OGGI È  
Donne, moda e tendenze capelli . Il sito delle donne online
Margherita nei tuoi preferiti? Click!

Home | Donne e salute | Dermatologia plastica

Prendere il sole fa bene o fa male? Il divieto o quantomeno la cautela nell'esposizione solare sono ormai da molto tempo un dato ricorrente della impostazione che il dermatologo plastico ha dato nel suo rapporto con il paziente; sia dal punto di vista estetico (couperose, macchie, rughe) sia dal punto di vista medico (insorgenza di neoplasie cutanee)

Ci ha fatto molto piacere, proprio perchè convinti che solo la contrapposizione delle idee può consentirci di avvicinarci alla verità, l'inno alla esposizione solare che è stato fatto dai medici antiaging nelle loro sessioni dedicate alla parte internistica dell'invecchiamento svoltasi al recente congresso internazionale di Medicina Estetica.

Il ruolo dell'esposizione solare nel mantenimento della salute scheletrica è stato messo in rilievo in quanto la quota di vitamina D contenuta negli alimenti di una dieta mediterranea difficilmente riesce a rifornirci della quantità di cui abbiamo veramente bisogno; d'altronde è stato anche evidenziato come nel periodo che va da ottobre a marzo non vi è in Italia abbastanza radiazione ultravioletta di tipo B per poter generare nella cute una adeguata quantità di vitamina D; non solo ma col procedere dell'età la capacità di produrre tale vitamina si riduce sensibilmente... Di qui la necessità di eseguire una supplementazione di vitamina D soprattutto nel periodo autunno-inverno. E quella di eseguire proprio in questo periodo una esposizione solare per tempi limitati..

D'altronde è anche stato dimostrato che l'alto livello della protezione solare diminuisce la sintesi di vitamina D indotta dalle radiazioni ultraviolette; se a questo si aggiunge il benefico impatto sulla psiche indotto dall'esposizione al sole, forse si potrebbe arrivare alla conclusione che una eccessiva severità da parte del Dermatologo potrebbe essere controindicata...

In realtà la prescrizione del dermatologo di limitare le radiazioni ultraviolette sulla cute va vista in funzione delle esigenze e delle realtà di ogni singolo paziente e non va mai assolutizzata; si tratta di trovare un equilibrio - in sostanza - tra la protezione della cute e le esigenze di tutto l'organismo; equlibrio che si può solo realizzare calibrando i modi e i tempi di tale esposizione.


TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

SEGUI MARGHERITA.NET

Teniamoci in contatto!
Iscriviti gratis alla newsletter di Margherita.net. Ricevi i nostri aggiornamenti settimanali direttamente nella tua mailbox

ADVERSUS UOMINI
10 cose che le ragazze notano (eccome) in un uomo
Fai di Margherita.net la tua homepage. Basta fare click qui
Teniamoci in contatto! :-)
Iscriviti gratis alla newsletter di Margherita.net.
Ricevi i nostri aggiornamenti settimanali direttamente nella tua mailbox