OGGI È  
Donne, moda e tendenze capelli . Il sito delle donne online
Margherita nei tuoi preferiti? Click!

Home | Donne e salute | Dermatologia plastica | La laserterapia dei capillari delle gambe

La laserterapia dei capillari delle gambe

La laserterapia dei capillari delle gambe costituisce un argomento molto controverso e su cui - come è dimostrato dalle opinioni che circolano nei forum - le idee non sono affatto chiare.

Ciò dipende dal fatto che questo tipo di strumento ha suscitato un entusiasmo ingiustificato pari quasi alla delusione conseguente per i mancati risultati,unita alla non conoscenza dei meccanismi con cui il laser agisce.

Vorremmo qui ribadire - per fare chiarezza - alcuni concetti fondamentali - secondo noi incontestabili - che devono essere tenuti presente da parte di chi voglia intraprendere questo tipo di tecnica..

1) Il laser non cancella il capillare come una "gomma " ma determina tramite il calore assorbito dall'emoglobina presente nel vaso una endotelite fisica con conseguente denaturazione del vaso stesso. E' evidente che se il vaso è sottile sia esso di colore rosso o blu risponderà meglio perche sarà più facile e breve (1-2 sedute di laser) che avvenga la coagulazione. Per i vasi di maggiore calibro possono essere necessarie anche 3-4 sedute ma se il vaso supera i 2 mm di diametro o se appare congesto la tecnica migliore è sicuramente la sclerosante. In ogni caso il processo di scomparsa del capillare non si può giudicare dopo 15-20 giorni ma almeno 40-50 e le sedute non devono essere troppo ravvicinate.

2) L'indicazione elettiva del laser è proprio quella dei capillari sottili e sottilissimi che non devono essere assolutamente trattati con la sclerosante. Questa in effetti in questo caso provoca solo danni in quanto "rompe " il capillare essendo l'ago più grande del capillare stesso. Spesso le pazienti si lamentano dei danni provocati dalla sclerosante che determina in questo caso delle chiazze eritematose, il cossidetto "matting" che può essere trattato col laser ma con più difficoltà. Ancor a più pericoloso eseuire sclerosanti sui capillari delle caviglie per i rischio di necrosi.

3) Il trattamento laser dei capillari delle gambe deve essere eseguito esclusivamente con laser 1064 neodimio yag in quanto è l'unico laser dotato della profondità di azione necessaria.

4) Il trattamento è doloroso, a quello che riferiscono le pazienti, ed è certamente vero. Tuttavia se viene eseguita una preparazione adeguata con applicazione di crema anestetica, gel di raffreddamento, ventilazione combinata ed eventualmente applicazione di ghiaccio il dolore risulta praticamente inesistente.

5) Il laser non è "una cura" dell'insufficienza venosa quindi le pazienti che presentano dei segni di varicosità o di insufficienza venosa andranno inquadrate da un punto di vista vascolare. C'è da dire tuttavia che la maggioranza delle teleangectasie, soprattutto nei soggetti giovani, è presente sulla faccia anterolaterale della coscia ed è in genere dovuta ad una pannicolopatia (cellulite) senza problemi vascolari correlati.


TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

SEGUI MARGHERITA.NET

Teniamoci in contatto!
Iscriviti gratis alla newsletter di Margherita.net. Ricevi i nostri aggiornamenti settimanali direttamente nella tua mailbox

ADVERSUS UOMINI
10 cose che le ragazze notano (eccome) in un uomo
Fai di Margherita.net la tua homepage. Basta fare click qui
Teniamoci in contatto! :-)
Iscriviti gratis alla newsletter di Margherita.net.
Ricevi i nostri aggiornamenti settimanali direttamente nella tua mailbox