OGGI È  
Donne, moda e tendenze capelli . Il sito delle donne online

Home | Dimagrire fitness | Lo stretching per ritrovare la forma?

Lo stretching per ritrovare la forma? Si sente spesso parlare di stretching. E di sente dire di tutto. Serve, non serve, a cosa serve? Un breve articolo in cui cerchiamo di mettere i puntini sulle i per quanto riguarda le cosiddette tecniche di allungamento muscolare.

Intanto iniziamo subito dicendo a cosa non serve lo stretching. Non dimagrirete. Lo diciamo perchè ogni tanto si sente dire una frase del tipo: "Voglio rimettermi in forma, mi iscrivo ad un corso di stretching...". Lo stretching, se praticato correttamente, offre numerosi benefici, ma purtroppo non fa dimagrire. Almeno non se praticato da solo.

Cos'è lo stretching?
Lo dice la parola stessa, che tradotta significa più o meno 'allungamento'. Attraverso le tecniche di stretching è possibile allungare progressivamente i muscoli, permettendo pertanto movimenti precedentemente difficoltosi o addirittura impossibili. Avete presente il tipico "toccatevi le punte dei piedi senza piegare le ginocchia?". In breve lo stretching permette di aumentare la flessibilità, allungare i muscoli, e - per chi pratica altri sport - è un must assoluto per migliorare le performance e prevenire gli infortuni. Viene praticato dagli sportivi prima e dopo l'attività, per preparare i muscoli allo sforzo, ma anche per concludere un allenamento o una competizione. Anche qui un esempio: avete presenti gli esercizi che i calciatori eseguono prima dei tempi supplementari di una partita di calcio? Stretching allo stato puro...

È pericoloso?
Sì, se praticato in maniera non corretta, a freddo, o dando strappi. Lo stretching può causare più problemi di quanti non ne risolva se praticato in maniera errata. Come tutti gli sport, d'altra parte. Se frequentate una palestra fatevi seguire, almeno all'inizio, da un istruttore. Se volete praticarlo a casa, assicuratevi di esservi adeguatamente documentate prima di iniziare.

Quali sono gli esercizi?
Sono innumerevoli. Ce ne sono molti che si possono praticare in coppia, aiutandosi con un partner o una partner di allenamento. Il nostro consiglio è quello di fare ricorso, una volta di più, alla Rete. Digitate delle semplici keywords come "stretching exercises" o "stretching techniques" in un motore di ricerca e sfogliate I risultati. Troverete abbondanti descrizioni di esercizi corredate da foto. Avrete solo l'imbarazzo della scelta.

Dove praticare lo stretching?
Dove volete. È uno degli aspetti positivi dello stretching. Non richiede attrezzature (a meno che non vogliate avventurarvi in tecniche ultraprofessionali), al massimo un tappetino su cui sdraiarsi. Potete quindi praticarlo in palestra, se preferite, ma anche nel salotto di casa. Dipende solo da voi.

Quante volte la settimana?
Anche qui, la frequenza degli allenamenti dipende largamente dalle vostre preferenze e dalla quantità di tempo a vostra disposizione. Ogni giorno, o due-tre volte la settimana, dipende da voi. L'importante è stare sempre a sentire il nostro corpo.

Il nostro consiglio, comunque, è quello di affiancare sempre un'attività sportiva, anche in palestra, allo stretching, per ottenere il massimo beneficio possibile dalle tecniche di allungamento muscolare associate ad attività fisiche più mirate ad obiettivi specifici, come ad esempio lo sviluppo e la bonificazione muscolare, o il dimagrimento.


TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Teniamoci in contatto!
Iscriviti gratis alla newsletter di Margherita.net. Ricevi i nostri aggiornamenti settimanali direttamente nella tua mailbox

ADVERSUS
Moda uomo, modelle, stile e tendenze capelli uomo. Fai click qui, leggi ADVERSUS
Fai di Margherita.net la tua homepage. Basta fare click qui

Teniamoci in contatto! :-)
Iscriviti gratis alla newsletter di Margherita.net.
Ricevi i nostri aggiornamenti settimanali direttamente nella tua mailbox