10 piante sul balcone

A sentir parlare di orti e ortaggi ovunque sembra che siano tutti contadini. Ma al di là delle tendenze del momento, è un dato di fatto che se producessimo una piccola quantità di ortaggi a nostro uso e consumo il risparmio e la soddisfazione sarebbero immensi. E non bisogna nemmeno avere un terreno, perché il balcone è più che sufficiente per coltivare alcuni sicuri ortaggi, che durante tutta la bella stagione ci forniscono verdura e con un po’ di fortuna anche qualche frutto. Non parlatemi di pollice verde, che le piante molto più spesso di quanto immaginiamo, se la cavano benissimo da sole. Basta scegliere quelle giuste, senza pretendere di coltivare ananas o banani sul balcone.


Se ti piace Margherita.net iscriviti alla nostra newsletter per ricevere i nostri aggiornamenti via email. Fai click qui per iscriverti.

Ecco allora i 10 ortaggi che vi consigliamo di piantare sul vostro balcone, in semplici vasi di terracotta, senza dover appesantire troppo il balcone condominiale.

1 – Fragole:  danno frutti prima di tutti, a giugno e non hanno bisogno di antiparassitari, basta fare attenzione alle lumache. Ma sui balconi non è un gran problema.

2 – Pomodori: questi sono quelli che danno più soddisfazione, i ciliegini o datterini in particolare. Non consigliamo i cuo di bue o i ramati, ma se volete fare una prova non si sa mai. Il problema del pomodoro è il sole, cioè deve averne abbastanza. E poi ci sono i funghi che possono colpire le sue foglie e per questo è consigliato l’uso del verderame per proteggerlo (il verderame è ammesso anche in agricoltura biologica);

3 – Zucchine: le si possono seminare direttamente in vaso e crescono molto velocemente, la loro ampiezza però ne limita l’uso su un balcone, forse meglio quelle rampicanti.

4 – Insalata gentilina, radicchio e bietoline: tutte insalate che possono essere tagliate durante la stagione e ricrescono, dando un’ottima produzione da usare al momento;

5 – Basilico, rosmarino, sedano, prezzemolo, timo, salvia e menta… A parte il basilico e la menta, le altre durano tutto l’anno. E avere il prezzemolo a portata di mano da tritare fresco non è male. Per non parlare delle foglie di menta per i cocktail estivi.

6 – Peperoncini: i peperoni sono più difficili da coltivare sul balcone, ma i peperoncini invece ne esistono di tante varietà e sono molto produttivi, oltre che coloratissimi.

7 – Porri: utili perché sostituiscono l’uso della cipolla ma più delicati.

8 – Erba cipollina: ha una fioritura stupenda e resiste fino ad autunno inoltrato.

9 – Rapanelli, molto facili da coltivare e produttivi molto presto.

10 – Piselli rampicanti: hanno bisogno di un tutore su cui crescere, non commettete l’errore di mettere troppi semi che vi invaderanno il terrazzo.

Non vi diciamo di coltivarle tutte, scegliete quelle che più vi ispirano, non rinunciate però a qualche pomodoro ciliegino, il più semplice e produttivo. Le erbe aromatiche dovrebbero esserci sempre. E poi fate degli esperimenti, le piantine nei vivai costano poco, i semi ancora meno e vale la pena tentare per individuare le specie che crescono meglio sul vostro balcone. Attenzione all’uso del terriccio e dei vasi, quelli di plastica trattengono molto l’umidità e quindi si rischiano varie malattie delle piante. Attenzione a non dare quindi troppa acqua.

 

4 Comments

    • Se vuoi verde bello e utile, puoi spaziare con le piante aromatiche: il rosmarino è bellissimo, oltre che utile e profumato, il timo, erba cipollina (la semini e cresce senza tanti complimenti), prezzemolo, sedano… prova, davvero non è difficile. Se poi vuoi intervallare il tutto con dei fiori secondo me il balcone ne guadagna: lavanda, gerani (banali, ma i più facili da coltivare) oppure mille altri fiori… magari ci penso e faccio un post sui fiori da balcone.

  • Beh noi consiglieremmo a Silvia S di preparare 2/3 vasi di almeno 30/50cm di diametro; il substrato che riceverà semi o piantine è il lavoro che più chiede attenzione(purtroppo spesso trascurato),poi tutto diventa facile. Come preparare i vasi: comprare i sacchi necessari di terriccio ed un sacco di stallatico. Una volta riempito il vaso di terriccio spargere circa un dito di stallatico e mescolarlo al terriccio,ma non in profondità.Fine
    A questo punto ,come prima volta e visto che siamo già a maggio, consiglieremmo di acquistare qualche piantina di pomodori( dal frutto piccolo),piantarne nel vaso una ed una seconda di riserva e tenere pronta una asticella(un bambu) lungo la quale far crescere la piantina. Innaffiare ma non spesso.I risultati saranno incoraggianti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.