La menopausa. Cosa è la menopausa, come inizia, cosa fare?

 
La menopausa. Cosa è la menopausa, come inizia, cosa fare?
La menopausa. Cosa è la menopausa, come inizia, cosa fare?

La menopausa, una fase molto importante e per molti versi complessa nella vita di una donna. Una fase che oggi può essere affrontata con serenità, anche grazie ai progressi della ricerca medica ed a terapie mirate. Abbiamo chiesto al Prof. Costantino Di Carlo Professore Associato di Ginecologia e Ostetricia presso l’Università Magna Grecia di Catanzaro, di aiutarci a capire meglio la menopausa, come inizia, cosa fare. In questa prima intervista ci soffermeremo sul significato della menopausa, cosa è, cosa succede a livello fisiologico quando inizia la menopausa, quali sono i segnali a cui fare attenzione.

Cosa è la menopausa, spiegata in parole semplici?
Quando una donna nasce ha, nelle sue ovaie, un certo numero di follicoli, che sono piccolissime strutture tondeggianti al cui interno sono collocate le cellule uovo. Ogni mese un certo numero di follicoli viene consumato. Durante l’infanzia questo processo è del tutto silenzioso mentre, con la pubertà conduce alla produzione degli ormoni femminili (estradiolo e progesterone) che sono alla base del processo della mestruazione. Quando i follicoli sono terminati gli ormoni femminili non sono più prodotti e quindi non si verifica più il fenomeno della mestruazione.

L’ultima mestruazione di una donna è chiamata menopausa e, dopo di essa, non si verificheranno più mestruazioni.

Quali sono gli eventi, dal punto di vista fisiologico, che si verificano e si succedono durante questo periodo, e perché così tanti ‘squilibri’ dal punto di vista fisiologico e psicologico? Da cosa dipendono?
La mancata produzione di estradiolo e di progesterone, che è alla base della cessazione delle mestruazioni, causa un “deficit” di ormoni femminili che si ripercuote a 360° sull’organismo femminile. L’estradiolo, in particolare, è fondamentale per il benessere fisico della donna e influenza positivamente l’apparato cardiovascolare, le ossa, le articolazioni, la cute, il sistema nervoso centrale, gli organi di senso, la distribuzione del grasso corporeo e, ovviamente, l’apparato genitourinario. Ciò giustifica l’aumentato rischio di patologie e disfunzioni a carico di questi apparati che compare con la menopausa.

Anche le vampate di calore, un sintomo diffusissimo, sono dovute agli effetti della carenza di estradiolo a livello delle aree del sistema nervoso centrale deputate al controllo della temperatura corporea.

Come ci si accorge che la menopausa è iniziata? Quali i sintomi a cui fare attenzione, e cosa fare quando si pensa che sia davvero iniziata?
Il periodo della transizione menopausale (cioè quello che precede di alcuni anni  e segue di pochi mesi la menopausa) inizia quando compaiono irregolarità del ciclo mestruale (presenza di una differenza di 7 o più giorni nella durata di due cicli consecutivi); a questo punto mancano ancora alcuni anni alla menopausa. In seguito, quando si assiste alla comparsa di periodi di 60 o più giorni senza mestruazione, spesso in associazione alla comparsa di vampate di calore, si può ritenere che entro 1-3 anni si giungerà alla menopausa.  Una previsione più accurata può essere effettuata attraverso il dosaggio nel sangue di alcune sostanze (FSH, AMH e inibina) e grazie allo studio delle ovaie con l’ecografia transvaginale (conta dei follicoli antrali).

Ringraziamo il Prof. Costantino Di Carlo Professore Associato di Ginecologia e Ostetricia presso l’Università Magna Grecia di Catanzaro

Alessio Cristianini per Margherita.net

 
NOVITÀ SU MARGHERITA