Fabio Mancini, top model. Intervista esclusiva e reportage dai backstage della settimana moda uomo

Immaginatevi di essere catapultati da un giorno all’altro nel mondo della moda, partendo direttamente dal top. È il sogno di tanti ed è successo a Fabio Mancini. 


Se ti piace Margherita.net iscriviti alla nostra newsletter per ricevere i nostri aggiornamenti via email. Fai click qui per iscriverti.

Guardate la video intervista qui sotto e leggete l’articolo.

Immaginatevi di essere catapultati da un giorno all’altro nel mondo della moda, partendo direttamente dal top. È il sogno di tanti ed è successo a Fabio Mancini, l’unico top model italiano conosciuto a livello internazionale. Fabio è stato ‘scoutato’, come dicono gli addetti ai lavori, cinque anni fa, per la strada, e subito ha iniziato a lavorare con Giorgio Armani.

fabio-mancini-01
Fabio Mancini per Ermanno Scervino AI 2016 2017, ph. Charlotte Mesman

Da allora Fabio sfila per la maison Armani ed è apparso in numerose campagne pubblicitarie sempre per la maison italiana. Quando, nel 2014, è stata lanciata la linea Emporio Armani underwear Sensual Collection Fabio Mancini ne è stato per due stagioni consecutive il testimonial. Non c’è da meravigliarsi che sia stato inserito – unico italiano – nel ranking dei 25 uomini più sexy del mondo stilato da models.com.

Una questione di fortuna?

Fabio Mancini attribuisce, con molta modestia, il proprio successo ‘alla fortuna‘, ma se guardate bene il viso e il fisico di questo ragazzo italiano (con un pizzico di sangue indiano da parte del nonno materno) direte anche voi che ‘non poteva essere diversamente’. Con una presenza come la sua si è naturalmente destinati alle passerelle e alle copertine.

Certo, non bastano dei tratti giusti e degli addominali sexy. Uno stilista di calibro mondiale come Giorgio Armani vede centinaia, migliaia di modelli, tutti (più o meno) ugualmente belli e in forma. Per essere scelti in mezzo ad una ‘massa’ così, devi distinguerti. E qui entrano in gioco altre caratteristiche come personalità, carattere, simpatia.

La settimana della moda a Milano e poi New York

Durante la settimana della moda a Milano Adversus ha seguito Fabio Mancini dietro le quinte delle sfilate. Nelle ore trascorse insieme e grazie anche all’intervista video che abbiamo girato assieme a Fabio, lo abbiamo conosciuto meglio e non ci è difficile comprendere perché un nome del calibro di Giorgio Armani abbia scelto Fabio tra tanti modelli.

fabio-mancini-02
Fabio Mancini nel backstage di Vivienne Westwood AI 2016 2017, ph. Charlotte Mesman

Fabio è professionale, tranquillo, gentile con tutti e ha una presenza forte. Si fa rispettare e viene rispettato e questo non è da tutti, soprattutto nel mondo della moda.

In preparazione per la Fashion Week Autunno Inverno 2016 2017 Fabio, con già in tasca le sfilate di Emporio e Giorgio Armani, ha partecipato anche a qualche casting mirato. Oltre che per Armani ha infatti sfilato per Dolce & Gabbana, Ermanno Scervino, Dirk Bikkembergs e Vivienne Westwood.

fabio-mancini-03
Fabio Mancini per Ermanno Scervino AI 2016 2017, ph. Mauro Pilotto

Il prossimo passo per Fabio Mancini sarà New York. Con il suo portfolio e la sua forte presenza sui social media, la città della moda americana lo accoglierà a braccia aperte.

Fabio però continua a tenere i piedi ben piantati per terra ‘Sono un ragazzo semplice, una persona normale, e il fatto di essere riuscito a fare qualcosa mi rende orgoglioso. È come un sogno. Ringrazio Il signor Armani e tutte le altre persone che mi hanno sostenuto, che hanno creduto in me e continuano di credere in me.

Underwear campaigns e addominali

Nel frattempo Mancini è stato scelto come nuovo testimonial per Pierre Cardin Underwear Collection 2016. Inoltre è la star – o meglio: the body – in ’40 Years of Armani – N20/40 #A tribute to the Body’, un video realizzato come tributo al 40esimo anniversario del casa di moda Giorgio Armani.

Per rimanere in forma – una domanda che a questo punto sorge spontanea – Fabio Mancini si allena nuotando e ama correre al parco. ‘La palestra non fa per me. Adoro andare a correre e amo nuotare. Ho fatto calcio quando ero bambino e nuoto da una decina di anni. Ma è molto importante anche la giusta alimentazione. Credo che sia fondamentale. E poi credo che ci voglia anche la giusta tranquillità nel fare le cose. Bisogna sentirsi bene e a proprio agio con il proprio corpo.

E che questo sia il caso di Fabio, sarà chiaro a tutti, una volta per tutte.

Fabio Mancini Official instagram: @fabiomanciniofficial

Charlotte Mesman per ADVERSUS

2 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.