OGGI È  
Donne, moda e tendenze capelli . Il sito delle donne online
Margherita nei tuoi preferiti? Click!

Home | Donne e salute | Starbene | Starbene

Il cancro fa meno paura

Sino a qualche decennio fa la parola cancro non si poteva neppure nominare per la paura che metteva addosso anche soltanto a pronunciarne il nome. Per indicarlo si usavano per lo più delle perifrasi, come qualcuno ricorderà, e lo si chiamava "brutto male " o anche "malaccio" con un toscanismo che veniva spesso usato o si ripiegava, di frequente, sulle locuzioni "tumore maligno" e "malignoma" . Erano tutte circonlocuzioni e giri di parole molto adoperate, ma poco eufemistiche perché dicevano già troppo e non esorcizzavano la paura della prognosi quasi sempre infausta.

Oggi le cose vanno un po' meglio, nel senso che la speranza di riuscire a sconfiggere la malattia è aumentata, anche se non si deve dimenticare che vanno sempre distinte numerose varietà di neoplasie e, quindi, che la prognosi varia a seconda del tipo di patologia tumorale e dello stadio in cui si interviene con la terapia.
Possiamo affermare, tuttavia, che in questi ultimi due lustri l'aspettativa di vita di questi pazienti è aumentata ed anche la qualità della stessa, nel complesso, è migliorata. Si calcola globalmente ( anche se un po' approssimativamente ) che oggi in Italia si guarisce di tumore il 7% in più rispetto alla media degli ultimi dieci anni, e si registra anche per la durata della sopravvivenza un significativo incremento. I migliori risultati, come abbiamo già osservato in una precedente nota, si sono orsservati per i tumori della mammella, che presentano una sopravvivenza che arriva all'80%, circa, dopo otto anni dalla diagnosi, mentre di poco inferiore è quella dei linfomi e del melanoma.

Si tratta indubbiamente di successi che dobbiamo soprattutto attribuire all'opera di sensibilizzazione ed alla campagna di prevenzione che vengono attuate in campo sociale attraverso tutti i mezzi d'informazione e che permettono molto spesso d'intervenire in tempo utile con la diagnosi precoce. In altri casi ( leucemie e linfomi ) il decorso più favorevole va attribuito, invece, ai grandi progressi compiuti dalle nuove tecniche terapeutiche.

L'igiene di vita, inoltre, è un accorgimento fondamentale per tenere lontane le malattie tumorali, come dimostrano studi recenti che hanno potuto valorizzare l'alimentazione equilibrata, ricca di frutta e verdura, ma povera di grassi, l'attività fisica sistematica e la lotta contro il peso superfluo.

Concludiamo con un' osservazione negativa, ricordando cioè alle nostre lettrici che, purtroppo, nessun risultato importante si è ottenuto ancora nei confronti del tumore polmonare, probabilmente perché non si è riusciti finora a sconfiggere in Italia, e in molti altri paesi, l'abitudine al fumo che rimane purtroppo molto diffusa. Probabilmente la strada da percorrere è quella di ridurre il rischio di cancro nelle popolazioni, attraverso una migliore conoscenza dei fattori genetici ed ambientali che influenzano l'incidenza dei tumori e, quindi, per identificare i soggetti con più elevato rischio di neoplasia. Ma di questo interessante argomento ci occuperemo in una prossima occasione.

Prof. Giovanni Cristianini
http://www.geragogia.net/


TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

SEGUI MARGHERITA.NET

Teniamoci in contatto!
Iscriviti gratis alla newsletter di Margherita.net. Ricevi i nostri aggiornamenti settimanali direttamente nella tua mailbox

ADVERSUS UOMINI
10 cose che le ragazze notano (eccome) in un uomo
Fai di Margherita.net la tua homepage. Basta fare click qui
Teniamoci in contatto! :-)
Iscriviti gratis alla newsletter di Margherita.net.
Ricevi i nostri aggiornamenti settimanali direttamente nella tua mailbox