Le piccole (e grandi) pazzie della shopper compulsiva

Le piccole (e grandi) pazzie della shopper compulsiva
Le piccole (e grandi) pazzie della shopper compulsiva

Stiamo parlando delle ‘professioniste’ dello shopping. Non delle ragazze che si divertono a provare un po’di tutto senza comprare niente o quasi, ad entrare e uscire dai negozi del centro, a pianificare con le amiche un tranquillo pomeriggio a spasso tra boutique e grandi magazzini, per prendere idee dalle prime e poi fare acquisti negli ultimi. No, questo vuol dire fare shopping in maniera normale.

Noi stiamo parlando di quelle ragazze che sono in grado di fare cose impensabili, di perdere letteralmente la testa, di fare danni seri al conto corrente nel giro di pochi minuti se lasciate libere nel negozio sbagliato… stiamo parlando di quelle ragazze che rispondono a dei bisogni irrefrenabili di comprare, possedere, avere… fashion victims nel senso letterale, ma non solo.

Siamo certe che anche voi avrete le vostre esperienze personali a riguardo, perché tutte abbiamo un’amica che corrisponde almeno in parte al profilo della shopper compulsiva. E magari lo siamo anche noi, almeno qualche volta.

Questo non vuole essere un articolo sulla shopper compulsiva come se ne sono visti a centinaia (anche sulle nostre pagine). Non vogliamo capire quali siano i motivi che spingono una ragazza a trasformarsi in una specie di Mr. Hyde appena varcata la soglia di un negozio. Vogliamo piuttosto elencare situazioni e comportamenti – realmente accaduti – che costellano la vita della shopper compulsiva. Cosa assurde fatte durante lo shopping. Non necessariamente umoristiche, anzi. Situazioni viste e verificate dalle sottoscritte a cui aggiungeremo volentieri anche le vostre testimonianze, se vorrete inviarcele, scrivendo all’indirizzo xxx

Noi iniziamo con le storie che abbiamo raccolto in giro

  • Ho comprato un maglione solo perché la ragazza che lo ha provato prima di me aveva un profumo che mi ha ricordato il profumo che portavo in un momento felice della mia vita. Non ho resistito, appena lo ha posato lo ho preso e portato d’istinto alla cassa. Non lo ho mai indossato perché non mi piaceva il modello…
  • Ho esaurito il credito mensile della mia carta di credito nel giro di un pomeriggio. Non potevo fermarmi, mi rendevo conto di spendere più di quanto potessi permettermi, ma questa idea rendeva ancora più eccitante lo shopping. Da quella volta, per proteggermi da me stessa, non vado più a fare shopping con la carta di credito…
  • Se vedo che un’altra ragazza sta adocchiando l’ultimo capo in assortimento devo a tutti i costi averlo io. Il piacere che mi provoca il fatto di averle negato il gusto dell’acquisto è più forte di me…
  • Le svendite sono la mia rovina. Compro solo perchè penso di fare un affare e riempio il guardaroba di abiti che non indosso mai. Lo so, cerco di ripetermelo, ma poi ogni volta è la stessa storia. Quando vedo un capo scontatissimo lo devo avere a tutti i costi.
  • Inizio sempre lo shopping in un determinato negozio solo ed esclusivamente perchè devo avere la loro borsa, con il loro marchio, da sfoggiare durante il resto del pomeriggio di shopping.
  • Se entro in un negozio e la venditrice non mi tratta come vorrei, inizio a provare di tutto, senza comprare niente, per il gusto di farle rimettere tutto in ordine quando sono uscita dal negozio.
  • Se la mia migliore amica riesce ad indossare (e compra) un capo che a me va stretto o casca male devo assolutamente ripagarla con la stessa moneta. Passo il resto della giornata di shopping a cercare di ribaltare la situazione. Non molto sportivo, lo ammetto…
  • Se sono ingrassata non voglio saperne di acquistare in base alla mia taglia attuale. Compro in base alla mia taglia ‘mentale’ senza nemmeno provare i vestiti (che poi non porto comunque).
  • Se vedo in un boutique una ragazza molto bella o una ragazza che è vestita particolarmente bene, osservo attentamente quali capi prende in mano. Appena si allontana, mi affretto vero i capi in questione per vedere se mi possono interessare. Meglio ancora se lei li compra, così capisco cosa le piace veramente. Mi capita spesso di copiare gli acquisti di un’altra…
  • È più forte di me. Se vedo un capo che mi piace, devo provarlo sempre in tre misure diverse: la mia misura, una più grande e una più piccola. Soltanto dopo averle provate tutte e tre riesco a decidere la taglia. Peggio ancora se il capo è disponibile in diversi colori. Devo provarli tutti quanti…

E adesso tocca a voi. Scriveteci. le storie più interessanti verranno pubblicate su questa pagina.

========

Ho la passione ( o mania?) delle scarpe, ed quando ero all’univeristà non avevo proprio molti soldi da dedicare al mio vizio preferito.
Perciò negli spacci di fabbrica dove si trovano i campionari a prezzi scontatissimi.
Morale: non sapendo resistere all’affare della scarpa griffatissima a prezzi da mercato, compravo i campionari 37 e mezzo, ed io ho il 39!
Il bello è che poi quelle scarpe le portavo anche! Cosa mi ha fatto smettere? I problemi posturali, il mal di schiena perenne e il fatto che mi stavo letteralmente massacrando le estremità mi hanno convinta a desistere . E le mie preziose scarpe che fine hanno fatto? Alcune le ho regalate a delle amiche col piedino ( beate loro!) qualche paio le conservo ma le indosso solo per le cene dove si sta sempre seduti!
Baci a tutte

========

Anch’io sono affetta da shopping compulsivo.Lo utilizzo per placare il senso di vuoto e tristezza che provo ormai quasi ogni momento,E’ AUMENTATO DA QUANDO MIA MADRE è AMMALATA DI TUMORE E IL MIO RAGAZZO MI HA ABBANDONATA.Non ho voglia di andare a lavoro o pensare a mia madre malata,allora mi dico”tranquilla,tanto ti comprerai qualcosa di bello e soddisferai la tua voglia di cose belle”,come se fossi cosi’ felice d’aver bisogno solo di cose futili.Invece ho bisogno di un uomo che si occupi di me,mi faccia sentire amata,di mia madre guarita.Vorrei trovare pace. ========

Sono alla continua ricerca di capi super esclusivi da tutto il mondo, particolari, eccentrici e costosissimi.. pezzi più unici che rari! Il guaio è che sono talmente particolari che dopo averli indossati una o due volte, non ho più il coraggio di rimetterli…

========

beh io direi che tutte queste ragazze che hanno scritto sopra hanno qualche problemino..sono tutte ragazze che hanno problemi ad accettare se stesse e che sono in continua competizione con gli altri, adritittura con le amiche..da non credere..penso che dovreste acquistare un po’ di sicurezza in voi stesse..ah anche se uso la parola acquistare non vuol dire che la potete comprare con la carta di credito haha..a parte gli scherzi provate ad apprezzarvi per quello che siete e non per quello che indossate..comprate ciò che vi piace e non ciò che va di moda o che comprano gli altri..siate voi stesse e non cercate di essere qualcun’altro..é così bello essere diversi l’uno dall’altra..io adoro andare in giro per i negozi e adoro spendere ma lo faccio sempre con testa, acquisto ciò che mi piace e sopratutto mi sta bene..ma non vado a fare shopping per colmare un vuoto dentro me o per alleggerire il peso della tristezza che mi porto dentro..anche perché magari funziona in q!
uell’istante ma poi ritorna..bisognerebbe lavorare di più su noi stesse..perché solo noi possiamo fare in modo di stare meglio!!

========

compro di tutto quando mi sento giù di morale ,so che così nono risolvo niente ma almeno in quel momento mi sento soddisfatta.

 

Se ti è piaciuto questo articolo, non perdiamoci di vista. Aggiungi Margherita.net ai tuoi preferiti. Basta premere contemporaneamente i tasti CTRL e D sulla tua tastiera. Prova! :-)

 
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE