OGGI È  
Donne, moda e tendenze capelli . Il sito delle donne online
Margherita nei tuoi preferiti? Click!

Home | Donne e salute | Dermatologia plastica

Il peeling

Peeling: con questa parola si richiama spesso per le pazienti un concetto di esfoliazione ma altrettanto spesso non è chiaro che cosa esso significhi per la pelle. Il peeling dermatologico è altra cosa dal semplice peeling estetico in cui l'esfoliazione è ridotta al minimo o addirittura dallo scrub meccanico in cui l'aspetto chimico non esiste.

Per peeling si intende un distacco di una parte di cute che può essere solo lo strato di epidermide superficiale, di tutto l'epidermide, o interessare anche una parte del derma. A seconda delle sostanze utilizzate e dello loro concentrazioni si è in grado di eseguire una "esfoliazione" mirata e quindi di agire su un comedone di acne, una macchia, una cicatrice, una ruga, ecc..

E' ovvio che a seconda della profondità del peeling varia il decorso e la durata della esfoliazione; breve nei peeling superficiali, più importante nei peeling medi e profondi fino a richiedere addirittura l'astensione dalla vita sociale.

Le sostanze utilizzate variano dall'ormai conosciutissimo acido glicolico all'acido salicilico e all'acido tricloroacetico (il cossidetto TCA) alla soluzioen di Jessner.

Generalmente il peeling molto superficiale (in cui si rimuove solo lo strato corneo) è quello più semplice e più accetto dalla paziente: peeling ripetuti sono in grado di migliorare la tramatura cutanea e vanno accompagnati dall'uso di sostanze anti age. Possono inoltre essere utilizzati nei giovani con acne comedonica e papulosa.

Più impegnativo è un peeling in cui tutta l'epidermide sfoglia: con esso possiamo eliminare le macchie e stimolare la produzione di nuovo collageno; la pelle impiegherà 5-6 gg per ricostituirsi. La ripetitività di questi peeling, unita all'uso di acido retinoico e glicolico, oltre a migliorare la cute attenuerà anche le rughe più superficiali.

I peeling medi profondi con sostanze chimiche, che richiedono sedazione, sono sempre più sostituiti dal resurfacing con laser.

L'importante è che la paziente sappia correttamente (e sia correttamente informata) di quella che sarà l'evoluzione del suo peeling e che cosa sarà possibile ottenere senza false aspettative. L'esfoliazione non andrà vissuta come un sacrificio ma come "un gioco" benefico da ripetere secondo i propri gusti e necessità.


"La pelle che sfoglia"


TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

SEGUI MARGHERITA.NET

Teniamoci in contatto!
Iscriviti gratis alla newsletter di Margherita.net. Ricevi i nostri aggiornamenti settimanali direttamente nella tua mailbox

ADVERSUS UOMINI
10 cose che le ragazze notano (eccome) in un uomo
Fai di Margherita.net la tua homepage. Basta fare click qui
Teniamoci in contatto! :-)
Iscriviti gratis alla newsletter di Margherita.net.
Ricevi i nostri aggiornamenti settimanali direttamente nella tua mailbox