Donne, moda e tendenze capelli. Il sito delle donne online
HOME MODA BELLEZZA SALUTE DIMAGRIRE CUCINARE OROSCOPO AMORE UOMINI
 

Home | Donne e salute | Dermatologia plastica

La luce pulsata

Per molte lettrici non sarà un termine nuovo, quello di luce pulsata, che spesso viene confuso con il laser, perchè costituisce un sistema affine ai laser (anche se diverso dal punto di vista fisico) già molto utilizzato.

A differenza dei laser che differiscono per le diverse lunghezze d'onda i sistemi di luce pulsata evoluti contengono tutte queste lunghezze e permettono di selezionarle tramite un opportuno sistema di filtri.

Le opinioni sulla validità di questa apparecchiatura differiscono alquanto tra gli studiosi e sicuramente l'uso che ne viene fatto, (come spesso succede con i laser), poco selettivo può dare luogo a danni anche di una certa entità.

Ma quali sono le indicazioni effettive della luce pulsata ? E i trattamenti da escludere?

Certamente saranno da escludere i tatuaggi, dal momento che i sistemi a luce pulsata non emettono nell'ordine dei nanosecondi e perciò possono determinare, oltrechè una incompleta asportazione del pigmento, anche delle cicatrici. Una delle indicazioni migliori invece è quella del fotoringiovanimento, soprattutto con lo sviluppo di nuovi sistemi in grado di provocare minori irritazioni rispetto a quelli precedenti; in questo ambito la luce pulsata può costituire anche una alternativa al laser qswitch nel trattamento delle macchie cutanee.

Uno sviluppo molto interessante può essere quello del trattamento dell'eritrosi del viso, in cui la luce pulsata può rappresentare una alternativa più economica al dye laser, mentre per le teleangectasie il sistema principe rimane il laser KTP 532, sicuramente più selettivo e più accettato dalla paziente.

Per quanto riguarda la depilazione la luce pulsata può costituire un sistema valido, ma non certamente paragonabile ai laser di elevata potenza, qualunque sia la loro lunghezza d'onda.

Infine, non bisogna dimenticare che la luce pulsata consente anche di agire nello spettro della lunghezza d'onda 300-380, utile per il trattamento delle ipopigmentazioni, un campo in cui finora il laser non è stato utilizzato. (vedi un nostro recente articolo al riguardo).