OGGI È  
Donne, moda e tendenze capelli . Il sito delle donne online
Margherita nei tuoi preferiti? Click!

Home | Donne e salute | Dermatologia plastica | Macchie e pigmentazioni della pelle

Macchie e pigmentazioni della pelle

Il trattamento delle macchie è sempre stato una sfida per i medici ,ma è chiaro che il primo passo consiste nel rimuovere tutte le principali cause.

DI MARGHERITA.NET



Le risposte della D.ssa Maria Pia De Padova, Specialista in dermatologia

Con la denominazione di "ipercromie cutanee" si designano tutte quelle macchie scure che compaiono sulla pelle ,il più delle volte nelle aree foto-esposte, alterandone la compattezza e l'omogeneità del colore. Le più comuni macchie che possono comparire sul volto sono le lentigo senili, macchie color bruno rotondeggiante che compaiono dopo i 40 anni d'età e legate ad una foto-esposizione cronica; le lentiggini, le efelidi, il melasma o cloasma.

Le cause delle ipermelanosi possono essere sia di natura genetica che ambientale. I fattori scatenanti più frequenti sono l'esposizione ai raggi ultravioletti (sia solari sia da sorgenti artificiali); l'assunzione di farmaci foto-sensibilizzanti o foto-tossici; l'applicazione di cosmetici, profumi o cerette che generano in soggetti predisposti una iperpigmentazione post-infiammatoria; fattori ormonali, in particolare gli ormoni estrogeni e soprattutto il progesterone o disfunzioni di natura metabolica.

La complessità delle cause delle "macchie" della cute implica la necessità di eseguire una corretta diagnosi in quanto solo determinando la causa specifica, si può intraprendere la cura più adeguata ed efficace. Il trattamento delle macchie cutanee è assolutamente legato all'adozione di misure preventive atte ad evitarne la comparsa o la loro accentuazione. La scelta del trattamento verrà valutata in base alla profondità del pigmento della macchia ed alle caratteristiche individuali. E' importante poter differenziare queste situazioni perché nel caso di deposito epidermico è sufficiente effettuare l'asportazione di uno strato superficiale di cute (epidermide) per risolvere il problema estetico, mentre nel caso di deposito più profondo (dermico) l'asportazione deve essere più profonda.

Il trattamento delle macchie è sempre stato una sfida per i medici ,ma è chiaro che il primo passo consiste nel rimuovere tutte le principali cause. Non potrà più essere consentita l'esposizione al sole senza l'impiego di filtri solari ad altissima protezione e dovranno essere applicati tutto l'anno. I trattamenti più utilizzati per schiarire le macchie della pelle sono diversi: terapie topiche con creme a base di sostanze depigmentati, generalmente si usano sostanze come alfa e beta- idrossiacidi, singolarmente o combinati in vario modo con l'obiettivo ,di inibire l'attività dei melanociti ,di ridurre la sintesi della melanina da parte dei melanociti.

Il peeling chimico è sicuramente uno dei principali trattamenti e risulta tanto più efficace quanto più superficiale e recente è la patologia. La luce pulsata, la laser terapia, in particolar modo il laser Q-Switched, oggi molto utilizzati in alcune ipermelanosi epidermiche ,sono tecniche da fare eseguire solo da professionisti esperti per evitare spiacevoli effetti collaterali.

FAI CLICK SUL PROBLEMA CHE TI INTERESSA APPROFONDIRE
Pelle grassa
Couperose
Acne
Le prime rughe
Macchie della pelle

Ringraziamo la D.ssa Maria Pia De Padova, Specialista in dermatologia

Margherita.net


TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

SEGUI MARGHERITA.NET

Teniamoci in contatto!
Iscriviti gratis alla newsletter di Margherita.net. Ricevi i nostri aggiornamenti settimanali direttamente nella tua mailbox

ADVERSUS UOMINI
10 cose che le ragazze notano (eccome) in un uomo
Fai di Margherita.net la tua homepage. Basta fare click qui
Teniamoci in contatto! :-)
Iscriviti gratis alla newsletter di Margherita.net.
Ricevi i nostri aggiornamenti settimanali direttamente nella tua mailbox