OGGI È  
Donne, moda e tendenze capelli . Il sito delle donne online
Margherita nei tuoi preferiti? Click!

Home | Donne e salute | Dermatologia plastica | I capillari delle gambe

I capillari delle gambe

"I capillari delle gambe sono un problema estetico o hanno significato medico?" Una domanda del genere è stata posta, polemicamente, da un collega vascolare ad un recente congresso con lo scopo di rispondere retoricamente che tutti i capillari sono espressione in qualche modo di una malattia vascolare e quindi richiedono un approfondimento diagnostico in tal senso.

E' evidente che la questione deve essere affrontata in maniera obbiettiva senza alcun interesse di parte.

II dermatologo che si occupa di laserterapia di capillari degli arti inferiori deve essere il primo a ricorrere agli approfondimenti vascolari qualora sospetti che la comparsa delle teleangectasie siano legate ad un problema emodinamico. Ci riferiamo in modo particolari a quelle presenti in sede poplitea e sulla faccia anteriore delle gambe.

E' vero pero anche che molti capillari soprattuttti sulla faccia anterolaterale delle cosce appaiono francamente isolati e non connessi a vene reticolari più importanti. E' noto ormai che tali capillari sono legati ad una panniculopatia concomitante (la cossidetta cellulite) con un a microstasi venosa e senza presenza di vene perforanti insufficienti. In tutti questi casi la laserterapia costituisce la metodica più indicata e non necessita di inquadramento vascolare ma piuttosto quello di associare al trattamento laser un trattamento anti edema quali l'endermologie e la radiiofrequenza (meglio se questi trattamenti sono abbinati in un unica apparecchiatura).

Anzi quando i capillari sono molto sottili è noto che essi devono essere trattati esclusivamente con il laser in quanto la terapia sclerosante, in seguito alla pressione di un ago troppo grande non provoca la chiusura del vaso ma solo la sua rottura e la formazione di una macchia eritematosa (matting).

Per fortuna molti quadri, soprattutto nei soggetti più giovani, ricalcano lo schema che abbiamo descritto e quindi a nostro avviso non richiedono approfondimenti diagnostici, come dimostra la nostra esperienza pluriennale in cui questi capillari vengono trattati con successo senza alcuna recidiva nell'arco del tempo.

Ovviamente è sempre molto importante valutare attentamente la paziente per individuare se la teleangectasia comparsa ha solo una valenza "estetica" oppure è spia di un problema più importante.


TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

SEGUI MARGHERITA.NET

Teniamoci in contatto!
Iscriviti gratis alla newsletter di Margherita.net. Ricevi i nostri aggiornamenti settimanali direttamente nella tua mailbox

ADVERSUS UOMINI
10 cose che le ragazze notano (eccome) in un uomo
Fai di Margherita.net la tua homepage. Basta fare click qui
Teniamoci in contatto! :-)
Iscriviti gratis alla newsletter di Margherita.net.
Ricevi i nostri aggiornamenti settimanali direttamente nella tua mailbox