OGGI È  
Donne, moda e tendenze capelli . Il sito delle donne online
Margherita nei tuoi preferiti? Click!

Home | Donne e salute | Dermatologia plastica

Che cosa c'è di nuovo nel campo dei peeling? Già in passato ci siamo occupati dei peeling combinati che costituiscono un fatto nuovo ed interessante, legato alla possibilità di associare più sostanze nell'ambito di una sola seduta ottenendo, oltre all'effetto esfoliativo, anche un effetto curativo in seguito alla veicolazione di particolari sostanze.

Oltre ai peeling combinati o multilivello nuovi tipi di peeling si sono affermati in questi ultimi tempi per le loro peculiarità: il peeling piruvico e il peeling retinoico.

Il primo è a nostro avviso quasi un peeling-non peeling in quanto è in grado di determinare degli effetti visibili sulla cute (luminosità del viso, attenuazione delle macchie e delle rughe...) senza provocare quella evidente esfoliazione che per molto tempo è stata considerata una caratteristica intriseca del peeling stesso. In effetti l'acido piruvico è una sostanza in grado di provocare degli effetti a livello cutaneo attraverso un processo di desquamazione quasi invisibile, molto gradito alla paziente. Trattasi sempre di un peeling superficiale o molto superficiale che viene tenuto sul viso, prima della sua neutralizzazione, per un tempo legato alle caratteristiche della cute del soggetto e del suo grado di invecchiamento cutaneo.

Peeling all'acido piruvico ripetuti con costanza ogni 15-20 gg determinano, soprattutto se accompagnati da adeguata terapia domiciliare, un sensibile miglioramento della cute del viso, senza soffrire gli effetti collaterali di altri peeling (vedi il glicolico, il tca, il salicilico) i quali, anche quando sono superficiali si accompagnano ad una esfoliazione, che se da una parte è compatibile con la vita sociale, dall'altra è comunque avvertita come fastidiosa e indesiderata.

Il secondo, il peeling all'acido retinoico è in realtà un maschera che viene applicata sul viso per una ventina di minuti fino a costituire un vello che viene poi asportato.

Anch'esso non determina una desquamazione e una esfoliazione visibile ma risulta in grado di innescare, attraverso ripetute applicazioni in concentrazione nettamente superiore a quello dell'uso domiciliare, dei meccanismi di ringiovanimento estremamente positivi per la cute. Non dimentichiamoci infatti che l'acido retinoico rimane ancora oggi la sostanza principe dell'anti aging proprio perchè non agisce solo il banale meccaniso esfoliativo ma attraverso il legame con i recettori cutanei e tramite complesse reazione biochimiche. L'assottigliamento dello strato corneo, l'aumento dello strato compatto, la sintesi del collageno: quale altra sostanza applicata sulla cute è in grado di provocare questi fenomeni meglio dell'acido retinoico ?

Dunque, i tempi sono maturi per abbandonare i vecchi peeling al glicolico e rivolgersi a peeling più nuovi e sofisticati.


TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

SEGUI MARGHERITA.NET

Teniamoci in contatto!
Iscriviti gratis alla newsletter di Margherita.net. Ricevi i nostri aggiornamenti settimanali direttamente nella tua mailbox

ADVERSUS UOMINI
10 cose che le ragazze notano (eccome) in un uomo
Fai di Margherita.net la tua homepage. Basta fare click qui
Teniamoci in contatto! :-)
Iscriviti gratis alla newsletter di Margherita.net.
Ricevi i nostri aggiornamenti settimanali direttamente nella tua mailbox