OGGI È  
Donne, moda e tendenze capelli . Il sito delle donne online

Home | Donne e lavoro | Donne e lavoro

C'è anche chi si licenzia
Cosa dovete sapere prima di farlo...

In periodi di crisi economica come quello in cui stiamo vivendo è strano parlare di 'come licenziarsi', ma mettetevi nei panni di chi è all'inizio di una vita lavorativa, ha molte speranze, molte aspettative e ambizioni e si trova 'impantanato' in un lavoro che è tutt'altro che soddisfacente.

Non vi sembra che, come in amore, anche nel lavoro si abbia diritto a una seconda chance (e anche terza, quarta...)? magari dopo anni di studi e specializzazioni non vi meritate 'il primo posto che capita', e con un po' di fortuna e di perseveranza riuscirete a trovare il lavoro giusto per voi. alcuni consigli ci permettiamo di darli noi...

  1. partite rispondendo a queste due semplici domande: sono soddisfatto della mia vita lavorativa? posso permettermi di rimanere senza uno stipendio per qualche mese? Se la risposta alla prima domanda è negativa ma anche alla seconda domanda lo è, il nostro consiglio è: non licenziatevi adesso.
  2. se invece siete stati oculati e previdenti e siete entrati nel mondo del lavoro coscienti che il posto fisso è ormai solo oggetto di studio sul passato, allora potete permettervi di prendervi il classico periodo di riflessione.
  3. il passo successivo, prima di presentare le vostre dimissioni, è quello di fare visita a un'agenzia di collocamento (magari temporaneo) per vedere che cosa offre il mercato al vostro profilo. Vi sconsigliamo di testare la salute del mercato del lavoro solo dalla quantità di annunci che leggete sui quotidiani. Se leggete bene la maggior parte di questi è rivolta a personale di altissimo livello e con molta esperienza oppure a figure professionali che lavorano a percentuale (niente stipendio fisso quindi e niente assunzione soprattutto, e di queste ricerche i giornali sono pieni)
  4. se entrate nell'ordine di idee di affidarvi a un'agenzia di lavoro temporaneo l'elasticità mentale non vi deve mancare: un giorno potreste lavorare in una multinazionale come assistente e il giorno dopo vi possono offrire un lavoro di tutt'altro genere, sta a voi capire se siete abbastanza pronti a cambiamenti di questo genere nell'arco di pochissimo tempo (badate che cambiare lavoro spesso significa anche non riuscire a instaurare legami duraturi con colleghi di lavoro)
  5. se pensate quindi di essere pronti a buttarvi nel mondo di lavoro e mettervi in discussione, allora fatelo: ricordate che essere soddisfatti nella vita lavorativa influenza moltissimo la vostra vita privata e quindi se dovete cambiare lavoro, fatelo prima che sia troppo tardi, prima cioè di avere rovinato rapporti sentimentali a causa dei vostri continui malumori causati dall'insoddisfazione professionale.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Teniamoci in contatto!
Iscriviti gratis alla newsletter di Margherita.net. Ricevi i nostri aggiornamenti settimanali direttamente nella tua mailbox

ADVERSUS
Moda uomo, modelle, stile e tendenze capelli uomo. Fai click qui, leggi ADVERSUS
Fai di Margherita.net la tua homepage. Basta fare click qui

Teniamoci in contatto! :-)
Iscriviti gratis alla newsletter di Margherita.net.
Ricevi i nostri aggiornamenti settimanali direttamente nella tua mailbox