Donne, moda e tendenze capelli. Il sito delle donne online
HOME MODA BELLEZZA SALUTE DIMAGRIRE CUCINARE OROSCOPO AMORE UOMINI
 

Home | Donne e salute | La salute delle donne | Il colon irritabile

Il colon irritabile

Intervista al Prof. Dino Vaira. È vero: curare in modo definitivo il colon irritabile è molto difficile ma esistono vari rimedi per alleviare i sintomi e migliorare la qualità di vita di chi ne soffre.

A CURA DI MARGHERITA.NET



In questa intervista al Prof. Dino Vaira, Professore Ordinario all'università di Bologna, Dipartimento di Medicina Interna e Gastroenterologia, parliamo di colon irritabile e dei problemi che questa vera e propria patologia causa a chi ne soffre.

Il colon irritabile. Sappiamo che non esiste una cura per questo disturbo spesso molto fastidioso, ma che è possibile cercare di attenuarne i sintomi. Quali i consigli che può dare alle lettrici di Margherita.net che soffrono della sindrome del "colon irritabile"?

È vero: curare in modo definitivo il colon irritabile è molto difficile ma esistono vari rimedi per alleviare i sintomi e migliorare la qualità di vita di chi ne soffre.

Adottare un corretto stile di vita è fondamentale. Anche in questo caso consiglio di bere almeno 2 litri di acqua al giorno, meglio se naturale e a temperatura ambiente.

Per "rieducare" l'intestino a un corretto funzionamento è meglio bere a piccoli sorsi e lontano dai pasti: bere grandi quantitativi in uno spazio ristretto di tempo fa sì che l'acqua venga escreta dal rene senza idratare l'apparato digerente e l'intero organismo.

E' consigliabile fare pasti piccoli e frazionati nel corso della giornata, ad orari regolari (per esempio colazione, pranzo e cena più uno spuntino a metà mattina e uno a metà pomeriggio). E' dannoso infatti sia saltare il pasto sia mangiare in modo troppo abbondante, specie la sera.

Consiglio di evitare i fritti, gli intingoli, i dolci e in genere tutti le pietanze che prevedono una preparazione troppo elaborata.

Via libera a carne bianca e pesce al vapore o alla griglia (evitando di carbonizzare gli alimenti se si è amanti del barbecue). Come condimento preferire l'olio extra-vergine d'oliva ai grassi animali e agli olii vegetali idrogenati e non eccedere con il sale.

Il caffè, la cioccolata, le spezie piccanti e gli alcolici possono contribuire a irritare l'intestino e vanno pertanto consumati con moderazione.

Un alimento che invece consiglio è lo yogurt, naturalmente ricco di fermenti lattici. Frutta e verdura fresche non devono mancare sulla tavola. In caso di gonfiore meglio però evitare verdure a foglia larga, legumi, carciofi, funghi e prodotti integrali.

Anche l'attività fisica, moderata ma costante nel tempo, può aiutare ad attenuare i sintomi.

Se un corretto stile di vita non è sufficiente, specie nei periodi di particolare stress psico-fisico che coincidono generalmente con la riacutizzazione dei disturbi, il medico può prescrivere disinfettanti intestinali, probiotici, lassativi non irritanti e farmaci che contrastano il gonfiore intestinale. Possono inoltre essere prescritti antidolorifici e antispastici da assumere al bisogno.

Ringraziamo il Prof. Dino Vaira, Professore Ordinario all'università di Bologna, Dipartimento di Medicina Interna e Gastroenterologia, Ospedale S. Orsola via Massarenti 9, Bologna

Alessio Cristianini per Margherita.net

Se ti piace Margherita.net abbonati gratis alla nostra newsletter settimanale!


Le news di Margherita.net

Teniamoci in contatto!

Iscriviti gratis alla newsletter di Margherita.net. Ricevi i nostri aggiornamenti settimanali direttamente nella tua mailbox





TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE