Le foto che ho trovato nel cellulare di mio marito

cellulare300Ieri mia figlia, 21 anni, dopo aver aperto il cellulare di mio marito, ci ha trovato una serie di foto che lui ha mandato in giro a ragazze – immagino – conosciute in chat.

Vi lascio immaginare di che foto si trattava, e non ho nemmeno voluto leggere quello che lui ha scritto come testi di ‘accompagnamento’ perché in quel momento non ho più capito nulla.

Mia figlia è turbata tanto quanto me, ci pare di vivere con un mostro, lei non gli parla, io parlo ma si capisce che qualcosa non va, e lui non capisce cosa è successo.

Mi pare di avere vissuto gli ultimi 23 anni con una persona che non conoscevo, non riesco a guardarlo in faccia. Sto esagerando? Cosa devo fare? Chiedo aiuto a Margherita e alle lettrici di Margherita.

Se ti piace leggere Margherita.net, abbonati gratuitamente alla nostra newsletter settimanale, ogni settimana nella tua mail. Fai click qui per saperne di piu.

10 Comments

  • Cara Amica,

    La situazione che stai vivendo è veramente molto delicata. In gioco ci sono i rapporti più importanti e delicati di una famiglia. Quello tra te e tuo marito, quello tra tua figlia e tuo marito, ma anche quello tra te e tua figlia.

    Cosa fare? Forse parlarne, tu e lui, per cercare di capire le sue motivazioni, senza accusarlo, senza fare drammi anche se la situazione è – come detto – molto ma molto delicata. Forse lasciare fuori vostra figlia, non dire che è stata lei a trovare le foto, potrebbe essere una buona idea.

    Chiediamo alle lettrici di Margherita.net che hanno qualche idea, qualche consiglio, magari hanno vissuto un’esperienza simile, di aiutarci a rispondere meglio a questa lettera.

  • Cara Amica,
    qualche anno fa mi è successo la stessa cosa! ero sconvolta, mi ha preso un tuffo al cuore, pensavo di morire dal dolore!! Ne ho parlato con lui, che ovviamente ha negato tutto, ma io ho visto quelle foto e ho letto i messaggi che lui scriveva e non potevo crederci!!! Abbiamo attraversato una dura crisi, pensavo che il nostro matrimonio si sfaldasse!!! Poi però ho deciso che gli volevo troppo bene e l’ho perdonato…. Ora è una parentesi dolorosa del mio passato, è una cicatrice al cuore che se solo ci ripenso comincia a sanguinare!!! Ma non voglio più soffrire, fa parte del passato, ed io voglio rimanere con lui in futuro, voglio invecchiare al suo fianco! quindi devo pensare positivo e andare avanti con la vita!!! Ne ho parlato con pochissime persone perchè non credo avrebbero capito!! Credo che questa esperienza con lui mi abbia fortificato e lui ha capito quanto forte sono dovuta essere x sperare questo smacco potente al mio orgoglio di donna!!
    Ti faccio un in bocca al lupo!! bisogna credere nell’amore e saper perdonare, questi sono gli unici consigli che ti posso dare, con affetto Desy66

  • Cara Anonymous,
    giusto per capire… il giorno 27 dici che l’hai perdonato e il giorno 28 dici che l’hai beccato di nuovo? E’ uno scherzo?

    A me invece è successo che il mio ormai “ex” fidanzato si sia invaghito di una sua collega carina, più giovane di me di qualche anno. Lui 41 anni, eterno Peter Pan, cui da quasi tre anni io stavo cercando di inculcare un po’ di rigore e attenzione alle responsabilità, mentre di contro lui denunciava da parte mia la mancanza di coccole e cura per lui, nella parte più fisica. Lui che ha perso la mamma da bambino e dunque chiede a me di sopperire quella perdita. E in tutto questo, si è introdotta questa terza presenza – davvero fastidiosa, oserei dire, non per lei in particolare, ma in quanto terza nel vero senso della parola – sua collega da settembre 2015. Frizzante, carina, solare. Non come ero diventata io nei suoi confronti: ombrosa, perennemente incazzata per le sue mancanze, fredda. Intanto si è raffreddato anche lui: da settembre non facevamo più l’amore, siamo stati insieme in vacanza a novembre, speravo in un riavvicinamento, è stato odioso, insopportabile e distante tutti i giorni, finchè l’ho scongiurato di fare l’amore e l’abbiamo fatto. Non risolutivo però. Non foriero di riavvicinamento. Lui ha continuato a riflettere sui suoi sentimenti che scemavano, recitando la parte dell’innamorato con me con messaggini pieni di cuore e del suo solito stucchevole ottimismo. Intanto, una sera esce con lei per lavoro, fino alle 5 stanno fuori, si era consumata la batteria dell’auto – scoprirò dopo perché si erano fermati a parlare in auto brilli, coi fari accesi – e mi suona alla porta perché era pure senza chiavi quel giorno. Non ho più dormito. Il rapporto continua a raffreddarsi. Lui si dice continuamente stanco. Gli dico persino di farsi vedere, gli ordino degli esami da fare. Non era stanchezza fisica, ma stanchezza nella convivenza con me, senso di pesantezza ad avermi di fianco, che gli faceva preferire stare fuori fino alle 5 con un’altra, piuttosto che dormire accanto a me. Non mi ha detto nulla di quest’altra. Finché una mattina che eravamo abbracciati a letto, mi dice che deve riflettere sul nostro rapporto e ha bisogno di giorni in cui stare separati. Sparisce per 8 giorni. Riappare per dirmi che non mi ama più. Prende le sue cose – gliele preparo io – e se ne va. Io intanto ci vedo sempre meno chiaro su quest’altra. E finalmente dopo qualche altra settimana, una notte su whatsapp mi confessa che sì, la nostra storia è finita perché è scemato il suo amore, ma c’è anche un’altra. Diceva che eravamo infelici insieme. Chissà se si è mai chiesto il perché. Senz’altro con quest’altra, sposata e con prole, costruirà qualcosa di stupefacente. Intanto, se penso a come parlava lui di amore, sentimenti, figli, mi viene da chiedermi con chi sono stata tutto questo tempo.
    Un Peter Pan, giusto.

    A posteriori, devo dire che negli ultimi mesi non c’era più dialogo. E neanche a letto ci ritrovavamo più. Lui non riusciva più a farlo, capite in che senso. L’altra sera, mi ha detto che non riusciva a farlo senza amarmi. A me viene in mente altro. Che in realtà aveva già in testa un’altra.

    A pensare male si sbaglia, ma spesso ci si azzecca.

  • Rispondo all’amica, la cui figlia ha trovato delle foto particolari sul cellulare del marito…

    Cara Amica,

    molti uomini – ed evidentemente, tuo marito è tra questi – hanno bisogno di questo genere di cose per sentirsi tali.
    A me è successo svariate volte di beccare il mio uomo che chatta con donne, conosciute in rete, dalle quali riceve foto ose’ e con le quali scambia frasi piccanti. Ma poiché ho avuto modo di appurare che molte di queste sono straniere e vivono all’estero, attribuisco questa “cattiva abitudine” alla sua insicurezza e continuo bisogno di conferme.
    Sarei certamente più contenta se la smettesse perché il gioco potrebbe degenerare e consumarsi il tradimento, laddove le circostanze lo rendessero possibile, ma se si ama veramente bisogna saper andare oltre tutto questo.
    Mi è costato fatica ma Io l’ho fatto. E mi costa fatica ogni giorno, perché – sebbene lui abbia promesso di smettere – io non sono così ingenua e stupida da crederci, ma – ritengo – abbastanza intelligente per capire che, per quanto spiacevole, non è qualcosa che fa contro di me.
    Se anche tu ami tuo marito, prova a perdonarlo. Non prima di averci parlato e provato a comprendere le sue ragioni.
    Quanto a tua figlia, è una donna ormai e puoi parlarle come faresti a un adulto. Ma come madre hai il dovere di salvare tuo marito ai suoi occhi. Non per questo suo padre è un mostro.
    Ti auguro ogni bene e di riuscire ad andare avanti.

  • Ciao Amica,
    ho 23 anni e ho avuto un’esperienza, ahimè,molto simile. Un anno fa ho scoperto messaggi erotici nella posta elettronica di mio padre che si scambiava con una sua vecchissima amica che abita lontano da noi; a questi messaggi sono susseguiti delle foto decisamente “osè” della SIGNORA. Inutile dire che è stato uno shock, un grandissimo e dolorosissimo schiaffo alla realtà e capisci che tuo padre è esattamente un uomo come tutti gli altri caratterizzato dalle sue debolezze. Ho deciso di non dire niente a mia madre e farmi carico di questo dolore da sola. Mio padre non si è mai visto con questa donna e spesso trascorrono ore al telefono, penso che sia un modo per sentirsi ancora DESIDERATO. Non ho mai avuto il coraggio di parlarne con lui ,l’ho perdonato ma da quel giorno non lo vedo più con gli stessi occhi, mi sono allontanata molto da lui. Sarà così anche per tua figlia, ormai per lei il danno è stato fatto e non servirà a niente tenerla fuori dai vostri futuri discorsi. Un abbraccio sincero.

  • io ho avuto due stronzi in vita mia che mi hanno tradita , ho capito adesso che il matrimonio non fa per me e mi amo di piu , non é la fine se invecchi da sola
    perche siete cosi debole
    essere sola e avere tutto il letto per me stessa é meglio
    non mi frega niente del sesso o avere bambini
    dovete essere piu forte e divorziare
    quando un uomo tradisce vuol dire che é cattivo

  • Combatti ad armi pari: invia al numero di tuo marito delle foto tue ( elegantemente sexy ma non volgari) …. Poi aspetta la sua reazione…. Fagli trovare in casa ciò che lui cerca fuori per confermare la propria autostima.
    Ho letto di una donna tradita che grazie ad un investigatore privato ha scoperto tutto sull’amante…. Ha iniziato a vestirsi, truccarsi e pettinarsi come lei ed ha riconquistato il marito. Gran donna coraggiosa!!

  • Ciao…parlo per tua figlia… mentre mia madre era all’estero in vacanza e io avevo solo 16 anni ed ero rimasta con mio padre, l’ho sentito che al telefono diceva frasi maliziose alla sua segretaria… ho pianto per 3 giorni di seguito. Mi ha fatto ribrezzo, un enorme ribrezzo. Poi lui mi chiedeva cosa avevo e io non avevo il coraggio di dirglielo, e gli dicevo solo “tu lo sai” e lui dipserato “ti prego tesoro di dimmi, dimmi che ti ho fatto” era davvero distrutto per me. Ma io non sono riuscita a dirgli nulla. E non ho mai detto nulla a mia madre, perchè temevo di darle un dolore troppo forte, di farli separare.
    In ogni caso, dopo nemmeno un anno e mezzo, si sono comunque separati e sono stata malissimo, quasi impazzivo. Nonostante tutto questo, a un certo punto, dentro di me, quando sono maturata e ho capito quanti sacrifici aveva fatto per me per farmi stare bene quanto mi voleva bene, dentro di me l’ho perdonato per sempre, per tutto quello che ha fatto a mia madre, e a noi figli. Ora ho 42 anni, e solo al pensiero che mio padre ora è fragile, invecchiato e solo, e che prima o poi dovrà volare in cielo, mi sembra di morire per quanto gli voglio bene.
    Mia madre, dopo la separazione spesso mi parlava male di lui, e viceversa, quella era una cosa che mi faceva impazzire, Non parlargli mai male di lui. Digli che suo padre l’adora, che darebbe la vita per lei, che ciò che ha trovato sul telefono non era giusto che toccasse a lei scoprirlo, ma che sei tu in quanto mamma che risolverai, e che lei non deve assolutamente temere nulla e non deve “mettersi in mezzo” e che non ha nulla a che vedere con l’amore enorme che suo padre prova per la sua bambina.
    Ciao, buona fortuna, e coraggio.

  • Mi dispiace dover dire che è inutile fare finta di niente… i nodi vengono al pettine e prima o poi chi ha la natura di tuo marito commetterà qualcosa di più grave e non si potrà più far finta di niente, magari ti pentirai di non averlo mollato prima. Per esperienza… meglio soli che male accompagnati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.