Stella McCartney Inverno 2018

Stella McCartney Inverno 2018
Stella McCartney Inverno 2018

Classici delicatamente  decostruiti  e pezzi senza tempo presi dal guardaroba  maschile e femminile. Una relazione rinnovata e riproposta in chiave moderna. Capi di sartoria e abiti indossati alia rovescia. La fodera di un cappotto da uomo diventa un vestito scivolato indossato sotto Ia giacca da cui e stato ricavato, con cuciture e pieghe a vista. Il tradizionale tweed inglese grigio melange su grigio, e il nero su nero.

Niente  e come sembra. Gilet ricostruiti sovrapposti l’uno all’altro a ricreare morbide giacche sartoriali color cammello e champagne. Giocosi pantaloni mostrano shorts che sembrano sovrapposti a lunghi ed ampi pantaloni,mentre dietro s’intravede che sono tagliati dalla stessa stoffa. Sensuali vestiti skin-free­ skin in alter nappa awolgono il corpo,annodatie attorcigliati,in blu notte e bordeaux.

Stella McCartney Inverno 2018
Stella McCartney Inverno 2018
Stella McCartney Inverno 2018
Stella McCartney Inverno 2018
Stella McCartney Inverno 2018
Stella McCartney Inverno 2018
Stella McCartney Inverno 2018
Stella McCartney Inverno 2018
Stella McCartney Inverno 2018
Stella McCartney Inverno 2018

Maglieria d’impatto. Maglioni tradizionali Aran cadono larghi sui corpo o si restringono, lavorati con un mix di soffice lana di alpaca, di un color grigio antracite melange. Lavorazioni e colori diversi sono assemblati in chiave bohemienne per dare struttura e consistenza. In forma estrema, Ia maglia si presenta con prolungamenti e fili arricciati che danno ulteriore volume ad una cappa o a un maglione oversize. Denim in cotone organico per camicie e tute. Cappotti e completi a quadri vengono rinnovati con dettagliimbottiti abbinati a velluto a coste.

Abiti decostruiti ispirati a sottovesti color pearl blush e liqueur. Vestiti da sposa vintage cuciti insieme danno vita ad abitiin pizzo color fucsia e bianco avorio. Georgette in seta appare nelle tinte camelia rose e pearl blush. Abiti con cuciture a vista composti di leggeri jaquards floreali attenuati da strati di tulle e pizzo.

II lavoro di J.H. Lynch, l’artista britannica noto peri suoi dipinti evocativi di passionali donne degli anni ’60, si trasforma in stampe dai colori accesi. Cartoline di composizioni floreali originarie degli anni ’50 e

’60 sono rese piu moderne da stampe sovrasaturate a tema floreale su body di velluto.  La “Tina” di Lynch sbircia da sotto una nuvola di tulle e pizzo,cosi come “Lisa” e “Nymph”, che appaiono volubili ed evocative attraverso un ricco pizzo o un tulle, indossato sotto un pesante cappotto Fur free Fur color cannella e beige brillante.

La nuova scarpa Loop e costruita  con ganci e cuciture  che consentono  di evitare l’uso di colle nella suola in alter nappa; in pizzo e maglia nelle versioni corta,caviglia e fino al ginocchio, testimoni di un design che sostiene un’economia circolare del riciclo.  I classici mocassini con cinturino sui retro hanno ora un plateau nascosto per dar loro una silhouette slanciata.l tacchi sono a spillo o larghi,in legno o tubolariin finta pelle di serpente, color cioccolato,cuoio scuro, cammello e nero.

In questa stagione, Ia catena iconica della Falabella e stata rilavorata in una nuova catena sottile e colorata abbinata alia borsa, nappa bianca con catena bianca, cammello e oro e nera con catena nera. Una borsa con monogramma dallo stile sportivo puo contenere a sua volta un’altra borsa, e viene proposta in nero,avorio e cammello.

Un insieme di mini borse, piccoli portafogli, portachiavi, custodie per cellulari e portamonete con il monogramma “Stella”, presentano diversi strati di finta pelle color grigio, nero e bianco. I secchielli Flo sono abbinati a portafogli appesi ai manici.

 

Se ti è piaciuto questo articolo, non perdiamoci di vista. Aggiungi Margherita.net ai tuoi preferiti. Basta premere contemporaneamente i tasti CTRL e D sulla tua tastiera. Prova! :-)

 
 
NOVITÀ SU MARGHERITA