Sindrome premestruale

Ginecologia
Ginecologia

Il termine ‘sindrome premestruale’ definisce un quadro di alterazioni di differente natura che tendono a manifestarsi in genere alcuni giorni prima della comparsa del flusso mestruale.

Il termine ‘premestruale’ in realtà è parzialmente scorretto, in quanto questo corteo sintomatologico a volte accompagna e/o segue la mestruazione.
Si tratta di una sindrome che, secondo le varie casistiche, colpisce dal 3 al 8% della popolazione femminile rappresentando il problema sanitario significativo che fino a poco tempo fa era stato scarsamente studiato.

L’eziologia dei sintomi premestruali non è nota, e pertanto è ipotizzabile un trattamento su basi razionali.

La ricerca è ostacolata dal fatto che i possibili effetti delle cause psicologiche e di quelle fisiche non possono essere separati. E’ comunque certo che si tratta di un quadro a genesi multifattoriale, non legato esclusivamente ad una responsabilità ormonale, sicuramente influenzato anche da fattori sociali.

Sintomi
I sintomi tipici sono fisici, psicologici e comportamentali: sono infatti noti anche sotto il termine di disforia premestruale.

L’intensità del quadro è estremamente variabile, spaziando da casi con segni molto lievi ad altri con sintomatologia imponente.

Il quadro fisico include tensione mammaria, gonfiore addominale, ritenzione di liquidi, cefalea.

Il quadro psico-emozionale è polimorfo, potendosi presentare sotto forma di ansietà, depressione, irritabilità, modificazioni del tono di umore, riduzione della libido, pianto.

Il trattamento della sindrome è di difficile controllo.

Cura
Diverse strategie terapeutiche sono state provate, ma i successi dei vari protocolli non sono entusiasmanti.
Sono opportuni alcuni accorgimenti cui attenersi nella seconda metà del ciclo:

Dieta povera in sale, riduzione del consumo di caffeina, restrizione dei liquidi.

Un certo successo nel contenimento del sintomi si ottiene con somministrazione di estro-progestinici, che risultano ancora più efficaci se utilizzati in maniera continua.

In alcuni casi si ottiene giovamento con l’assunzione di magnesio.

E’ ovvio che la terapia deve essere, a seconda dei casi, anche sintomatica.

Appare ovvio che quando si affronta il tema della sindrome premestruale si affronta un discorso ancora aperto, sicuramente più indagato rispetto al passato e proprio per questo suscettibile – si spera – di prossime possibilità terapeutiche.

Se ti piace leggere Margherita.net, abbonati gratuitamente alla nostra newsletter settimanale, ogni settimana nella tua mail. Fai click qui per saperne di piu.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.