preferiti. Basta premere contemporaneamente i tasti CTRL e D sulla tua tastiera. Prova! :-)

 
 
NOVITÀ SU MARGHERITA
 

34 commenti su “Suggerisci un argomento. Scrivi a Margherita.net

  1. ciao a tt io vorrei parlare di quando l’amore nn ce piu e abbiamo paura di confessarlo solo perche ci sn i nostri figli

  2. Io proporei come capire la psicologia maschile… avvolte le incomprensioni di una coppia sta proprio nella diversita di come ogniuno dei due sessi affronta le situazioni…

  3. Perche’ non parlate del dopo divorzio,specialmente quando gli ex mariti si scordano di mantenere i propri figli,………e che la legge non fa’ molto a meno che tu non abbia un ottimo avvocato………..

  4. io vorrei capirci riguardo a quando non ci fanno conoscere i genitori e perchè..il motivo insomma..per paura..o per cosa??

  5. io aprirei un argomento riguardo alla conoscenza dei genitori del proprio fidanzato…il perchè..il motivo che può esserci sotto..la causa per cui non ce li fanno conoscere…

  6. Ciao a tutti, ho bisogno di un consiglio, anzi di tanti vostri opinioni…lavoro insieme al mio compagno e non mi piace tanto il suo comportamento con le sue dipendente…sa ke non approvo ma lo fa lo stesso, un esempio: la segretaria è al bancone con un cliente che li sta aggiustando il telefonino Chiede al cliente. ora vibra? E lui: solita sporcaciona…sono rimasta allibita….dice che sono gelosa, ma non è cosi….sono pazza io???

  7. vi prego, parliamo degli uomini troppo disponibili e simpatici con tutte… anche con una che passa davanti al negozio che dopo un secondo lei chiede se è libero stasera……..crederli quando ti giurano amore?

  8. Buongiorno.
    Dopo ben 22 anni di onesto lavoro in ambito impiegatizio mi ritrovo alla veneranda età di 46 anni a “spasso”.
    Ho dovuto lasciare l’azienda in cui ho lavorato così tanti anni a causa del trasferimento della stessa in un’altra provincia lombarda e, avendo 2 bambini ancora piccoli non me la sono sentita di “sbatterli” fra le mani di sconosciute baby sitter.
    Ma non credevo che l’ambiente del lavoro fosse così ostile con le mamme che vogliono ricominciare a lavorare e, che soprattutto come me sono “ferme” ormai da quasi 3 anni!!
    Le ho provate tutte: inserzioni gratis e a pagamento, curriculum alle varie aziende si “Servizi alle Imprese”, risposta alla ricerca di personale, ma evidentemente sono trasparente, visto che NESSUNO mi ha mai dato alcun cenno di risposta.
    E quindi ho capito che l‘età è un grosso handicap.
    Ora non si cercano persone capaci ed esperte come si cercavano quando io avevo 20 anni. Ora si cercano massimo 30 anni, bella presenza, anche senza esperienza chissà come mai mi viene da pensare.
    Io non cerco un lavoro in ambito impiegatizio, certo sarebbe più semplice, nel senso che non mi si dovrebbe insegnare nulla ma sono disposta ad IMPARARE anche alla mia “età”, senza nessuna vergogna.
    Ho risposto ad inserzioni per imprese di pulizie, commesse, cameriere ai piani, addetti mensa, ma NULLA!
    Certo il mio curriculum parla “SOLO” di esperienza in ambito impiegatizio, ma chi riceve il mio curriculum a seguito di una ricerca di es. “addetta mensa” non può “accendere” il cervello e pensare che dall’altra parte c’è una persona si di 46 anni (!), ma, anche se non ha nessuna esperienza nel profilo richiesto, ha comunque voglia di lavorare e soprattutto di IMPARARE!
    Il fatto di diventare mamma, che è il “mestiere” più stupendo del mondo, letteralmente ti taglia le gambe.
    Ho perso la fiducia, ma tento sempre, sperando un giorno di vedere realizzato il mio desiderio.
    Nel frattempo i miei bambini hanno una mamma a tempo pieno e spero siano felici di questo, piuttosto che “sballottati” fra tate sconosciute.
    Questa NON è una lettera di presentazione, ma sicuramente uno sfogo che mi piacerebbe avesse lo scopo di far riflettere le persone che hanno il “potere” di dare un lavoro alle mamme ultra quarantenni, ma con ancora voglia di dare un contributo nell’ambiente del lavoro.
    Grazie dell’attenzione.

  9. Cosa ne pensate quando il tuo ex uomo ti ha trasmesso il virus hpv e rimane indifferente non vuole prendere le sue colpe e continua a rovinare altre ragazze?

  10. @giovanna: grazie per lo spunto, in effetti ci sono molte coppie felici che hanno fatto questa scelta.

    @domenica: temo che ci siano molte mogli in questa situazione. se vuoi raccontare la tua storia, magari qualche amica ti può dare consigli.

    @daniela: come hai detto tu, il tuo commento fa riflettere, perché ci sono tante donne nella tua situazione. come se l’esperienza maturata non avesse importanza, anzi proprio perché si ha esperienza professionale, non si riescono a trovare lavori per i quali magari si è troppo qualificate.

  11. un argomento interessante è : quali sono le caratteristiche caratteriali di una donna che fanno innamorare gli uomini? ciao

  12. Mi piacerebbe che parlaste di come lasciare un ragazzo che ti adora ma che dopo averlo frequentato per tanto tempo ci si accorge che tu non lo sopporti più

  13. Parliamo di medicina alternativa e di come in Italia si tenga all’oscuro la gente sulle numerose possibilità di curarsi e fare prevenzione prima di ricorrere ai medicinali di sintesi. Informare le mamme sugli effetti dannosi dei vaccini propinati ai bambini e che ora non sono più obbligatori. Mettere in condizione di scegliere come curarsi.

  14. Anche io proporrei un articolo legato alle problematiche lavorative, o meglio non lavorative di noi donne… Io ho più o meno lo stesso problema di Daniela. Ho 30 anni e vengo scaratata da ogni possibile lavoro in quanto
    1. Non ho esperienza praticamente in nulla, se non nei call center
    2. Non ho la macchina
    3. Ormai a 30 anni c’è “rischio” che io possa volere figli…
    La situazione è parecchio triste… =(

  15. Grazie Myriam per il suggerimento.

    ci lavoriamo su, in effetti i 30 anni per una donna italiana, invece che essere l’età migliore dal punto di vista lavorativo sono un ostacolo, è una cosa molto triste e deprimente.

  16. Grazie a te Margherita… E’ sicuramente importante anche potersi confrontare con altre persone che purtroppo sono nella stessa situazione mia e di Daniela… Anche un piccolo cenno per capire che non siamo le uniche..
    Un abbraccio!

  17. secondo me un argomento interessante potrebbe essere di amiche donne .. oppure i valori di essere una donna (una ragazza..meglio) 🙂 non sempre di amore tradimenti ecc. parliamo di NOI DONNE 🙂 risp subito x favore grazie e ciaoooo 🙂

  18. Buongiorno,
    prendendo come punto di riferimento il mio blog, mi piacerebbe si parlasse del matrimonio con sponsor, tanto in voga in questo momento.
    Io e il mio ragazzo abbiamo deciso di sposarci così: proponiamo pubblicità alternativa per le aziende che ci offriranno titoli scontati o omaggio per il nostro matrimonio! Risparmiamo fino al 50% sul budget finale!
    Sono sicura che sia un tema che servirà a tante ragazze, perchè al giorno d’oggi ci sono tante coppie che vorrebbero sposarsi ma non possono.
    Spero di avervi dato un consiglio utile!
    Angela.

  19. Buongiorno a tutte, ho letto le vostre argomentazioni, e mi sono sembrate tutte molto interessanti!
    volevo proporre anch’io qualcosa su cui discutere.. non è argomento altrettanto interessante ma spero di ricevere una risposta.. volevo sapere cosa ne pensate dei prodotti snellenti, non parlo di the, infusi, o altri beveroni, ma di veri e propri collant, short, tubini ecc che vanno portati sotto ai vestiti… io ho acquistato alcuni di questi prodotti, e mi sembra che realmente mi “contengano”.. volevo sapere cosa ne pensate voi, e se qualcuna come me ne fa uso.. Grazie in anticipo! MG.

  20. A me è successo. L’innocentino, prima lo ha voluto fare senza preservativo perchè “sono sicuro… oltre a mia moglie son stato solo con tizia” poi quando sbucati suoi condilomi, invece ha detto che la tizia in questione era una ninfomane ex cocainomane, alcolizzata e che gli aveva confessato di averlo tradito un paio di volte! Dopo 5 anni di relazione con me, mi ha mollato (per un’altra ovviamente!) e io ora mi dovrò operare di HPV all’utero. Lui se l’è cavata con un paio di bruciature in anestesia, io finirò sotto i ferri. Cosa ne penso? Tutto il male possibile che ho sfogato in un’email infuocata dove gli ho detto che speravo che si beccasse l’Haids! Lo so, non avrei dovuto farlo, il male non si augura a nessuno, ma lui sapeva bene che io ho la sclerosi multipla, che prendo gli immunosoppressori e che devo stare attentissima a tutto. La sua reazione? Tipica maschile: è andato in depressione. Olè!

  21. Ciao a tutte! Secondo me ci sono altre 3 segni inequivocabili del tradimento, però hanno valore solo per coppie di una certa durata perchè per le neo coppie sono segnali difficili da cogliere.
    Io son stata tradita sia dal marito dopo 20 anni di matrimonio splendido (evidentemente era splendido solo per me!), sia dal mio successivo compagno che ho avuto per 5 anni. Eccoli:
    1) di punto in bianco l’uomo diventa scattoso, nervoso, inspiegabilmente davanti a cose normalissime (ad es. ci dice “Ma come ti sei vestita?” anche se quel completino non ce lo aveva mai criticato oppure “Non mi fare la pasta la sera perchè poi ingrasso!” anche se è sempre stato lui a volere il primo piatto a cena). E usa uno strano tono di voce…non di rabbia, ma quasi di disprezzo verso di noi. E’ inspiegabilmente stizzito. Lì per lì si viene portate a credere che abbia problemi sul lavoro.
    2)(questo fa male da morire) io lo chiamo “lo strappo”: il rifiuto pressochè totale verso la nostra persona. Esce di casa ed è felice, rientra e come ci vede mette il muso. Prima gli acquisti di una certa importanza si facevano insieme aspettando il sabato, ora deve dimostrare di essere autosufficiente, di aver riacquistato una propria identità. Non siamo più “noi”, ma lui è lui e noi siamo noi. Ci cerca solo nelle occasioni strettamente necessarie, per il resto siamo diventate all’improvviso trasparenti. E’ duro dirlo, ma a questo punto è già finita. 🙁
    3) gnocche sì ma fino ad un certo punto! Se lo punzecchiamo, se gli facciamo notare che “ieri sera è durata fino alle due di notte la cena della tua ditta! Come mai?” reagiscono con veemenza e si trasformano in attori da Oscar! Se fossero innocenti potrebbero semplicemente rispondere con una battuta, con un po’ di ironia, o non rispondere affatto. SE fossero innocenti. Ma non lo sono. E allora, colti in flagranza di reato, si surriscaldano e non riescono a trattenere la scena madre alla Vittorio Gassman: Tono di voce più alto del solito: “Ma secondo te (okkio a quando inziano con ma secondo te: fanno per farci sentire in colpa e minare la sicurezza dei nostri dubbi!) sono stato a ballare?? Si è fatto tardi perchè…” e qui inizia la solita sfilza di scuse patetiche. Veramente patetiche.
    Da quel momento in poi faranno il contrario. Le scuse le tireranno fuori prima. Per depistare le indagini, anche se solo escono per andarsi a prendere il solito caffè al Bar, usciranno dicendo “Vado al Bar, ma passo prima a guardare un cellulare, forse mi fermo anche da Claudio…se non c’è vado da Antonio”, poi veramente infimi e disgustosi “Hai bisogno di qualcosa? Il pane c’è?” Mentre noi sgraniamo gli occhi a) è impazzito?? b) lo so che va al Bar, non sono mica scema! c) ma che pane e pane! sa benissimo che io ora vado a fare la spesa!
    Altro che altruismo e generosità! ‘stardi inside!!

    Purtroppo mentre si vivono queste vicende non ce ne rendiamo assolutamente conto.

    Vorrei, concludendo, nel mio piccolo, consigliare a tutte le donne di farsi furbe, di non lasciarsi sopraffare dalla gelosia e dal nervosismo, ma di restare più calme possibile e di non far capire che hanno capito. Così è più facile che si scopra, invece se si sente braccato ovviamente giocherà d’astuzia.
    Vorrei anche aggiungere che quando ci rendiamo conto che i suoi mal di testa, il suo nervosismo, la sua dieta, la sua palestra, hanno il nome di Veronica, ormai è già troppo tardi e il tradimento è già stato consumato.

    Per quanto riguarda il tradimento del mio ex marito, sono rimasta di sasso! Ancora camminavamo mano nella mano e non me lo aspettavo proprio. Ci invidiavano tutti. Ammetto che mi ha ucciso dentro. Mi sono seduta sulla riva del fiume e ho aspettato di veder passare il cadavere del mio nemico, ah che soddisfazione! 5 anni di separazione giudiziale, ma adesso sono una donna libera!

    Per quanto riguarda invece il tradimeno del mio ex compagno…beh…mi ha mollato lui in 2 secondi “Sei una donna meravigliosa, una persona speciale, ma io non ti amo”. Grazie eh! Non ho versato nemmeno una lacrima, ho girato le spalle e me ne sono andata a fare una bella passeggiata in centro! Come ho fatto ad essere così forte? Bene! Stavolta mi ero fatta furba: avevo fatto finta di non accorgermi del suo digitare al computer mentre era al telefono con me, per cui ero più che preparata! Il nome dell’altra? Veronica, ovviamente, eheheh!

I commenti sono chiusi.