Donne, moda e tendenze capelli. Il sito delle donne online
HOME MODA BELLEZZA SALUTE DIMAGRIRE CUCINARE OROSCOPO AMORE UOMINI
 

Home | Affaridicuore | Come confessare un tradimento

Come confessare un tradimento

E adesso? Quale sia il motivo, se abbiamo deciso di confessare un tradimento, ci troviamo di fronte ad un problema. Grande. Enorme. Quasi.

DI MARGHERITA.NET



Tendenze capelli inverno 2014

Non affrontiamo qui il tema, intendiamoci bene, dell'opportunità o meno di confessare un tradimento. Quella è una decisione assolutamente personale. E nemmeno parleremo di come gestire la situazione a scoperta involontariamente avvenuta, da parte del partner, di un vostro tradimento. Parleremo invece di come affrontare e gestire una confessione pienamente spontanea, la confessione di un tradimento ad un partner assolutamente all'oscuro di tutto.

Ci sono molte situazioni in cui si decide che confessare un tradimento sia la cosa migliore da fare.

Motivi di salute (magari una malattia contratta durante il tradimento e che adesso si rischia di trasmettere al partner o alla partner), motivi di coscienza con sensi di colpa annessi.

O magari il tradimento è stato un episodio assolutamente non pianificato, un affare di una notte, complice magari qualche bicchiere di troppo e ce ne siamo amaramente pentite. E adesso? Quale sia il motivo, se abbiamo deciso di confessare un tradimento, ci troviamo di fronte ad un problema. Grande. Enorme. Quasi insormontabile.

Quasi. Perchè un modo lo si trova sempre, magari senza rischiare di compromettere ulteriormente la situazione, e cercare - se possibile - di salvare il salvabile.

Innanzitutto: come dirglielo. Difficile, e molto personale. Sicuramente è importante trovare il momento giusto, non quando ci sono altri problemi, o impegni, o appuntamenti che potrebbero rendere problematica la fase immediatamente successiva alla confessione. Evita anche frasi ad effetto, tipo: "Caro siediti perchè devo confessarti qualcosa...". E allora? La risposta è che non esiste una regola per come si deve confessare un tradimento.

Esistono troppe variabili interne alla coppia per dare un consiglio generale. Spetta a te valutare bene la situazione, e trovare il modo più rapido e diretto per iniziare il discorso. Prima di farlo, però, tieni bene a mente i punti qui sotto...

1) Valuta bene le conseguenze della tua confessione. Non farlo mai in un impulso, o per liberarti da un peso e basta, ma soprattutto non farlo se il tuo obiettivo è quello di far soffrire il partner, per una tua personale vendetta.

2) Se non hai interesse a salvare (o tentare di salvare) la tua relazione forse è meglio chiudere il rapporto senza nemmeno confessare, piuttosto che innescare una serie di reazioni a catena con una confessione di tradimento che non porterà a nulla.

3) Se hai a cuore il futuro del rapporto, ricordati che a volte non confessare (magari riproponendosi di non tradire più) può essere più produttivo e meno doloroso, per entrambi.

4) Sii pronta ad affrontare una reazione anche molto violenta da parte del partner. Quello che stai per confessare è uno dei più dolorosi 'reati' che si possono commettere all'interno di una coppia.

5) Lascia che il partner esprima il proprio dolore, senza assumere atteggiamenti ostili, senza chiuderti e senza porre condizioni del tipo "o ti calmi o me ne vado..."

6) Rispondi con onestà a tutte le domande che - sicuramente - riceverai, senza però dilungarti in dettagli dolorosi, o particolari inutilmente descrittivi...

7) Spiega, se possibile, i motivi che ti hanno spinta a tradire. Cerca di rendere coerente la tua storia, non lasciare spazio a interpretazioni.

8) Se non ne vieni a capo, se nonostante tutto non riuscite a trovare una via d'uscita ma entrambi vorreste provare ad andare avanti, non aver paura di rivolgerti ad un professionista qualificato. A volte qualche colloquio può fare miracoli.

9) Il resto del difficile lavoro di ricostruzione, superata la tempesta iniziale, toccherà a te..

Margherita.net