OGGI È  
Donne, moda e tendenze capelli . Il sito delle donne online

Home | Donne e salute | Starbene | Starbene

Una dieta per l'autunno

Se volessimo seguire i consigli, e le raccomandazioni, di certi dietologi, dovremmo adottare, nella stagione autunnale, una dieta particolare, caratterizzata da una maggiore ricchezza di calorie per darci modo di affrontare, in buone condizioni psico-fisiche, i mesi del lavoro e del freddo che presto comincerà a farsi sentire.

Ne ho parlato con qualcuna delle lettrici, anzi sono state loro ad interpellarmi per pormi alcuni problemi in proposito e per chiedere come comportarsi in questo senso.In sostanza, la gran parte di esse mi ha scritto proprio per chiedermi come si possa adottare una dieta che sia più energetica di quella consigliata per i mesi estivi, senza correre il rischio di "mettere su qualche chilo di troppo".

E' un problema di non facile soluzione perchè, bisogna riconoscerlo, anche le diete troppo rigorose ( intendo quelle ipocaloriche) possono causare, in questo periodo dell'anno, effetti indesiderati, che sono in grado d'influire negativamente sul tono dell'umore. In altre parole possono, talvolta, favorire anche la depressione in soggetti predisposti.

Ma allora cosa si deve fare per recuperare il peso forma ( spesso messo in crisi dalle numerose tentazioni estive), senza indebolirsi eccessivamente o, addirittura, senza troppo ridurre l'apporto energetico e, quindi, senza danneggiare il metabolismo degli organi vitali?

La risposta è piuttosto semplice a dirsi, un pò più difficile quando vogliamo metterla in pratica. Se la donna di cui parliamo è in sovrappeso, come la maggioranza di quelle che ci ha contattato, deve fare due cose: ridurre almeno del 10% l'assunzione calorica quotidiana, modificando però l'alimentazione da un punto di vista qualitativo. In altre parole dev'essere seguita una dieta adeguatamente ipocalorica ( ma contenente tutti i nutrienti essenziali) con l'esclusione di alcuni alimenti che, più degli altri, possono fare ingrassare. Facciamo qualche esempio.

Cominciamo dalla pasta.Questa non può essere esclusa, ma deve essere assunta in porzioni normali e, naturalmente, condita in modo da non farla diventare un piatto ipercalorico ( un filo d'olio, quindi, con aromi vari come timo, rosmarino, aglio, ecc...).

Si devono invece eliminare, nel modo più assoluto, tutti gli alimenti che contengono grassi animali, come salumi, burro e formaggi, per il semplice fatto che contengono grassi acidi saturi che notoriamente aumentano l'adipe.

Le proteine necessarie (70 g al dì) devono essere fornite da carne magra e, possibilmente, dal pesce azzurro ( sgombro, merluzzo, sarde...).
Frutta e verdura devono essere fornite in abbondanza perchè ricche di fibre ( che danno, tra l'altro, senso di sazietà), di minerali e di vitamine, e sono povere di calorie. Le proteine dei cereali e dei legumi, teniamolo presente, possono compensare quelle animali ( che si portano sempre dietro un pò di grassi ) e contengono gli aminoacidi indispensabili all'organismo.

Per concludere:si raccomanda di non bere bevande alcoliche, nè succhi di frutta zuccherati, ma solo acqua, minerale o di fonte, e ricordare che se la dieta, da sola, non basta è necessario aumentare l'attività motoria ( ad esempio un lunga passeggiata, a passo veloce, ogni giorno).

Prof. Giovanni Cristianini
http://www.geragogia.net/


TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Teniamoci in contatto!
Iscriviti gratis alla newsletter di Margherita.net. Ricevi i nostri aggiornamenti settimanali direttamente nella tua mailbox

ADVERSUS
Moda uomo, modelle, stile e tendenze capelli uomo. Fai click qui, leggi ADVERSUS
Fai di Margherita.net la tua homepage. Basta fare click qui

Teniamoci in contatto! :-)
Iscriviti gratis alla newsletter di Margherita.net.
Ricevi i nostri aggiornamenti settimanali direttamente nella tua mailbox