Dedicato a Velouria

 
Dedicato a Velouria
Dedicato a Velouria

Qualche giorno fa mia mamma parlava di una gatta di 25 anni che se ne è andata nel paradiso dei gatti. Ho ascoltato curiosa, (caspita quanto a lungo ha vissuto?), e ho capito che la gatta si chiamava Velouria, e il suo papà è Jackson Galaxy. Per noi gatti Jackson è una celebrità, uno tosto che dedica la sua vita a noi, ha scritto libri sui gatti e ha un programma in tv che si chiama ‘Il mio gatto è indemoniato’, lui aiuta le famiglie che si ritrovano gatti matti in casa, quasi sempre per colpa di voi Umani che non sapete come comportarvi con noi, fatto sta che Jackson arriva, osserva e consiglia. E il più delle volte risolve, perché evidentemente sa capire e parlare a noi gatti.

Comunque Jackson è un Umano straordinario, ci ama sia per la nostra bellezza!, ma anche  perché ci è riconoscente per avergli letteralmente salvato la vita: in un momento difficile in cui aveva problemi di droga, alcool e depressione ha trovato lavoro in un rifugio per gatti, e lì ha capito che se con gli uomini non riusciva ad avere a che fare, poteva mettersi al servizio degli animali. Poi a casa sua è arrivata Velouria, ecco come racconta l’incontro sul suo profilo facebook, dove Jackson ha scritto un post meraviglioso:

Dedicato a Velouria
Dedicato a Velouria

“Ho iniziato a lavorare in un rifugio per gatti nel 1993. Una mattina, mentre facevo le pulizie al rifugio, sono inciampato in una cassetta della frutta fuori dalla porta sul retro: dentro c’era un gatto molto piccolo e spaventatissimo. Avevo giurato a me stesso di non portare a casa nessun gatto dal rifugio, ma ne rimasi colpito. E non appena lo toccai, la morbidezza del suo pelo mi fece venire in mente il nome Velouria, da una delle mie band preferite, The Pixies.

Per quasi metà della mia vita, siamo stati una squadra. E’ stata con me letteralmente dall’inizio del mio viaggio nel mondo felino; posso dire che è stata lei a iniziare il tutto. E sono davvero grato per il tempo che abbiamo trascorso insieme.

Detto questo… non ho idea di come affronterò una vita senza di lei. Ne sento già terribilmente la mancanza… ma inizio con il condividerlo con voi, amici miei. Grazie per essermi vicini.”

Questo post dovrebbero leggerlo tutti quegli Umani che di fronte al dolore per la perdita di una amico a quattro zampe se ne escono con la solita odiosa frase: ‘Ma era solo un gatto!’.

Nuvola per Margherita.net

 
NOVITÀ SU MARGHERITA