Donne, moda e tendenze capelli. Il sito delle donne online
HOME MODA BELLEZZA SALUTE DIMAGRIRE CUCINARE OROSCOPO AMORE UOMINI
 

Home | Bellezza | Tendenze capelli | Capelli estate 2010 | Idee capelli corti

Capelli corti per l'estate 2010 Uno dei tagli corti più visti e moderni del momento è sicuramente quello che vuole una lunghezza media sul davanti e capelli decisamente corti dietro. Lo abbiamo visto portare da moltissime modelle in passerella alle ultime sfilate, deve essere per forza un taglio di tendenza! :)

Siamo d'accordo con voi, se decidete di mettere le forbici nei capelli, allora bisogna farlo bene. Vogliamo - ovviamente - un taglio trendy ma anche versatile. Grintoso ma anche femminile. Uno dei tagli corti più visti del momento è come detto quello che prevede una lunghezza media sul davanti e capelli decisamente corti dietro. Per un effetto sorprendentemente sexy (leggete dopo le foto).

Foto tagli capelli corti 2010
Sfilata Massimo Rebecchi primavera estate 2010
Foto tagli capelli corti 2010
Sfilata Massimo Rebecchi primavera estate 2010
Foto tagli capelli corti 2010
Francesco Scognamiglio primavera estate 2010
Foto tagli capelli corti 2010
Dalla sfilata Ter et Bantine primavera estate 2010
Foto tagli capelli corti 2010
Dalla sfilata Brioni primavera estate 2010
Foto tagli capelli corti 2010
Dalla sfilata Brioni primavera estate 2010

Sul davanti i capelli sono così lunghi da formare una frangetta che tocca le sopracciglia. Il taglio fa pensare al famoso 'taglio a scodella' di una volta. Dietro però i capelli sono corti e anche scalati. Proprio la lunghezza sul davanti fa sì che questa acconciatura possa essere portata in vari modi. Potete optare per il volume (vedete foto 1 e 2).

Potete fare lo styling con una riga in mezzo (foto 3), potete optare per un look anni '50 (foto 4) oppure tirare indietro tutti i capelli con una dose abbondante di gel (foto 5 e 6). Fate una stampa di questa pagina con le foto dei vari tagli di capelli e portatela al vostro parrucchiere di fiducia! Non potete sbagliare.

Margherita.net
2 gennaio 2010