OGGI È  
Donne, moda e tendenze capelli . Il sito delle donne online
Margherita nei tuoi preferiti? Click!

Home | Donne e salute | Dermatologia plastica

La luce pulsata Ancora più dei laser la luce pulsata sta guadagnando popolarità tra il pubblico, soprattutto in relazione al fatto che, almeno in parte, viene presentato come un trattamento eseguibile anche in centri estetici.

Molto obbiettivamente vogliamo qui riaffermare alcuni concetti la cui conoscenza riteniamo indispensabile prima di eseguire questo tipo di trattamento dermoplastico.

La principale differenza tra laser e IPL è che il primo emette ad una determinata lunghezza d'onda mentre la IPL ha bisogno di filtri e manipoli selettivi; la seconda è che la superficie di irraggiamento della luce pulsata è molto più grande di una raggio laser.

Pertanto la IPL si presenta come lo strumento più adeguato per trattare in breve tempo e con successo superfici ampie: una zona estesa da depilare,una eritrosi del viso, ed anche un fotoringiovanimento. Per ciascuno di questi problemi però dovrà essere selezionata una opportuna lunghezza d'onda .

Per trattare piccole superfici quali capillari, macchie cutanee, il laser si presenta sicuramente come lo strumento migliore e più sicuro sia per la possibilità di scegliere lo spot con cui lavorare sia perchè la luce pulsata non è in grado di operare nell'ambito dei nanosecondi. Pertanto bisogna sapere che trattare con IPL una macchia o un tatuaggio significa porsi completamente al di fuori del concetto fondamentale di fototermolisi selettiva,con possibili danni anche da un punto di vista pratico. Allo stesso modo, trattare con IPL i capillari degli arti inferiori è assolutamente sbagliato in quanto la maggior parte delle apparecchiature non possiede la sufficiente profondità di azione per eliminarle, cosa che riesce invece a fare il 1064 neodimio-yag.

Lo stesso fotoringiovanimento, eseguito con metodica IPL, si presenta come il tipico ringiovanimento non ablativo, e quindi con risultati limitati dal punto di vista clinico, alla pari dei laser non ablativi; la IPL inoltre non ha alcun effetto sulla lassità cutanea, sulla quale bisognerà intervenire con altre tecniche dermoplastiche.

Sicuramente il campo che più ha tratto vantaggio dalla IPL è stato quello della depilazione; l'aver consentito che in questo campo fosse utilizzato in centri estetici (soprattutto per la ipetricosi) è secondo noi positivo perchè ne ha permesso la diffusione e la conoscenza; diverso è il caso di problematiche quali le formazioni pigmentate e le teleangectasie che richiedono obbligatoriamente una impostazione dermatologica.

La IPL non è pertanto quella magica apparecchiatura in grado di risolvere tutti i problemi dermoestetici ma un utilissimo strumento che, almeno per grandissima parte, andrà riservato al medico e andrà comunque affiancato per le varie problematiche a strumenti laser.


TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

SEGUI MARGHERITA.NET

Teniamoci in contatto!
Iscriviti gratis alla newsletter di Margherita.net. Ricevi i nostri aggiornamenti settimanali direttamente nella tua mailbox

ADVERSUS UOMINI
10 cose che le ragazze notano (eccome) in un uomo
Fai di Margherita.net la tua homepage. Basta fare click qui
Teniamoci in contatto! :-)
Iscriviti gratis alla newsletter di Margherita.net.
Ricevi i nostri aggiornamenti settimanali direttamente nella tua mailbox