OGGI È  
Donne, moda e tendenze capelli . Il sito delle donne online

Home | Donne e salute | Starbene | Starbene

Cura della cellulite

A suo tempo abbiamo già toccato questo argomento, su richiesta delle nostre lettrici che chiedevano, e chiedono tuttora, di conoscere soprattutto un attendibile giudizio circa le cure che sono più consigliate per combattere tale diffuso inestetismo.

Ci sia consentito di fare una breve premessa su quello che è detto inestetismo, ma che, invece, è una vera malattia e della quale, pertanto, diagnosi e cura sono di pertinenza medica, sia che si usino farmaci o che si agisca per via chirurgica o strumentale. E come tale desideriamo che sia considerata, come un'affezione morbosa, cioè, che non può essere declassata ad una semplice irregolarità estetica, come alcuni cercherebbero di fare, per il semplice motivo che si tratta certamente di una vera patologia del derma e dell'ipoderma ( pannicolo adiposo sottocutaneo), con conseguenze estetiche particolarmente importanti sul corpo femminile, ma derivanti sempre da una situazione morbosa di base che ne rappresenta il sottofondo obbligatorio.

A questo proposito, care lettrici, è meglio che vi dica subito che il termine "cellulite", pur così diffuso e adoperato, rappresenta una terminologia impropria, nonostante l'enorme diffusione che ad esso viene dato dai media, negli spot televisivi ed in ogni forma di propaganda pubblicitaria, non escluse le vetrine delle farmacie.

"Cellulite" è quindi una locuzione scientificamente inesatta, usata a sproposito, se si tiene conto che nel lessico medico viene adoperata con significati piuttosto diversi, che non possiamo qui elencare. La definizione esatta della patologia chiamata comunemente "cellulite" è invece quella di pannicolopatia edemato-fibrosclerotica e consiste in una serie di alterazioni che interessano l'ipoderma, un tessuto che è situato, come dice il nome, al di sotto del derma e, come abbiamo detto, costituito prevalentemente da adipe. Secondo recenti studi la "cellulite" è causata da una specie di incapsulazione, a base di collagene, delle cellule adipose che aumentano di consistenza, per cui soatanze ormonali ed altre molecole lipolitiche, non riescono più a penetrare nella cellula grassa: l'adipe resta quindi inglobato nelle strutture cellulari e diventa inattivo.

Per cui accade che la pannicolopatia, di cui abbiamo detto, sia caratterizzata soprattutto dall'edema, da una pelle più pastosa, più fredda e meno elastica, con la successiva comparsa di alterazioni della sensibilità, dette parestesie in gergo medico. Poi il connettivo del derma va gradualmente incontro ad un processo sclerotico che fa assumere alla cute il caratteristico aspetto "a buccia d'arancia", con pallore, ipotermia, dolore spontaneo e palpatorio.

Ci sono rimedi contro la "cellulite"? Oltre all'attività fisica specialistica ( al nuoto, alla corsa e all'uso della bicicletta) ed oltre all'alimentazione ( che varia a seconda che le pazienti siano o no in sovrappeso), ci possiamo avvalere oggi di molti metodi curativi che vanno da una particolare laserterapia che distrugge le cellule adipose, alla mesoterapia che agisce tramite l'iniezione ipodermica di farmaci lipolitici, dalla crioterapia, che permette l'iniezione di farmaci a bassa temperatura, alla carbossiterapia che riduce l'effetto " a buccia d'arancia", sino ad arrivare alla biostimolazione e ad altre particolari metodiche.

Per rispondere alla domanda che ci siamo fatti potremmo dire che i rimedi potrebbero sembrare anche troppi, dato che non passa giorno che non venga messo in commercio qualche nuovo ritrovato che vanti proprietà terapeutiche in tale patologia.Una domanda mi viene fatta di continuo dalle lettrici: servono creme e lozioni che vengono propagandate in ogni modo contro la "cellulite"? Penso che difficilmente un preparato "cosmetico" potrà risolvere uno stato cellulitico, anche se capita talvolta di assistere a qualche miglioramento nelle forme incipienti di "cellulite" edematosa per la quale si può, talvolta, associare la terapia cosmetica a quella medica.

In attesa di saperne di più non dimentichiamo i vantaggi del massaggio ( compreso l'idromassaggio), quelli del linfodrenaggio ( che non avevamo finora menzionato) e, in campo chirurgico, non sottovalutiamo i risultati della lipoaspirazione e della liposcultura, di cui abbiamo già trattato in questa rubrica.
Per concudere possiamo dire che esistono numerosi tipi di cellulite ( molle, compatta, edematosa, fibrosa, ecc....) che richiedono cure diverse a seconda della varietà predominante, che spesso vanno associate fra di loro e devono sempre essere impiegate dal medico esperto.

Prof. Giovanni Cristianini
http://www.geragogia.net/


TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Teniamoci in contatto!
Iscriviti gratis alla newsletter di Margherita.net. Ricevi i nostri aggiornamenti settimanali direttamente nella tua mailbox

ADVERSUS
Moda uomo, modelle, stile e tendenze capelli uomo. Fai click qui, leggi ADVERSUS
Fai di Margherita.net la tua homepage. Basta fare click qui

Teniamoci in contatto! :-)
Iscriviti gratis alla newsletter di Margherita.net.
Ricevi i nostri aggiornamenti settimanali direttamente nella tua mailbox