Aiuto vuole venire a vivere con me!

Aiuto vuole venire a vivere con me!
Aiuto vuole venire a vivere con me!

(E la cosa non ti entusiasma più di tanto…) Arriva sempre il momento, in una relazione, in cui uno dei due partner pone la fatidica domanda: “andiamo a vivere insieme?”. E di solito uno dei due partner è sempre più entusiasta dell’altro. Sempre di solito, non si capisce bene il perchè, il più entusiasta sembra essere sempre lui…

“Aiutatemi, ditemi come posso fare, perché il mio ragazzo mi ha chiesto di andare a vivere insieme, e io non voglio! Non gli ho ancora dato una risposta, ma la sola idea di rinchiudermi in casa con lui giorno e notte, giorno dopo giorno, mi fa venire l’orticaria…” così ci scrive Marina, che prosegue “cercate di capirmi, lo amo e sto benissimo con lui, ma non voglio rinunciare alla mia indipendenza, al mio tempo libero, e al piacere di trascorrere le mie serate in santa pace”. E a dire il vero sono molte le lettere che riceviamo in cui le ragazze mettono al primo posto la propria indipendenza “gli ho detto che avrei preferito continuare a vederci così, quando ci va, e che anche per lui sarebbe stato sicuramente meglio. Non lo avessi mai detto! È successa la fine del mondo, e ancora non ne siamo usciti. Si è sentito respinto, e non riesce a farsene una ragione. Ma non capisce che non è stato respinto! È solo che dopo soli tre mesi che ci conosciamo io non me la sento di fare un passo grande e impegnativo come la convivenza…” così ci scrive stefania, cogliendo in pieno quello che è probabilmente il punto.

Sembra che, nonostante le apparenze e i proclami di indipendenza, siano proprio i maschietti quelli più ansiosi di sistemarsi, cercando molto spesso la convivenza, mentre le ragazze ci vanno con i piedi di piombo. D’altra parte a chi piacerebbe vedere la propria vita stravolta da (e attingiamo liberamente da alcune delle vostre lettere):

  • Mutande e calzini usati sparsi per la casa…
  • La televisione perennemente sintonizzata sull’evento sportivo del momento
  • Riviste per ‘soli uomini’ comprate chiaramente per la profondità dei loro articoli che sbucano da sotto il divano (quando non trovano fissa dimora in bagno… Uaaagh 🙂
  • Lattine di birra che sembrano riprodursi spontaneamente nel frigorifero, mentre i nostri vasetti di yogurt magro sono schiacciati in fondo al reparto delle verdure…
  • Telefonate degli amici a ogni ora del giorno e oltre.
  • Il nostro computer e relativo collegamento a internet perennemente monopolizzati (ma perché non se ne compra uno per sé stesso invece di usare il mio?)
  • La tavoletta del wc perennemente alzata…
  • Le nostre creme di bellezza usate in maniera indiscriminata come lozione dopobarba…
  • Il nostro lettore portatile mp3 pieno delle sue canzoni (ma perchè, come con il computer, non se ne compra uno tutto suo?)

E potremmo proseguire. Anzi, vi invitiamo a proseguire con noi, inviandoci le vostre esperienze sull’argomento. Vi è mai capitato che il vostro lui abbia insistito per andare a vivere insieme (o peggio venire a vivere a casa vostra) mentre voi non ve la sentivate? E come vi siete comportate? E soprattutto: come è andata a finire? Scriveteci. Le lettere più interessanti e utili alle altre lettrici verranno pubblicate su queste pagine.

Se ti piace leggere Margherita.net, abbonati gratuitamente alla nostra newsletter settimanale, ogni settimana nella tua mail. Fai click qui per saperne di piu.

2 Comments

  • Ciao alla redazione di margherita.net.
    Mi chiamo Federica ed ho quasi 30 anni.
    Volevo rispondere al sondaggio sulla proposta di convivenza da parte del ragazzo in una coppia.
    A me l’ha proposta e finora ho sempre rifiutato.Per i motivi legati alla mia indipendenza ma soprattutto alla nostra storia personale.Sono 8 anni che siamo insieme, mi rendo conto che lui ha ragione a voler dare una svolta al rapporto, ma io non me la sento!che devo fare!!
    perchè il rapporto è così abitudinario già che una convivenza per me non potrebbe fare altro che peggiorare.
    Mi viene l’ansia al solo pensiero!
    vorrei risolvere i problemi di routine di coppia prima, ma non ci riusciamo e non sò proprio come andrà a finire…

    Federica

    ==================

    Cavolo è da quasi 9 anni che sto insieme al mio ragazzo, e la fatidica domanda purtroppo me l’ha fatta: Andiamo a vivere insieme? In quel preciso istante mi è sembrato di essere sprofondata in un abisso, e tra me e me dicevo e adesso che gli dico!

    Bhè mi sono inventata che purtroppo non avevo soldi da parte e ho parecchie spese personali da sostenere e quindi questa cosa per il momento non è per nulla fattibile, anche se i motivi erano ben altri e tra i primi la mia indipendenza, guai a rinunciarci!

    Bhè lui ha reagito abbastanza male, mi ha dato anche un ultimatum e mi sa che ci perde lui, perché io non ho intenzione di cambiare idea almeno per adesso!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    ==================

    Secondo me per la prima ragazza, solo dopo tre mesi è normale non aver voglia di andarci a vivere insieme è troppo presto ancora neanche si conoscono, invece per le altre due che hanno risposto, credo ci sia qualcosa in più sotto che la voglia di libertà, perchè dopo 8 e 9 anni di fidanzamento, se sei realmente innamorata vuoi dare una svolta al proprio rapporto, è praticamente una cosa che vien da se, forse sarebbe il caso di prendersi una pausa di riflessione….

    ==================

    Anche io ho lo stesso problema!
    Il mio ragazzo mi ha chiesto di andare a vivere con lui! Stiamo insieme da 8 anni ed anche io mi sono rifiutata!
    Perchè…
    …ormai mi sono abituata alla nostra routine
    …non voglio perdere la mia indipendenza (spesso la sera voglio stare a casa mia e non sentire nessuno!!!)
    …mi sento troppo giovane, ho 24 anni
    …non mi piace la città dove vuole andare a vivere, non mi ha dato scelta
    …l’appartamento nel quale si è appena trasferito è stato acquistato dai suoi e, conoscendoli, mi sentirei in obbligo nei loro confronti. I miei mi hanno insegnato a cavarmela da sola, nn mi sentirei a mio agio li, non la sentirei casa mia! Lui ci è rimasto male ed abbiamo litigato ed i suoi, ovviamente, ci hanno messo bocca!
    La verità è che lui vuole una famiglia (sposarsi, avere figli…) io no! Ma sono stata chiara sin dall’inizio della nostra relazione lui lo sa, ma in fondo ha sempre sperato che io cambiassi idea!
    Per ora sta vivendo da solo ma non so per quanto reggerà e neanche io!

  • ho 50 anni, un figlio ormai diciottenne ed un ex marito con convivenza di 20 anni. Ora ho conquistato il mio “angolino” che divido con mio figlio ed il mio “lui”, con problemi economici, si è “autoinvitato” a stare più da me. Potete immaginare la forte orticaria che mi è comparsa.
    Se la prenderà sicuramente; ho la scusa del figlio ma lui insiste. Ho profondi sentimenti nei suoi confronti ma quando viene da me vince la poca sopportazione che ho dei suoi atteggiamenti: da per scontato che la cena sia pronta, non ha un minimo di riguardo quando mangia, si lamenta che non sto vicino a lui dopo che LUI ha mangiato (perché devo lavare pentole e piatti, non ho lavastoviglie)…… credo che il mio sia “realismo” ed il suo “egoismo”….. non si tratta di “amo o non amo”, si tratta di essere coscienti e di vedere la realtà nuda e cruda così com’è.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.