OGGI È  
Donne, moda e tendenze capelli . Il sito delle donne online
Margherita nei tuoi preferiti? Click!

Home | Donne e salute | Ginecologia

Sole, pillola e cloasmi

Riceviamo spesso messaggi dalle nostre lettrici che lamentano la comparsa di discromie cutanee, specie in questa stagione in cui l'esposizione al sole è più frequente, e ci chiedono delucidazioni sulle cause di tali inestetismi ( macchie brune ) e sui metodi del loro trattamento. Alcune hanno anche interpellato il loro medico, quando addirittura non hanno già consultato il dermatologo, e ci parlano, con una certa competenza, di iperpigmentazione, di "pillola" e di sostanze fotosensibilizzanti contenute nei profumi.

Abbiamo anche letto, su Margherita.net, una interessante, breve nota su questo argomento di Charlotte Mesman che occupandosi, appunto, di alcuni effetti collaterali degli anticoncezionali, usa giustamente il termine "cloasma".per indicare tale inestetica pigmentazione del volto. Vediamo, quindi, di fare una esposizione ordinata e chiara di tali turbe del metabolismo pigmentario e delle cause che ne sono più spesso all' origine, al fine di rispondere alle richieste che ci vengono rivolte e di informare correttamente le lettrici interessate.

Iniziamo con un breve accenno etimologico e ricordiamo che "cloasma" deriva dal greco e, letteralmente, vuole significare "colore verde o giallastro", anche se in genere il termine viene usato per indicare le alterazioni pigmentarie della cute che si presentano sotto forma di chiazze brunastre, localizzate elettivamente al volto, specie nelle donne gravide o con disturbi della funzione ovarica. I vecchi ginecologi ( e dermatologi ), ovviamente, non conoscevano le "macchie brune" da anticoncezionali, ma, in compenso, conoscevano molto bene il "cloasma periorale delle vergini", detto anche eritrosi pigmentata peribuccale, affezione oggi quasi del tutto scomparsa ( e dimenticata ), non sappiamo se per una variazione epidemiologica o per la minore frequenza di giovani donne con i requisiti predisponenti.

Piuttosto frequente è rimasto invece il cloasma gravidico (o melasma) che insorge appunto nel corso della gravidanza e rappresenta ancora la forma clinica più conosciuta di questo tipo di affezioni discromiche. Si presenta con chiazze più o meno intensamente brunicce che interessano il viso e particolarmente le guance, la fronte ed il labbro superiore, scompare generalmente dopo il parto ( ma può durare ancora due o tre mesi ), anche se talvolta può persistere più a lungo e andare incontro ad una intensificazione nella stagione estiva ( meritando in questo caso la nuova denominazione di "cloasma attinico").

Non va sottaciuta un'altra forma di iperpigmentazione, detta melanosi di Riehl, che si manifesta sulla superficie laterale del volto ( ed anche in corrispondenza del collo ) per l'azione di particolari sostanze fotosensibilizzanti contenute in certi profumi, che di solito vengono applicati appunto in quelle particolari regioni, e molto spesso dietro i padiglioni auricolari, come ben sanno le nostre lettrici. Uno dei principali imputati è l'olio essenziale di bergamotto che viene appunto usato nella preparazione di molti profumi ed è contenuto anche in alcune acque di Colonia, potendo così causare particolari forme di dermatite ( e discromie, come abbiamo detto ) a carico delle regioni cutanee esposte alla luce, dove reagirebbe con alcuni acidi contenuti nel sudore.

Ma mentre le discromie da profumi possono interessare direttamente le donne di qualsiasi età ( e non solo le donne giovani ), il cloasma causato dall'assunzione di contraccettivi orali, come quello gravidico, riguarda naturalmente solo le donne in età fertile e, pertanto, l'argomento meriterebbe di essere trattato in modo esauriente, anche se sintetico, perché sicuramente di grande interesse per la maggior parte delle nostre lettrici. Ne facciamo qui un accenno, ripromettendoci di tornare sull'argomento in uno dei prossimi articoli, che dedicheremo esclusivamente a questo particolare settore.

esideriamo comunque precisare che le manifestazioni discromiche correlate alla "pillola" riguardano soprattutto i prodotti a forte concentrazione di progestinici e, inoltre, che la frequenza esatta con cui compare il cloasma da contraccettivi è ancora discussa, variando dal 10 al 30% dei casi a seconda dei diversi Autori. E' appena il caso di aggiungere che il rischio di pigmentazione al volto nelle donne che assumono estroprogestinici è sicuramente incrementato dall'esposizione solare. Per completezza menzioniamo, tra le cause di cloasma, anche alcuni disturbi utero-annessiali ( metrite, fibroma, salpingite e disfunzioni ovariche ) che ci obbligano a consigliare sempre, per una sicura precisazione diagnostica, un esame ginecologico completo.

Per concludere facciamo un breve accenno alla terapia, che potrà essere eziologica ( sospensione dei contraccettivi orali , terapia antibiotica in caso di metrite o salpingite, chirurgica nell'evenienza di un fibroma, ecc…). Scarsi risultati hanno le terapie sistemiche generali ( vitamine, sedativi…), mentre certe terapie topiche ( idrochinone, acido azelaico, corticosteroidi…), che vengono da Alcuni consigliate, dovrebbero essere usate sempre con molta prudenza e sotto controllo specialistico.

Prof. Giovanni Cristianini
http://www.geragogia.net/


TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

SEGUI MARGHERITA.NET

Teniamoci in contatto!
Iscriviti gratis alla newsletter di Margherita.net. Ricevi i nostri aggiornamenti settimanali direttamente nella tua mailbox

ADVERSUS UOMINI
10 cose che le ragazze notano (eccome) in un uomo
Fai di Margherita.net la tua homepage. Basta fare click qui
Teniamoci in contatto! :-)
Iscriviti gratis alla newsletter di Margherita.net.
Ricevi i nostri aggiornamenti settimanali direttamente nella tua mailbox