OGGI È  
Donne, moda e tendenze capelli . Il sito delle donne online

Home | Donne e salute | Dermatologia plastica

La stagione del trattamento dei capillari E' nuovamente stagione di riparlare di trattamenti dei capillari degli arti inferiori, anche in considerazione del fatto che è bene cominciarli nel periodo autunno-inverno piuttosto che in quello primaverile, quando si è ormai alle soglie dell'estate.

Il problema fondamentale che angustia molte pazienti e che le trattiene dall'eseguire i trattamenti medici è quello della "ricorrenza" dei capillari stessi. Spesso queste pazienti sono illusoriamente alla ricerca di metodiche "miracolose" che siano in grado di eliminare i capillari "per sempre". Anche il laser, dimostratosi inefficace allo scopo comincia suscitare perplessità in molte di loro.

In realtà quello che ancora non è chiaro a molte pazienti che prima di eseguire un trattamento con finalità estetica agli "odiati" capillari è bene sottoporsi ad una valutazione il più possibile obbiettiva da parte del dermatologo plastico.

In un soggetto giovane, senza familiarità per problemi vascolari, la presenza di qualche capillare isolato, soprattutto se sottile costituirà una sicura indicazione al trattamento laser con ottime possibilità di successo, anche in termini di durata nel tempo. Diversa la situazione di chi associa ai singoli capillari vasi più grandi spesso di colore blu, magari maggiormente visibili quando il soggetto è in piedi. E' questa la nota immagine dell'albero, quella in cui il capillare altro non è che un ramo (o un ramuscolo) di una struttura più complessa.

Trattare i ramoscelli senza interessarsi dell'albero è la causa fondamentale della recidiva del capillare e quindi dell'insuccesso che allontana la paziente dall'eseguire intereventi di carattere medico, sclerosanti o laser che siano.

In questi casi il trattamento deve sempre procedere "dal grande al piccolo" e se la situazione lo richiede deve essere preceduto da un accurato esame ecocolordoppler in grado di evidenziare la struttura emodinamica nel suo complesso.

Pertanto non sono il laser o la sclerosante a risolvere in maniera taumaturgica il problema dei capillari degli arti inferiori ma l'attenta valutazione della situazione del circolo, tenendo comunque presente che in un soggetto predisposto la risoluzione del problema immediato può essere sempre temporanea e mai definitiva.


Immagine dell'"albero" vascolare


TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Teniamoci in contatto!
Iscriviti gratis alla newsletter di Margherita.net. Ricevi i nostri aggiornamenti settimanali direttamente nella tua mailbox

ADVERSUS
Moda uomo, modelle, stile e tendenze capelli uomo. Fai click qui, leggi ADVERSUS
Fai di Margherita.net la tua homepage. Basta fare click qui

Teniamoci in contatto! :-)
Iscriviti gratis alla newsletter di Margherita.net.
Ricevi i nostri aggiornamenti settimanali direttamente nella tua mailbox