OGGI È  
Donne, moda e tendenze capelli . Il sito delle donne online
Margherita nei tuoi preferiti? Click!

Home | Donne e salute | Dermatologia plastica | Capelli che cadono in primavera

Capelli che cadono in primavera

"Certamente gli alimenti che contengono ferro come i legumi, la carme rossa, gli spinaci, il tacchino e il calamaro possono essere di grande aiuto"

Capelli. Attenzione alle cadute stagionali primaverili. I capelli non subiscono una muta solo in autunno, ma anche in primavera. Cure e trucchi per evitare i danni estivi ai capelli. Ne parliamo con il Prof. Francesco Bruno, Dermatologo a Milano, Responsabile Nazionale Dipartimento Acne e Disordini delle Ghiandole Sebacee ISPLAD (International Society of Plastic-Regenerative and Oncologic Dermatology) Membro del Mediterranean Acne Board, Membro dell'Italian Acne Club dell'Italian Acne Board.

Parliamo di primavera e capelli. E iniziamo a parlare della caduta stagionale primaverile, di cui si non si parla molto. È vero che anche la primavera, oltre all'autunno, è uno dei periodi dell'anno in cui la caduta dei capelli è più intensa? Perché con il cambio di stagione i capelli 'mutano'?

Esattamente il defluvio telogenico, cioè la muta, avviene sia in autunno, sia in primavera. In questo periodo i recettori del capello sono più sensibili allo stimolo degli ormoni androgeni che provocano una caduta temporanea del capello. Questo fenomeno avviene sia negli uomini, sia nelle donne.

Se in questo periodo notiamo più capelli del solito nella spazzola, sul cuscino, sul piatto della doccia, cosa dobbiamo fare? Preoccuparci? Stare tranquille perché si tratta di una cosa naturale?

In questo periodo si possono perdere sino a 400 capelli al giorno, ma negli eventi fisiologici vengono ripristinati nei mesi successivi. I capelli che si vedono nel cuscino, nel pettine o nel lavandino sono quindi solo una piccola parte di quelli che si perdono quotidianamente, di cui non ci accorgiamo quando, ad esempio, stiamo all'aria aperta.

Come capire quando la caduta dei capelli non è più' una cosa naturale?

Quando si vedono dei diradamenti o dei vuoti, in genere, si può parlare di patologia.

A chi rivolgersi? Quale è lo specialista più indicato a cui rivolgersi quando la caduta dei capelli inizia a preoccuparci?

Lo specialista è solo uno: il dermatologo! Bisogna stare molto attenti a termini ingannevoli come il tricologo. Lo specialista dei capelli, abiltato alla cura dei capelli, il tricologo, è solo il dermatologo. Se in farmacia vi propongono la visita tricologica, eseguita da un "esperto" che effettua l'esame del capello, diffidate! E' solo un mezzo per vendervi dei prodotti.

Le malattie dei capelli e del cuoio capelluto devono essere gestite solo dai medici specialisti che in alcuni casi, possono anche lavorare collegialmente. Ad esempio, se il dermatologo ravvisa gli estremi di una disfunzione o alterazione ormonale, potrà, a seconda dei casi, richiedere la consulenza dell'endocrinologo o del ginecologo per l'eventuale richiesta di dosaggi ormonali o, di ecografia ovarica.

Non voglio certamente allarmare le lettrici, ma a volte la caduta dei capelli può essere segno di malattie più o meno importanti di tipo internistico. Questa mi sembra una valida ragione per andare dal medico e non dai rappresentanti di prodotti "tricologici" o, ancor peggio, comprare a caso qualcosa in farmacia pubblicizzati in televisione o su internet.

L'alimentazione o gli integratori possono aiutare, oppure sono ininfluenti sulla caduta dei capelli?

Certamente gli alimenti che contengono ferro come i legumi, la carme rossa, gli spinaci, il tacchino e il calamaro possono essere di grande aiuto. Consigliamo, specie nelle donne, un controllo periodico della sideremia. (il ferro nel sangue).

Quando si associa un'anemia (frequente nelle donne che utilizzano la spirale o hanno mestruazioni molto abbondanti), si deve assumere il ferro per via orale.

Gli integratori a base di Metionina Cistina Ferro, Vitamine PP, E, B6 (Biotina) o B8 sono certamente di grande aiuto.

Nei casi più gravi si possono anche integrare delle iniezioni intramuscolo di lipoproteine.

Bisogna credere ai rimedi naturali?

Alcuni possono essere di grande aiuto come la Serenoa repens. Il Saw palmetto è l'estratto del frutto della Serenoa repens. Trova la sua più comune applicazione in urologia per la cura dell'ipertrofia prostatica. Associata al gingko biloba, agli aminoacidi solforati e alla biotina trova una valida applicazione nella caduta dei capelli.

Esistono dei rimedi validi e delle reali novità per la ricrescita dei capelli?

Oggi la dermatologia ha veramente fatto dei passi da gigante con la scoperta del PRP.

Ci può spiegare in cos'è il PRP e i fattori di crescita di cui si sente tanto parlare?

I FATTORI DI CRESCITA PIASTRINICI-PRP, rappresentano l'ultima frontiera terapeutica contro la calvizie e la caduta dei capelli. La tecnica PRP HT significa "Platelet Rich Plasma Hair Therapy". (Terapia dei capelli con plasma arricchito di piastrine). PRP (Platelet-Rich Plasma- Plasma arricchito di piastrine). Rappresenta la terapia più efficace e moderna per la calvizie maschile e femminile.

In cosa consiste? Come si esegue in pratica?

E' una tecnica nata recentemente negli Stati Uniti per la cura e la ricrescita dei capelli. Vie oggi usato in otropedia nella rigenerazione tissutale.

Si esegue un prelievo di sangue al paziente. Il sangue viene centrifugato e, grazie ad una moderna tecnica, vengono separate le cellule del sangue, ottenendo il PRP. (Plasma arricchito di piastrine). Nel PRP sono presenti i fattori di crescita piastrinici (PDGF) (Platelet Derived Growth Factors) e i trasforming-growth factors (TGF-Beta).

La centrifugazione serve a separare le componenti del sangue. Il sangue non subisce modifiche o alterazioni.

Il siero ottenuto viene iniettato con degli aghi molto sottili nell'aera del cuoio capelluto dove è presente il diradamento o la calvizie. Il trattamento provoca un modico bruciore. E' un trattamento ambulatoriale che dura circa 30-40 minuti.
La metodica non presenta alcun rischio di rigetto o infezioni in quanto il siero è lo stesso del paziente (sangue autologo). Il trattamento va ripetuto 3-4 volte l'anno.

Il gel piastrinico, grazie a questi fattori di crescita, stimola la rigenerazione del bulbo del capello, poiché a livello del bulbo sono presenti cellule staminali che hanno i recettori per i fattori di crescita.

La stimolazione di queste cellule induce una biostimolazione dell'attività metabolica del follicolo, con una conseguente crescita dei capelli, anche in quelle aree di calvizie dove il bulbo sembrava morto o dormiente, inducendo la produzione di nuovi capelli.

L'infiltrazione del cuoio capelluto con PRP, provoca un aumento dei capelli in fase anagen e soprattutto un miglioramento del trofismo dei capelli che diventano più forti e più spessi. Dopo le infiltrazioni si può uscire, andare al lavoro e condurre una normalissima vita di relazione.

Ci stiamo avviando verso la stagione calda, ed assolata. Ci può dare un suo personalissimo elenco di consigli pratici per evitare i danni del sole e del caldo ai capelli? Cosa si sente di consigliare alle lettrici di Margherita.net?

Quattro regole d'oro del dematologo plastico:

1) Lavare i capelli con shampoo leggeri alla cheratina, al ginko biloba e alla biotina;

2) Non stare troppo a lungo coi capelli bagnati con acqua salata (il sale distrugge la corteccia del capello);

3) Evitare la piastra;

4) Usare l'olio di fegato di merluzzo per ammorbidire i capelli. E' il classico "rimedio della nonna", ancora oggi insuperato dai mille balsami esistenti in commercio. Perché abbia efficacia deve essere tenuto in posa per almeno un'ora.
E' compatibile con l'esposizione solare. Ma la nonna non sapeva che l'olio di fegato di merluzzo è particolarmente ricco di vitamina A, D e acidi grassi omega 3. Veri e propri toccasana dei capelli.

E alle lettrici auguro soprattutto una buona estate con capelli morbidi e sani!

Grazie

Ringraziamo il Prof. Francesco Bruno, Dermatologo a Milano, Responsabile Nazionale Dipartimento Acne e Disordini delle Ghiandole Sebacee ISPLAD. Membro del Mediterranean Acne Board
www.francescobrunodermatologo.it

A.C. per Margherita.net


TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

SEGUI MARGHERITA.NET

Teniamoci in contatto!
Iscriviti gratis alla newsletter di Margherita.net. Ricevi i nostri aggiornamenti settimanali direttamente nella tua mailbox

ADVERSUS UOMINI
10 cose che le ragazze notano (eccome) in un uomo
Fai di Margherita.net la tua homepage. Basta fare click qui
Teniamoci in contatto! :-)
Iscriviti gratis alla newsletter di Margherita.net.
Ricevi i nostri aggiornamenti settimanali direttamente nella tua mailbox