OGGI È  
Donne, moda e tendenze capelli . Il sito delle donne online

Home | Donne e salute | Starbene | Starbene

Chirurgia estetica


Per il fatto di ricevere, piuttosto spesso, da parte delle nostre lettrici continue richieste di informazioni e di consigli su tale disciplina , sono stato costretto, in questi anni, a farmi una notevole esperienza in questo campo, grazie anche alla disponibilità ed alla collaborazione dei colleghi che praticano la chirurgia estetica e ricostruttiva.

Ve ne parlerò quindi, per presentarvela, non da chirurgo, ma da medico internista che da molti anni lavora in ospedale e che, come dicevo, anche per il "tirocinio" fatto nella conduzione di questa rubrica, ha potuto seguire tanti casi ed accumulare, indirettamente, una discreta e non trascurabile esperienza in questo settore.

Devo ammettere che molto ho imparato anche da chi mi ha scritto, grazie alle domande più disparate che mi sono state rivolte ed anche, perchè no?, per la competenza non trascurabile di molte lettrici su quelle che sono oggi le tecniche più sofisticate in questo campo. Sono venuto così a conoscenza di metodiche e procedure che vengono messe continuamente in atto dagli operatori per permettere la correzione chirurgica di svariati inestetismi e di ottenere, in definitiva, a molte donne ( ma non solo donne) di piacersi e di piacere di più.

Una precisazione, comunque, deve essere fatta a chi ci legge, e cioè che la chirurgia estetica ( o cosmetica), per quanto si sia fatta conoscere notevolmente per suo conto, deve essere sempre annoverata, comunque, nel quadro generale della chirurgia plastica che , oltre a questo ramo, include quello della chirurgia ricostruttiva ed impiega, a questo scopo, diversi biomateriali e prodotti della cosiddetta ingegneria tessutale.

Quest'ultima, tanto per fare qualche esempio, si occupa della possibilità di creare, con materiali vari, sostituti di tessuti organici come l'osso, la cartilagine, la pelle, onde permettere così la ricostruzione di perdite scheletriche causate da traumi, da tumori e da lesioni congenite. Ma si interessa anche di modificare, a fini cosmetici, strutture del volto e del corpo in genere, nel rispetto della sicurezza del paziente e nella assoluta osservanza della deontologia professionale.

A questo proposito mi viene in mente, sulla base anche dei numerosi messaggi ricevuti sull'argomento, la blefaroplastica, sulla quale vorrei spendere qualche parola, anche per accontentare molte nostre interlocutrici alle quali abbiamo più volte promesso di occuparcene. Indubbiamente il modellamento delle palpebre rappresenta l'intervento di chirurgia cosmetica forse tra i più seducenti e che, sempre in mani esperte, può dare ottimi risultati. Vorrei però, prima di parlarne brevemente, ricordare che con questo intervento di plastica si possono togliere le "borse" sotto gli occhi abbastanza bene, senza che risultino naturalmente visibili cicatrici, per cui il volto risulta nel complesso rinnovato.

Vorrei anche, però, mettervi subito in guardia contro certi slogan o battute pubblicitarie, a cui indulgono, purtroppo, anche i chirurghi del settore, secondo i quali un tale intervento, facendo scomparire le "borse", farebbe scomparire anche un cospicuo numero di anni. Piuttosto che di ringiovanimento direi che sarebbe più corretto parlare, in questa evenienza, di un miglioramento dell'espressione che dovrebbe ripercuotersi anche sul resto del volto, senza però cambiare la fisionomia, quando l'operazione sia eseguita ovviamente a regola d'arte.
Nei soggetti abbastanza giovani, che hanno la cute ancora sufficientemente elastica, il rilassamento palpebrale ( o anche le "borse" , spesso congenite) possono essere eliminate operando all'interno della palpebra, dalla parte della congiuntiva.

E' doveroso, prima di conchiudere questo paragrafo, accennare agli eventuali problemi post-operatori che, indubbiamente, ci sono e perdurano per circa una settimana, almeno, dopo l'atto chirurgico. Nei giorni che seguono all'operazione compare, infatti, l'edema delle palpebre trattate e, in tutti i casi, importanti ecchimosi che durano alcuni giorni e costringono il paziente ad usare, per mascherarli, gli occhiali da sole, se vuole riprendere gli impegni professionali al più presto. Tra gli effetti collaterali indesiderati deve essere ricordato anche un eccessivo abbassamento del bordo della palpebra inferiore, dovuto a cause diverse, che può rendere necessario un reintervento ( si parla in questi casi di "occhio tondo"). Infine, ma non è una complicazione, se coesistono le rughe " a zampa di gallina" accanto alle "borse", è possibile anche eliminare un po' di tali grinze cutanee, nel corso dello stesso intervento, sollevando il muscolo orbicolare e fissandolo all'orbita, con una tecnica particolare.

A questo proposito, forti dell'esperienza fatta in questi anni, vorremmo aprire una breve parentesi, prima di dimenticarcene, e mettere sull'avviso le nostre lettrici, affinchè non si facciano ingenuamente attrarre dal primo chirurgo incontrato e, con il consiglio del proprio medico, si rivolgano sempre, per le necessarie informazioni, presso gli ordini professionali e le cliniche universitarie, prima di affrontare qualsiasi intervento di chirurgia estetica.
Ma tornando a considerare la casistica, che è poi quello che maggiormente interessa il pubblico femminile, ricordiamo le notissime protesi mammarie al silicone, di cui tanto si è discusso, anche a sproposito, in questi ultimi tempi sulla stampa di ogni tipo e nelle sedi più varie. Questo particolare intervento di mastoplastica ormai viene eseguito, se in mani esperte, con una buona sicurezza e con risultati soddisfacenti in altissima percentuale.

Ma vediamo di spiegare quello che comunemente si intende per mastoplastica in senso generale. In poche parole si tratta di un intervento sul seno per modellarlo quando è svuotato ed inconsistente, per ridurne le dimensioni quando è troppo voluminoso o, infine, per ricostruirlo quando è assente per malformazione congenita o perché asportato a causa di una qualche patologia ( mastectomia per tumore). Potremmo quindi parlare, nei primi due casi, di mastoplastica estetica e, nell'ultima evenienza, di ricostruzione mammaria post-mastectomia. Oggi l'intervento estetico ( in senso stretto) più frequente è rappresentato dalla mastoplastica additiva e cioè dall'inserimento di una protesi per aumentarne il volume, alla quale ricorrono anche le donne giovani, a differenza di quanto avveniva negli anni passati.

Abbiamo accennato, all'inizio, che le protesi più utilizzate sono quelle di silicone, delle quali diremo soltanto che sono costituite da una parte centrale gelatinosa che le fa assomigliare ad un seno normale, anche per la consistenza. L'intervento dura poco più di un' ora, viene praticato in ambiente ospedaliero, sempre in anestesia generale e la paziente può essere dimessa il giorno seguente. Il soggetto operato deve essere controllato ogni due anni per l'accertamento di eventuali effetti collaterali, tra i quali ricordiamo una possibile reazione fibrosa attorno alla protesi che diventa, in questo caso, più rigida.

Della ricostruzione mammaria post-mastectomia, di cui non vogliamo entrare nei particolari tecnici, diremo soltanto che è prevista la ricostruzione immediata e quella differita, aggiungendo che la seconda dà migliori risultati estetici, mentre la prima viene preferita generalmente per evitare le conseguenze depressive della mutilazione.
Non possiamo terminare questa nota sulla chirurgia estetica senza accennare a quella che potremmo chiamare la chirurgia "soft" della cellulite, lipodistrofia di cui ci siamo già occupati in passato ( vedi archivio, pagina della salute) e di cui vorremmo limitarci, in questa sede, ad un accenno terapeutico.

Abbiamo scritto, nel nostro precedente lavoro, che il trattamento chirurgico è riservato alle forme localizzate ed è fondato essenzialmente sulla riduzione dell'accumulo adiposo con la liposuzione.Sotto tale denominazione sono incluse tecniche diverse che comprendono la liposuzione tradizionale ( o lipoaspirazione con cannule), la liposuzione ultrasonica e quella "laser". La qualità estetica del risultato dipende da molti fattori, tra cui il tipo di pelle ( nelle donne giovani si hanno i risultati migliori) e dal tono muscolare dell'operanda.

Come abbiamo fatto per gli altri argomenti trattati, elenchiamo anche in questo caso le complicanze più frequenti dell'intervento, ricordando, in particolare, ematomi, sieromi, edemi, infezioni, shock ipovolemico, embolia, tromboflebiti. Le sequele più frequenti sono invece rappresentate da irregolarità cutanee, ipoestesia e pigmentazione della pelle da depositi emosiderinici.

Infine accenniamo, in appendice, anche alla cura delle ustioni con l'utilizzazione delle pelle semiartificiale, proposta pure per integrare le procedure di "ringiovanimento" della cute ( peeling, dermoabrasioni, laser), oltre agli interventi sulle cicatrici particolarmente deturpanti (usando nuove molecole quali le citochine).

La chirurgia estetica ( o cosmetica) è senz'altro in continua espansione ed al chirurgo plastico si richiede, pertanto, la massima preparazione tecnica, responsabilità, consapevolezza e, nei confronti del paziente, la più assoluta disponibilità ad attuare controlli accurati, onde potere valutare eventuali problemi anestesiologici e prevenire possibili e deturpanti difetti di cicatrizzazione.

Prof. Giovanni Cristianini
Primario Internista Ospedaliero


TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Teniamoci in contatto!
Iscriviti gratis alla newsletter di Margherita.net. Ricevi i nostri aggiornamenti settimanali direttamente nella tua mailbox

ADVERSUS
Moda uomo, modelle, stile e tendenze capelli uomo. Fai click qui, leggi ADVERSUS
Fai di Margherita.net la tua homepage. Basta fare click qui

Teniamoci in contatto! :-)
Iscriviti gratis alla newsletter di Margherita.net.
Ricevi i nostri aggiornamenti settimanali direttamente nella tua mailbox