Sessualità e gravidanza

Sessualità e gravidanza
Sessualità e gravidanza

La gravidanza rappresenta un evento importante del ciclo di vita, un momento particolarmente ricco di cambiamenti soprattutto per la donna, ma che coinvolge anche la coppia in una ristrutturazione della relazione che deve necessariamente compiere un passo evolutivo. Le trasformazioni di questo periodo riguardano anche la sfera della sessualità, essa infatti non è esente dall’influenza dalle variazioni dei fattori biologici e psicologici che sopraggiungono con l’instaurarsi della gestazione.

Gli studi scientifici hanno messo in luce che durante i nove mesi, vi sono alcune differenze nell’andamento del desiderio e dell’attività sessuale.

Nei primi tre mesi vi è una diminuzione del desiderio e una riduzione del piacere sessuale, tale calo viene spiegato sia in termini di disturbi fisici sperimentati dalla donna, quali nausea, stanchezza cronica e disturbi del sonno, ma anche timori e falsi miti che ruotano attorno alla gravidanza – come la paura di fare del male al feto – non sono da sottovalutare, infatti una recente ricerca ha studiato la relazione esistente tra la consapevolezza della propria gravidanza con le funzioni sessuali e le donne che non erano a conoscenza di aspettare un figlio avevano una frequenza coitale, livelli di eccitazione, lubrificazione e soddisfazione significativamente maggiore rispetto a quelle del gruppo consapevole.

Nel secondo trimestre avviene invece un aumento del desiderio e della sessualità, probabilmente poiché i disturbi fisici dei mesi precedenti si riducono, la gravidanza comincia a diventare più tangibile, con la pancia che cresce e i movimenti fetali, e i timori che si verifichi un aborto diminuiscono sensibilmente.

Vi è di nuovo un’inversione di tendenza negli ultimi tre mesi della gestazione ed anche in questo caso il calo della frequenza sessuale è legato sia a problematiche fisiche che insorgono in questo periodo come dispnea, edema, contrazioni, fatica e fastidi legati al volume addominale; sia a cause psicogene, come il non sentirsi più attraenti agli occhi del partner e l’ansia in vista del parto.

Diversi studi hanno evidenziato un’influenza negativa della gravidanza anche sul funzionamento della sessualità maschile, in particolare: disturbi del desiderio, eiaculazione precoce, disfunzione erettile. In questo caso i fattori che entrano in gioco riguardano preoccupazioni relative a:

  • Ansia della paternità
  • Paura di causare dolore alla madre e danni al feto
  • Depressione dopo la nascita
  • Gelosia del legame madre-bambino
  • Difficoltà nella sovrapposizione della figura della donna amante e della donna madre
  • Difficoltà nel relazionarsi con i cambiamenti della partner durante la gravidanza.

A volte, le preoccupazioni prese in esame in questo articolo, possono divenire una barriera che ostacola l’intimità della coppia in un momento in cui invece sarebbe opportuno rinforzare la solidità della relazione, in vista delle nuove responsabilità che arriveranno diventando genitori. In questi casi potrebbe essere utile usufruire di una consulenza sessuologica, con il quale affrontare domande, dubbi, ansie e paure rispetto ai cambiamenti nella fisiologia e nel comportamento sessuale durante la gravidanza.

La guida dell’esperto, oltre a rappresentare un valido sostegno in questo delicato periodo, può risultare utile anche per avere suggerimenti pratici, ad esempio sulle posizioni sessuali in gravidanza, sulla prevenzione delle malattie sessualmente trasmesse (MST) e le informazioni sulla sicurezza delle relazioni sessuali durante la gravidanza, o, ancora, su come sviluppare le proprie risorse e trovare nuove strategie per gestire meglio le situazioni che si dovranno affrontare.

Per maggiori informazioni sul tema segnaliamo il servizio di consulenza telefonica gratuita dell’Istituto di Sessuologia Clinica di Roma (ISC) disponibile dal lunedì al giovedì dalle 15:00 alle 19:00 al numero 06 85356211. Un team di psicologi con specializzazione in sessuologia clinica risponderà alle vostre domande e fornirà indicazioni utili rispetto ai temi della sessualità.

Marilena Iasevoli
Istituto di Sessuologia Clinica

Se ti piace Margherita.net abbonati gratis alla nostra newsletter settimanale!

Condividi questo articolo sui tuoi social

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.