La biopsia

Ginecologia
Ginecologia

La biopsia è una procedura minore che consente di asportare un piccolo pezzo di tessuto che viene poi studiato al microscopio. Per trovare la causa del problema verrà esaminata la struttura del tessuto asportato e delle cellule in esso contenute. Per controllare la natura di una massa solida o di un’area sospetta a livello della mammella, della cervice o della vulva, può essere utile una biopsia.

Tecniche
Esistono vari tipi di biopsie:

  • canizzazione – un pezzo di tessuto a forma di cono viene asportato dalla cervice. Questo tipo di biopsia viene impiegato quando è necessario un campione più grande.
  • curretage endocervicale – un campione di tessuto viene asportato dalla parte interna della cervice con un piccolo dispositivo a forma di cucchiaio
  • biopsia escissionale – viene asportata l’intera massa sospetta
    agobiopsia – un piccolo campione di cellule viene prelevato con un ago dalla neoformazione
  • procedura di escissione elettrochirurgica con ansa – LEEP
    per asportare aree patologiche a livello della cervice viene usata una sottile ansa collegata a corrente elettrica
  • biopsia di materiale ottenuto con puntura – un piccolo campione di cervice viene asportato con uno speciale dispositivo.

Il metodo utilizzato dipende dall’area del corpo in cui si trova il tessuto da asportare. Poiché le aree anomale vengono asportate, talvolta una biopsia ha anche un effetto terapeutico.

Aree di biopsia

Mammella
Una biopsia della mammella può essere eseguita quando è presente un nodulo sospetto nella mammella di una donna a rischio di carcinoma mammario: può essere eseguita anche se la mammografia – radiografia della mammella – è normale. Dovrebbe essere eseguita anche in tutti i casi di risultati mammografici anormali.
Dopo che il nodulo mammario viene asportato, le cellule prelevate da esso vengono analizzate al microscopio. IL risultato potrà essere negativo – assenza di carcinoma – o positivo – presenza di carcinoma.
Il medico specialista poi stabilirà quale sarà il trattamento migliore da farsi.

Cervice
quando alla colposcopia si riscontra una anomalia delle cervice, si dovrebbe eseguire una biopsia per diagnosticare il problema. In questa procedura, piccoli pezzi di tessuto cervicale vengono asportati per l’esame istologico. Nella maggior parte dei casi la biopsia viene eseguita ambulatorialmente.

Vulva
la biopsia viene utilizzata anche per diagnosticare alcune malattie della vulva.
I tipi di biopsia più comunemente utilizzati sono la biopsia frazionata e la biopsia escissionale.

Se ti piace Margherita.net abbonati gratis alla nostra newsletter settimanale!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.