OGGI È  
Donne, moda e tendenze capelli . Il sito delle donne online

Home | Donne e salute | Ginecologia

La sterilità di coppia

Oggi non si considera più singolarmente la sterilità femminile o maschile, ma si prende in esame la coppia sterile dopo 1-2 anni di rapporti sessuali regolari, come vedremo.A dire il vero le coppie realmente infeconde sono meno di quello che comunemente si crede e, secondo alcuni medici, sarebbe talora sufficiente, in certi casi particolari, una ben condotta opera di convincimento a livello psicologico per ottenere risultati insperati.

Una volta, infatti, si diceva "sterilità", mentre oggi si preferisce usare "infertilità" come terminologia più appropriata, sia che ci si riferisca alle femmine, ai maschi o ad entrambi.Vediamo di capirci qualcosa in questa locuzione e, a tale scopo, cerchiamo di darne una definizione. Si intende per infertilità in generale quella condizione di una coppia per cui questa "non è capace di concepire o di portare a termine una gravidanza dopo almeno un anno di rapporti sessuali praticati regolarmente ed, ovviamente, senza l'uso di anticoncezionali".Questa è la definizione comunemente accettata, ma si tenga presente che circa il 10% delle coppie considerate normalmente fertili, e che abbiano rapporti regolari non protetti, non riesce egualmente a concepire durante il primo anno di tentativi ed un buon 5% non vi riesce nemmeno dopo due anni.

Ne consegue che prima di sospettare una sterilità di coppia è necessario attendere, talvolta, anche più di due anni.

Secondo dati dell'Organizzazione Mondiale della Sanità sarebbero affette da infertilità almeno il 10% delle coppie, con variazioni importanti da una nazione all'altra. Uno dei luoghi comuni più diffusi, da molti ancora accettato, è che la sterilità sia da reputarsi un fenomeno esclusivamente femminile, mentre sarebbe dimostrato che quasi in un terzo dei casi di coppie non fertili la causa sarebbe stata riscontrata nel maschio e, soltanto nel 35-40%, nelle femmine. I casi in cui la coppia non è fertile, per problemi che riguardano contemporaneamente entrambi i membri della stessa, si avvicinerebbero al 30%.

Se prendiamo in considerazione quelle che sono le cause più comuni dell'infertilità nella donna dobbiamo sottolineare soprattutto le turbe dell'ovulazione, naturalmente, e certe anomalie anatomiche, quali ad esempio quelle che interessano le tube.
Se invece passiamo ad esaminare le cause d'infertilità nell'uomo, dobbiamo generalmente attribuirle in primo luogo a disturbi della spermatogenesi, ad ostruzioni anatomiche ed anche a fattori immunologici. Dalla nostra esperienza risultano, infatti, come cause frequenti l'occlusione tubarica, alcune malattie genitali femminili, certe disfunzioni endocrine e, nell'uomo, le azoospermie ed alcune oligoastenospermie.
Come accade sempre in medicina , anche in questo campo della patologia, la diagnosi costituisce sempre il primo atto medico da intraprendere e dal quale deriva poi sempre l'intervento terapeutico appropriato.

Una domanda, in particolare, ci è stata rivolta da molte delle nostre lettrici. Essa chiede in sostanza quali possibilità di cura abbiano oggi le coppie non fertili. Ovviamente le possibilità di risolvere tale problema dipende soprattutto dal tipo di sterilità che è stato diagnosticato, per cui possiamo dire che la gran parte delle pazienti donne viene curata, di solito con buoni risultati, usando la terapia ormonale e quella chirurgica, mentre l'infertilità maschile si giova di terapie per lo più farmacologiche ed anche chirurgiche, naturalmente, anche se sono ancora molto frequenti negli uomini i casi scientificamente inspiegabili.

Ricordiamo qui che nella terapia della sterilità si sono usati metodi estremamente empirici accanto ad interventi complessi e sofisticati come le tecnologie cosiddette di riproduzione assistita e come la fertilizzazione in vitro che ormai si pratica da quasi vent'anni a questa parte. Di queste tecniche parleremo più diffusamente in altra occasione, limitandoci, a conclusione di questa nostra nota, a prendere brevemente in esame gli effetti collaterali che possono verificarsi nella cura dell'infertilità e, soprattutto, a considerare gli eventuali rischi che corrono specialmente le donne sottoposte a tali cure.

L'induzione dell'ovulazione, a cui abbiamo accennato, può essere causa, nelle donne che vi vengono sottoposte, della cosiddetta sindrome da iperstimolazione ed anche di gravidanze multiple.La prima è un effetto collaterale dell'uso di farmaci stimolanti l'ovulazione e consiste nell'ingrossamento ovarico con versamento endoaddomunale e disturbi gastrointestinali. I parti multipli, d'altra parte, sono la conseguenza relativamente frequente (20% ) della ovulazione indotta con la somministrazione di gonadotropine ed anche della fertilizzazione in vitro.

Terminiamo con alcune considerazioni riassuntive che riguardano le percentuali di successo di tali cure e che prevedono, nell'ovulazione indotta, fino ad un 80% di concepimenti, soltanto però dopo numerosi cicli di terapia e preferibilmente quando la donna è giovane e l'infertilità riguarda un solo partner.Con la riproduzione assistita e con la fertilizzazione in vitro , infine, le percentuali di successo sono ulteriormente aumentate.

Prof. Giovanni Cristianini
http://www.geragogia.net/


TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Teniamoci in contatto!
Iscriviti gratis alla newsletter di Margherita.net. Ricevi i nostri aggiornamenti settimanali direttamente nella tua mailbox

ADVERSUS
Moda uomo, modelle, stile e tendenze capelli uomo. Fai click qui, leggi ADVERSUS
Fai di Margherita.net la tua homepage. Basta fare click qui

Teniamoci in contatto! :-)
Iscriviti gratis alla newsletter di Margherita.net.
Ricevi i nostri aggiornamenti settimanali direttamente nella tua mailbox