OGGI È  
Donne, moda e tendenze capelli . Il sito delle donne online
Margherita nei tuoi preferiti? Click!

Home | Mamme | Maternità | Piccoli campioni crescono

Piccoli campioni crescono

Le mamme in attesa forse non sanno cosa le attende negli anni a venire, ma verso i sei mesi di vita lo intuiranno per capirlo bene verso i 5 anni del loro bambino: parliamo di sport e delle aspettative che troppi genitori hanno da bambini che sanno a malapena stare in piedi.

Si inizia di solito con i corsi di acquaticità, verso i sei mesi di vita, per proseguire con psicomotricità e arrivare dai 3 anni in su a corsi di nuoto veri e propri, danza, judo e karate, per non parlare del calcio. Tutto questo prima dei 6 anni di vita età in cui, a dire il vero, la coordinazione fisica del bambino non è completa e non si può parlare di attività sportiva vera e propria, quanto di gioco, che fa comunque sempre bene.

I pediatri consigliano il nuoto perché fa bene allo sviluppo corporeo, e dai 6 anni in poi tutti gli altri sport (fai click qui).

L'errore più comune che fanno le neomamme è quello di 'caricare' la settimana dei loro figli di attività sportive, perché temono che se non iniziano subito tutto poi i loro figli non saranno più in grado di diventare dei campioni in una disciplina. Ma i problemi si presentano quando verso gli 8 anni i bambini saranno via via sempre più impegnati nello studio e non potranno spendere tutti i pomeriggi a saltellare da un corso all'altro. Meglio dunque scegliere uno sport o al massimo due prediligendo quelli che coinvolgono lo sviluppo di tutto il corpo.

Alcuni consigli

- i due/tre anni di vita dei bambini come tutti sanno sono particolarmente delicati dal punto di vista 'capricci' e bambini che magari hanno nuotato nei corsi di acquaticità fino al giorno prima, di colpo hanno un rifiuto per l'acqua rendendo l'appuntamento settimanale con la piscina un vero e proprio inferno. Impuntarsi e obbligare un bambino recalcitrante a fare uno sport rischia di rovinare il rapporto tra mamma e figlio. Valutate bene fino a dove conviene insistere;

- Lo sport è un gioco fino ai 6 anni di vita, fatelo capire da subito anche ai vostri bambini;

- Se vostro figlio/a sceglie uno sport perché ci va l'amichetto, non sorprendetevi o arrabbiatevi se poi si stufa o scopre che non gli piace. Per loro tutto è nuovo e forse prima di trovare quello che gli piace ne dovranno scoprire vari;

- Dalla terza elementare in poi il carico di studio diventa più impegnativo, per non parlare delle scuole medie. Valutate attentamente a inizio anno scolastico prima di iscrivere i vostri figli a troppe attività sportive, non c'è niente di peggio che ritrovarsi a fare i compiti alle 9 di sera dopo un pomeriggo dedicato allo sport.

Margherita.net


TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

SEGUI MARGHERITA.NET

Teniamoci in contatto!
Iscriviti gratis alla newsletter di Margherita.net. Ricevi i nostri aggiornamenti settimanali direttamente nella tua mailbox

ADVERSUS UOMINI
10 cose che le ragazze notano (eccome) in un uomo
Fai di Margherita.net la tua homepage. Basta fare click qui
Teniamoci in contatto! :-)
Iscriviti gratis alla newsletter di Margherita.net.
Ricevi i nostri aggiornamenti settimanali direttamente nella tua mailbox