OGGI È  
Donne, moda e tendenze capelli . Il sito delle donne online
Margherita nei tuoi preferiti? Click!

Home | Donne e salute | Chirurgia estetica | La Mastoplastica

La Mastoplastica
Intervista al Dott. Giovanni Ferrando Specialista in Chirurgia estetica e plastica ricostruttiva

Quando si parla di interventi di chirurgia plastica al seno (mastoplastica) si pensa immediatamente all'intervento di mastoplastica additiva, cioè l'intervento che permette di avere un seno più grosso e tonico. Esiste però anche l'opposto, l'intervento di riduzione del seno. Iniziamo proprio da questo tipo di intervento, detto di "mastoplastica riduttiva", la nostra intervista al Dott. Ferrando, chirurgo plastico a Genova.

In proporzione, quanti sono gli interventi di mastoplastica additiva rispetto a quelli di mastoplastica riduttiva? La proporzione si attesta su 10 a 1. Vi è infatti una predominanza delle richieste per aumentare il volume mammario.

Quali sono i motivi principali per cui una ragazza decide di sottoporsi a questo tipo di intervento? Non sempre sono solo motivi estetici. La mastoplastica riduttiva è l'intervento chirurgico che si prefigge lo scopo di rimodellare mammelle eccessivamente grandi, diminuendone il volume e creando una nuova forma al cono mammario. Molto spesso le pazienti che richiedono questo intervento riportano sintomatologie svariate che vanno dal fastidio al dolore che interessa le mammelle stesse, le spalle, il collo, la colonna vertebrale nella sua porzione cervicale, le zone dove il reggiseno crea un solco sulle spalle ("Guardi dottore, come mi sega la spalla").
Inoltre le pazienti con mammelle eccessivamente grandi si lamentano del fastidio provocato dal volume durante l'attività sportiva (saltare e correre), della difficoltà di trovare indumenti adatti, e molte di loro riferiscono per tutto ciò grande imbarazzo.

Quali sono i rischi potenziali legati all'intervento di mastoplastica riduttiva? I rischi sono quelli di una eccessiva evidenza delle cicatrici; per tale motivo si escludono da questo tipo di intervento le pazienti che sono soggette ad una cattiva cicatrizzazione e formazione dei cosiddetti cheloidi (cicatrici ipertrofiche persistenti).

Quale è il decorso di questo tipo di operazione? L'intervento di mastoplastica riduttiva non è gravato generalmente da dolore, per cui le condizioni della paziente sono buone ed il recupero è molto veloce. In prima giornata, ovvero il giorno successivo all'operazione, vengono rimossi i drenaggi e la paziente viene dimessa. La paziente non dovrà bagnare il seno per circa un mese, in modo da favorire un'ottima cicatrizzazione, e dovrà indossare un reggiseno contenitivo.

Quali i costi? Il costo della mastoplastica riduttiva è compreso tra 8000 e 10000 Euro, che includono la clinica (con una notte di degenza) e l'equipe operatoria.
Si tratta di un'operazione molto lunga che impegna la sala operatoria ed il suo personale per molte ore; inoltre, tra il numeroso materiale consumato, vengono utilizzati fili di sutura molto sottili di ottima qualità (fondamentali per una cicatrice chirurgica sottile e lineare), e per questo costosi.

Parliamo adesso dell'intervento più tradizionale, almeno di quello più noto, la mastoplastica additiva. E rimaniamo sull'argomento "economico". Quanto costa, in media, "aumentare il seno"? Il costo della mastoplastica additiva dipende essenzialmente dal tipo di protesi utilizzata. Per le mie operazioni uso di solito le protesi anatomiche, "a goccia", che attualmente sono le migliori in quanto offrono un profilo mammario più naturale. Generalmente il prezzo per questa operazione è di 7000-8000 Euro, comprensivi di clinica e protesi mammarie.

Si tratta di un intervento che periodicamente solleva polemiche per quanto riguarda i materiali usati per le protesi e la loro (supposta) pericolosità. Quali sono i materiali usati attualmente e quali i potenziali rischi che presentano, se ce ne sono? Non vi è pericolosità per le protesi. La tecnologia applicata alla fabbricazione delle protesi mammarie oggi ci offre impianti a gel coesivo, caratteristica fisica che impedisce al silicone di trasudare fuori dalle protesi. Le protesi mammarie possono interferire con la mammografia, e nelle donne oltre i quaranta anni (in cui è consigliato comunque questo tipo di indagine radiologica, indipendentemente dalla presenza di protesi, per la sola diagnosi precoce di tumore) è indicata la risonanza magnetica.

Quale è il decorso dell'operazione, e quanto tempo deve passare dall'intervento perché una ragazza, o una donna, possa tornare ad avere una vita completamente normale? La paziente rimane ricoverata per una notte in clinica e viene generalmente dimessa il giorno successivo all'operazione senza i drenaggi; riprenderà una vita pressoché normale dopo 15 giorni dall'intervento.

A quale età, in base alla sua esperienza, è più frequente che le pazienti si rivolgano al chirurgo plastico per questo genere di intervento? La fascia di età delle pazienti che richiedono la mastoplastica additiva è 20-35 anni.

Esistono altri tipi di interventi che riguardano l'area del seno? Ci sono interventi mirati a rendere più bello il seno che non richiedono l'inserimento di protesi? Vi è un terzo tipo di mastoplastica, detta sospensiva, o mastopessi, il cui scopo è solo quello di sospendere, di sollevare la mammella che conserva il proprio volume originario: infatti, in questo tipo ti operazione, non si aumenta né si riduce il tessuto mammario.

Negli Stati Uniti sembra sia di moda "regalare" un intervento come questo, a mogli o figlie, per un compleanno o una festa. Le risulta che anche in Italia stia succedendo qualcosa di simile? Sì, anche in Italia sta iniziando ad accadere la stessa cosa. Vi è una tendenza a regalare un seno nuovo per "celebrare" un particolare momento importante della vita di una ragazza o di una donna.

Margherita.net

Si ringrazia il Dott. Giovanni Ferrando
Specialista in Chirurgia estetica e plastica ricostruttiva
villamaris@email.it
www.villamaris.it


TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

SEGUI MARGHERITA.NET

Teniamoci in contatto!
Iscriviti gratis alla newsletter di Margherita.net. Ricevi i nostri aggiornamenti settimanali direttamente nella tua mailbox

ADVERSUS UOMINI
10 cose che le ragazze notano (eccome) in un uomo
Fai di Margherita.net la tua homepage. Basta fare click qui
Teniamoci in contatto! :-)
Iscriviti gratis alla newsletter di Margherita.net.
Ricevi i nostri aggiornamenti settimanali direttamente nella tua mailbox