OGGI È  
Donne, moda e tendenze capelli . Il sito delle donne online
Margherita nei tuoi preferiti? Click!

Home | Donne e salute | Dermatologia plastica | Il matting

Il matting

Uno dei problemi più difficili nel campo della laserterapia dei capillari degli arti inferiori è costituito dal matting ,vale a dire aree eritematose simili quasi ad angiomi non più costituiti quindi da singoli capillari lineari.

Nella stragrande maggioranza dei casi chi manifesta questo quadro è una paziente sottoposta da un trattamento scleroterapico di normalissime teleangectasie: si tratta in sostanza di aree eritematose dove prima erano presenti semplici capillari.

E' evidente che non si tratta di un problema generato in questo caso da una insufficienza delle perforanti (prima dell'intervento scleroterapico non esisteva) ma semplicemente da un fatto infiammatorio, il quale, oltre alla iperpigmentazione che spesso scompare, lascia come conseguenza una area eritematosa che dal punto di vista dermatologico, per il suo aspetto e superficialità, fa quasi pensare ad un angioma.

Il laser in questi casi garantisce minori risultati per un semplice fatto: non si tratta in questi casi di obliterare un vaso ma di trattare una neoformazione vascolare di causa iatrogena. Quindi l'unico possibilità è quella di ricorrere ad un trattamento laser con grande circospezione e cautela. Nella nostra vecchia esperienza abbiamo risultato migliori con il KTP 532 che con il, neodimio 1064 a dimostrazione che il matting è una formazione superficiale.

Ultimamente è stata proposta per questo tipo di problema l'asssociazione in contemporanea di due laser a lunghezza d'onda diversa un laser in grado di creare metaemoglobina la quale viene poi più facilmente assorbita dalla lunghezza d'onda successiva con migliori risultati rispetto a quelli ottenuti da un singolo laser.

Vedremo nei prossimi mesi quanto questa tecnica può dimostrarsi più valida delle precedenti.

Solo un consiglio vorremmo dare alle nostre lettrici: la formazione del matting post sclerosante (che, a differenza di quanto spesso viene sostenuto, non regredisce spontaneamente) è la dimostrazione che il capillare sottile, e molto sottile non va trattato con la sclerosante.


TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

SEGUI MARGHERITA.NET

Teniamoci in contatto!
Iscriviti gratis alla newsletter di Margherita.net. Ricevi i nostri aggiornamenti settimanali direttamente nella tua mailbox

ADVERSUS UOMINI
10 cose che le ragazze notano (eccome) in un uomo
Fai di Margherita.net la tua homepage. Basta fare click qui
Teniamoci in contatto! :-)
Iscriviti gratis alla newsletter di Margherita.net.
Ricevi i nostri aggiornamenti settimanali direttamente nella tua mailbox