OGGI È  
Donne, moda e tendenze capelli . Il sito delle donne online

Home | Donne e salute | Dermatologia plastica

Laser, melasma e altro ancora...

Il laser può costituire una soluzione per il melasma? Molte pazienti, di fronte alla fastidiosa e insopportabile ricorrenza di questa patologia, si rivolgono ad esso, sperando in risultati brillanti e soprattutto definitivi.

Ancora una volta, è opportuno sgomberare il campo dalle illusioni poggiate su basi non razionali e ricordare bene l'origine di questa situazione frequente nel sesso femminile, origine che è fondamentalmente sconosciuta nei suoi meccanismi più intimi ma che comunque è legata alla stimolazione di fattori ormonali (anche in donne che non assumono anticoncezionali) e inesorabilmente aggravata dalla esposizione alle radiazioni ultraviolette.. (e, secondo gli studi più recenti, anche da stimolazioni termiche).

Nei soggetti con melasma la pigmentazione spesso ha origine non solo epidermica ma anche dermica (la cosa può essere valutata mediante apposite apparecchiature) e questo complica ulteriormente il problema. Infatti i trattamenti ablativi (eseguiti con laser o peeling medio profondi) producono spesso in soggetti con fototipo III-IV , dei peggioramenti legati ad una stimolazione dei melanosomi , responsabili del pigmento cutaneo. Anche il laser q-swtch, il laser principe nel trattamento delle iperpigmentazioni,spesso produce nel melasma una iperpigmentazione "paradossa" che rende il melasma ancora più visibile.

Di fronte ad un problema che ha basi internistiche e che è molto sensibile ai fattori ambientali, il trattamento rimane farmacologico, legato cioè all'uso di sostanze schiarenti usate non solo e non tanto sul melasma gia formato ma a scopo preventivo nel periodo estivo quando le "macchie" non sono apprezzabili.

Molto utili possono essere anche i peeling soprattutto quelli più moderni, i cossidetti peeling combinati costituiti dall'abbinamento di semplici esfolianti con sostanze attive sulla pigmentazione. Anche le maschere a base di acido retinoico possono risultare validi strumenti, in quanto questa sostanza non solo agisce come esfoliante ma anche a livello attivo sulla pigmentazione.

Ma soprattutto ancora una volta va ribadita la fondamentale e assoluta importanza della protezione solare, senza la quale ogni approccio terapeutico è praticamente vano. La recente introduzione di schermi solari contenenti autoabbronzanti può contribuire a ridurre il problema di quelle pazienti che non vogliono il melasma ma vogliono comunque apparire abbronzate.


una paziente con melasma labiale dopo trattamento.


TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Teniamoci in contatto!
Iscriviti gratis alla newsletter di Margherita.net. Ricevi i nostri aggiornamenti settimanali direttamente nella tua mailbox

ADVERSUS
Moda uomo, modelle, stile e tendenze capelli uomo. Fai click qui, leggi ADVERSUS
Fai di Margherita.net la tua homepage. Basta fare click qui

Teniamoci in contatto! :-)
Iscriviti gratis alla newsletter di Margherita.net.
Ricevi i nostri aggiornamenti settimanali direttamente nella tua mailbox