Donne, moda e tendenze capelli. Il sito delle donne online
HOME MODA BELLEZZA SALUTE DIMAGRIRE CUCINARE OROSCOPO AMORE UOMINI
 

Home | Donne e salute | Dermatologia plastica

Le dermatiti dell'orecchio esterno Il condotto auricolare esterno è spesso sede di dermatiti di varia natura spesso trascurate, soprattutto curate in maniera sintomatica senza la ricerca dell'agente eziologico.

In realta le dermatiti dell'orecchio esterno riconoscono molti fattori. Prima questi è l'atopia, la cosidetta "allergia costituzionale." Un a fissurazione eczematosa presente tra il lobo auricolare e il viso è spesso un segno caratteristico di atopia e induce ad una accurata anamnesi in tal senso.

Ma anche la dermatite seborroica è frequente e consiste in lesioni infiammate e desquamanti non solo nel condotto auricolare ma anche nella conca e talora in sede retroauricolare.spesso sono presenti altri segni sul resto del viso e anche al cuoio capelluto che chiariscono il quadro.La terapia di questa forma di dermatite seborroica non è semplice in quanto molto spesso le lozioni (siano esse a base di cortisonici o di altre principi) sono costituite da sostanze alcooliche che possono irritare il condotto.

Nelle persone di età più avanzata possono soffrire anche di un eczema asteatosico che colpisce il condotto: come per gli arti inferiori l'aumentata secchezza della cute è di per se stessa in grado di provocare infiammazione; in questi casi la terapia migliore è a base di emollienti.

Ma il condotto auricolare è soprattutto sede di dermatiti da contatto irritative e allergiche. Il nichel la fa da padrone non solo per quanto riguarda il lobo auricolare; ma anche la gomma è interessata. In ogni caso, occhiali, telefoni, auricolari possono indurre allergia. Non vano dimenticati inoltre gli oggetti per la pulizia dell'orecchio, i cosmetici, i profumi, i prodotti usati per i capelli e i medicamenti topici.

Talvolta la allergia si presenta come una complicazione di una patologia preesistente, altre volte la dermatite è la conseguenza di un prurito intenso che porta il soggetto ad un grattamento compulsivo configurando perciò un quadro di natura neurodermitica.