OGGI È  
Donne, moda e tendenze capelli . Il sito delle donne online
Margherita nei tuoi preferiti? Click!

Home | Donne e salute | Starbene | Starbene

Il tatuaggio è indelebile?

Riceviamo continuamente messaggi da alcune nostre lettrici, che dopo essersi fatto fare un tatuaggio, si pentono e ci chiedono come fare per riuscire toglierselo. Ma quanti sono questi "pentiti" del tattoo che si sono stufati dell'opera d'arte che si trovano addosso e prendono la decisione di farsela rimuovere? Sono molti se consideriamo che arrivano a poco meno del 30% di quanti si sono fatti tatuare in tutto il mondo nel corso dell'anno precedente, e cioè quasi un terzo di 18 milioni, circa.

Il "revival" di tale pratica, che oggi si osserva un po' dappertutto, riguarda sia alcune caratteristiche del tatuaggio tradizionale, sia il "superamento" dello stesso e del "piercing" con la provocazione sulla pelle di "cicatrici artistiche" ottenibili con il marchio a fuoco del tessuto cutaneo ( branding ) e con il risultato di scarificazioni dovute all'azione del bisturi.

Ma, come abbiamo detto, uno dei problemi che maggiormente interessa molti giovani d'oggi ( e ne accenniamo in questa nota ) è, contemporaneamente, quello della rimozione del tatuaggio tradizionale, sempre più richiesta da quanti , per vari motivi, ebbero a sottoporsi a tale pratica.
Il vecchio tatuaggio, considerato per secoli indelebile, non è più tale e può essere rimosso con buoni risultati dai moderni specialisti dermatologi. Dobbiamo comunque ricordare che sino a pochi anni fa non era facile togliersi un tatuaggio con risultati che fossero almeno soddisfacenti, e senza che residuassero cicatrici antiestetiche, spesso pigmentate, sulla superficie del corpo. Tali inevitabili conseguenze erano talora decisamente brutte e,spesso, facevano quasi rimpiangere la situazione precedente.

I vecchi dermatologi, ricordo, si avvalevano in questi casi di vari mezzi che comprendevano una rimozione chimica con acido tricloroacetico o acido tannico, la dermoabrasione con una fresa ( simile a quella dei dentisti ) e qualche volta una vera e propria raschiatura usando cristalli di vari sali.
Oggi si usa il laser che può servire molto meglio allo scopo, anche se dev'essere fatto presente che generalmente tali apparecchiature non danno risultati ottimi per tutti i colori che sono stati usati, ma soltanto per alcuni di essi con la conseguenza che certe parti del tatuaggio rischiano di rimanere invariate dopo il trattamento.

Sulla base dell'esperienza di numerosi colleghi dermatologi, che abbiamo appositamente consultato, i migliori risultati si sarebbero ottenuti con il laser Multilight che, avendo uno spettro di emissione fessibile con impulsi di durata variabile, riesce ad interessare un numero maggiore dei colori generalmente usati da coloro che eseguirono il tatuaggio. In altre parole tale energia luminosa "pulsata" arriva a maggiori profondità nella cute e riesce a frammentare le particelle di un maggior numero d'inchiostri, senza peraltro provocare danni ai tessuti circostanti.

Con questa tecnica aumenta il numero dei tatuaggi, anche costruiti con colori differenti, che possono venire completamente rimossi anche utilizzando un numero non eccessivo di sedute.

Così accade che alla moltitudine di tatuatori, più o meno autorizzati, si va contrapponendo oggi un numero sempre maggiore di medici dermatologi che, utilizzando il laser, riescono spesso ad accontentare coloro che ci hanno ripensato e decidono di rimuovere dalla loro pelle le sostanze colorate, generalmente di origine vegetale, che costituiscono il tatuaggio stesso.

Prof. Giovanni Cristianini
http://www.geragogia.net/


TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

SEGUI MARGHERITA.NET

Teniamoci in contatto!
Iscriviti gratis alla newsletter di Margherita.net. Ricevi i nostri aggiornamenti settimanali direttamente nella tua mailbox

ADVERSUS UOMINI
10 cose che le ragazze notano (eccome) in un uomo
Fai di Margherita.net la tua homepage. Basta fare click qui
Teniamoci in contatto! :-)
Iscriviti gratis alla newsletter di Margherita.net.
Ricevi i nostri aggiornamenti settimanali direttamente nella tua mailbox