OGGI È  
Donne, moda e tendenze capelli . Il sito delle donne online
Margherita nei tuoi preferiti? Click!

Home | Donne e salute | Starbene | Starbene

2007: Europa senza morbillo?

Prima di avviarci verso l'autunno, ancora nel colmo di questa torrida estate, approfittiamo per parlare della prevenzione del morbillo, in considerazione soprattutto delle numerosi messaggi che abbiamo ricevuto, in proposito, da molte lettrici nel corso di quest'anno. Chi ci legge deve sapere, anzitutto, che l'Organizzazione Mondiale della Sanità si è impegnata ad ottenere l'eliminazione del morbillo, per la data riportata nel titolo, e che anche l'Italia sta adottando, per suo conto, un piano nazionale per contribuire alla eliminazione di questa malattia contagiosa dal nostro paese. Ma prima di accennare alla profilassi, vogliamo ricordare ai lettori di che forma morbosa si tratti e di come si diffonda.

Il morbillo è una malattia esantematica acuta, causata da un agente virale ben conosciuto, la quale, pur essendo in notevole riduzione in quasi tutti i paesi del mondo occidentale, è tuttavia ancora presente ( anche in forma epidemica ), nonostante la messa a punto e la generale adozione di una profilassi vaccinica efficace. Quando diciamo "esantema" vogliamo riferirci al sintomo più appariscente di questa forma morbosa, rappresentato da una manifestazione cutanea - maculopapulosa - che inizia dalla fronte e si diffonde a tutto il corpo ( sino ai piedi ) nel giro di tre giorni. Ma andiamo per gradi e seguiamo uno schema descrittivo che sia di facile interpretazione per le nostre lettrici. Abbiamo appena detto dell'agente eziologico che ne è responsabile ( morbillivirus ) ed ora vediamo, sinteticamente, quali sono le modalità di trasmissione della malattia, come è noto altamente contagiosa. Pensate che una persona suscettibile può infettarsi respirando semplicemente l'aria di un ambiente nel quale sia transitato, nelle due ore precedenti, un individuo affetto da morbillo.

La trasmissione dell'infezione avviene attraverso le secrezioni nasofaringee che, sotto forma di goccioline sospese nell'aria, arrivano alle mucose respiratorie di individui suscettibili e propagano così il contagio. Quello che deve essere ricordato è che le epidemie interessano oggi più comunemente gli adolescenti ed i giovani adulti rispetto a quanto si osservava in passato, quando il morbillo era una malattia tipicamente infantile. E' probabile che la pratica vaccinale abbia influito su tale modificazione epidemiologica, anche se non va dimenticato che il contagio si è egualmente verificato anche in comunità nelle quali i livelli di vaccinazione avevano quasi raggiunto il 100%, evenienza questa spiegabile solo con la presenza di soggetti inadeguatamente immunizzati. Dopo il contagio passano generalmente 7 -18 giorni ( periodo di incubazione ) prima che compaiano le manifestazioni cliniche iniziali.

Esse consistono in febbre elevata ( fino a 40 ° C ), congiuntivite e soprattutto tosse secca e stizzosa. La comparsa del rash avviene, dunque, dopo circa due settimane dal contagio e dura in media 6 giorni. I sintomi prodromici cui abbiamo accennato regrediscono generalmente due giorni dopo la comparsa dell'esantema, eccettuata la tosse che spesso si mantiene per tutta la durata della malattia. Il morbillo è solitamente una malattia benigna ( lo stesso nome, infatti è un diminutivo del latino "morbus" e vuol dire piccola malattia ) ma può andare incontro ad alcune complicazioni. Volendo ricordare soltanto le più comuni fra queste, menzioniamo la polmonite batterica secondaria, l'otite media, la glomerulonefrite transitoria, l'epatite e la fortunatamente rara encefalomielite.

La prevenzione del morbillo può essere fatta con l'immunizzazione passiva e con quella attiva. La prima si ottiene con l'impiego di gammaglobuline in dose adeguata ( entro 6 giorni dall'esposizione ) ed è consigliabile sotto i 3 anni ( bambini esposti non vaccinati ), nelle donne gravide, nei pazienti affetti da tubercolosi ed in tutti gli immunodepressi. L'immunizzazione attiva si pratica con il vaccino attenuato ed è oggi obbligatoria, come è noto, la profilassi con il vaccino triplice (anti-parotite, anti-rosolia, anti-morbillo ). La vaccinazione anti-morbillo è risultata molto efficace, ma ha fatto registrare anche dei fallimenti, specialmente nei casi di vaccinazione precoce ( prima dei 15 mesi di vita ).Comunque oggi si ritiene che se, in certi casi, la vaccinazione viene praticata entro 72 ore dal contagio, ha buone probabilità di proteggere dalla malattia, allo stesso modo della immunizzazione passiva.

Per quanto riguarda il nostro paese, possiamo anticipare che alcune regioni italiane hanno già avviato un programma vaccinale che coinvolge tutta la popolazione di età sino ai 18 anni, allo scopo, intanto, di ridurre la quota dei soggetti suscettibili alla malattia al più basso livello possibile. Ma allora come ci si deve comportare per prevenire il morbillo? Ribadiamo che il morbillo è completamente evitabile con una corretta vaccinazione. Circa il 95% degli individui vaccinati risultano protetti con una sola dose di vaccino e praticamente tutti sono tutelati con due vaccinazioni successive.

Tanto per fare un esempio lo Stato di Washington, come altri, prevede due dosi di vaccino antimorbilloso : una dai 12 ai 15 mesi ed una seconda dose dagli 11 ai 12 anni. Il programma vaccinale nelle regioni italiane dovrebbe svilupparsi nell'arco di tre anni con l'obiettivo di offrire un'ulteriore occasione di vaccinazione antimorbillosa a tutti i soggetti suscettibili di età compresa tra 2 e 18 anni. In altre parole, ad ogni caso sospetto di morbillo, si procederà alla verifica dello stato vaccinale delle persone che hanno avuto contatti con il malato ( familiari, compagni di scuola o altri). La vaccinazione sarà offerta gratuitamente a tutte le persone suscettibili ( o presunte tali) che sono state sposte al contatto. Il morbillo senza complicazioni non richiede terapia, ma solo l'uso di sintomatici.

Nel caso di sovrainfezioni batteriche è necessario, comunque, il trattamento antibiotico. Per concludere possiamo dire che solo attraverso la strategia vaccinale che abbiamo menzionato, oltre ad una attenta sorveglianza epidemiologica, si potrà raggiungere il traguardo di un controllo ( fino alla eliminazione ) di una malattia, che a torto è considerata da gran parte del pubblico di scarso rilievo.

Prof. Giovanni Cristianini
http://www.geragogia.net/


TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

SEGUI MARGHERITA.NET

Teniamoci in contatto!
Iscriviti gratis alla newsletter di Margherita.net. Ricevi i nostri aggiornamenti settimanali direttamente nella tua mailbox

ADVERSUS UOMINI
10 cose che le ragazze notano (eccome) in un uomo
Fai di Margherita.net la tua homepage. Basta fare click qui
Teniamoci in contatto! :-)
Iscriviti gratis alla newsletter di Margherita.net.
Ricevi i nostri aggiornamenti settimanali direttamente nella tua mailbox