OGGI È  
Donne, moda e tendenze capelli . Il sito delle donne online
Margherita nei tuoi preferiti? Click!

Home | Donne e salute | Dermatologia plastica

L'altra protezione solare
Quando si parla di protezione solare, ci si riferisce normalmente alle creme da applicare sul corpo; ci si dimentica però dell'esistenza di altri importanti metodi di protezione quali sono costituiti dai vestiti, dai cappelli, dagli occhiali e dal make up.

Forse pochi sanno che esiste un UPF, equivalente allo SPF delle creme, il quale indica il grado di protezione solare offerto da un tessuto; vale dire di quanto può essere prolungato il tempo di esposizione per avere l'eritema. Uno studio eseguito dalla Comunità Europea ha dimostrato che il 33% dei vestiti ha un UPF insufficiente (<15) e solo la metà presenta un UPF superiore a 30. I fattori che influenzano l'UPF sono costituiti dal tipo di fibra, (il cotone e il lino hanno un UPF inferiore a 15!) dal lavaggio e dalla stiratura (che normalmente fanno aumentare l'UPf), da eventuali trattamenti chimici, dal colore (i vestiti scuri hanno un UPF maggiore) e dal grado di aderenza alla cute (maggiore è l'aderenza minore è la fotoprotezione)

I cappelli costituiscono un altra fonte di protezione. E' stato calcolato che un cappello a larga tesa (>7,5 cm) produce un SPF 7 per il naso, 3 per le guance, 5 per il collo 2 per il mento. Sotto i 7,5 cm i valori scendono in maniera significativa.

Un altro aspetto importante della protezione solare è costituito dagli occhiali, in virtù del fatto, ormai consolidato, che sia le radiazioni UVA che quelle UVB possono provocare dei danni, sia acuti che cronici alle strutture dell'occhio. (in particolar modo la cataratta) A differenza degli occhiali chiari che bloccano le radiazioni solo sotto i 320 nm, gli occhiali scuri proteggono anche dagli UVA. E' stato dimostrato che chi usa gli occhiali da sole tende a proteggere meno la cute del corpo: un esempio-è chiaro- da non seguire !!

Non dimentichiamo poi il fondo tinta; normalmente un fondo tinta ha un SPF che va dai 3 ai 4; tuttavia questa capacità viene persa nel giro di poche ore; pertanto chi affida la fotoprotezione al fondo tinta (speriamo non in molte!!) dovrebbe riapplicarlo ogni 2 ore. Esistono poi dei fondo tinta con SPF superiori, che noi raccomandiamo per la fotoprotezione annuale (i cossidetti "city block).


TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

SEGUI MARGHERITA.NET

Teniamoci in contatto!
Iscriviti gratis alla newsletter di Margherita.net. Ricevi i nostri aggiornamenti settimanali direttamente nella tua mailbox

ADVERSUS UOMINI
10 cose che le ragazze notano (eccome) in un uomo
Fai di Margherita.net la tua homepage. Basta fare click qui
Teniamoci in contatto! :-)
Iscriviti gratis alla newsletter di Margherita.net.
Ricevi i nostri aggiornamenti settimanali direttamente nella tua mailbox