OGGI È  
Donne, moda e tendenze capelli . Il sito delle donne online

Home | Donne e salute | Starbene | Starbene

Guarire dal cancro

Quando usiamo il termine cancro dovremmo renderci conto che tale voce, come del resto neoplasia e "malignità" ( qualcuno ha adoperato anche la terribile espressione di "malignoma"), sono tutte parole intercambiabili sia nel gergo tecnico - scientifico che in quello popolare.

Ed in particolare quando diciamo "cancro" ci vogliamo riferire a tutte le neoplasie maligne in generale e non soltanto a quelle di origine epiteliale ( meglio definibili come "carcinomi" ).Per semplificare le cose possiamo dire che per cancro dovremmo intendere tutti i tumori cellulari con decorso naturale letale, diversi dai tumori benigni, in quanto possiedono le proprietà dell'invasione e della metastatizzazione. I cancri vengono divisi in due grandi categorie, i carcinomi, appunto, ed i sarcomi ( di origine connettivale ), che sono poi le definizioni adottate nei paesi scientificamente più avanzati, come quelli di lingua inglese.

Fatta questa necessaria premessa, potremmo tornare indietro di qualche anno, anzi di qualche decennio, quando il termine "cancro", nel senso che abbiamo appena definito, non veniva neppure pronunciato e si ricorreva volentieri agli eufemismi più vari per indicarlo, quasi si volesse esorcizzare la temuta eventualità di cadere preda della fatale malattia.

E il desiderio di scongiurare una tale evenienza era particolarmente avvertibile nel comune linguaggio popolare. Era piuttosto comune infatti sentir dire che il tale aveva un "brutto male " o che il talaltro era morto di un "malaccio" al fegato, per non dover nominare la parola male accetta, in ossequio ad una rigorosa scaramanzia.

Oggi naturalmente le cose sono molto cambiate, non solo nell'uso della terminolgia da usare, ma anche e soprattutto per la convinzione sempre più diffusa, non solo nel mondo scientifico, che sia sempre possibile curare e spesso guarire tale forma patologica.

Se per esempio passiamo in rassegna i dati ufficiali, riportati nei Registri dei Tumori, dobbiamo prendere volentieri atto che le guarigioni sono aumentate del 6% rispetto alle casistiche degli anni precedenti, che la spettanza di vita in questi malati si è notevolmente allungata ed è, inoltre, notevolmente migliorata la qualità della vita stessa.

Buoni risultati risultano registrati per i tumori della mammella, la cui percentuale di sopravvivenza a cinque anni è salita all'82% ( con un incremento del 3% rispetto ai dati di dieci anni fa ), per i melanomi, nei quali i sopravvissuti dopo cinque anni raggiungerebbero il 75% ( con un incremento del 9% ) ed anche per i tumori del rene nei quali i superstiti sarebbero aumentati dell'8%.

Dobbiamo riconoscere subito che tali favorevoli risultati devono essere attribuiti soprattutto alla prevenzione, che è la conseguenza di una migliore e più diffusa informazione, oltre che di una maggiore precocità nella diagnosi. Ed a giovarsi degli enormi vantaggi di una prococe diagnosi sono stati, care lettrici, proprio i tumori dell'utero e della mammella, mentre in altri eventi patologici ( leucemie e linfomi ) i successi ottenuti vanno soprattutto attribuiti ai progressi compiuti dalla chemioterapia, dalla terapia radiante e dalle tecniche di trapianto.

Non dimentichiamo però, per concludere, che la prevenzione primaria si giova soprattutto di una vita sana, di una alimentazione il più possibile equilibrata e della pratica di un esercizio fisico continuativo che impedisca lo stabilirsi dell'obesità. Una nota negativa, per il momento, va riservata alle varie campagne contro il fumo, attivo e passivo, che non possiamo dire abbiano avuto favorevoli risultati, come del resto dimostra anche la sopravvivenza nel caso del tumore polmonare che rimane, a cinque anni, ferma al 10%.

Prof. Giovanni Cristianini
http://www.geragogia.net/

 


TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Teniamoci in contatto!
Iscriviti gratis alla newsletter di Margherita.net. Ricevi i nostri aggiornamenti settimanali direttamente nella tua mailbox

ADVERSUS
Moda uomo, modelle, stile e tendenze capelli uomo. Fai click qui, leggi ADVERSUS
Fai di Margherita.net la tua homepage. Basta fare click qui

Teniamoci in contatto! :-)
Iscriviti gratis alla newsletter di Margherita.net.
Ricevi i nostri aggiornamenti settimanali direttamente nella tua mailbox